La Roma sbatte contro il muro Sorrentino: 0-0 al Bentegodi tra i giallorossi e il Chievo Verona [FOTO]

  • LaPresse/Luciano Rossi AS Roma

    LaPresse/Luciano Rossi AS Roma

  • LaPresse/Luciano Rossi AS Roma

    LaPresse/Luciano Rossi AS Roma

  • LaPresse/Garbuio Paola

    LaPresse/Garbuio Paola

  • LaPresse/Garbuio Paola

    LaPresse/Garbuio Paola

  • LaPresse/Luciano Rossi AS Roma

    LaPresse/Luciano Rossi AS Roma

  • LaPresse/Luciano Rossi AS Roma

    LaPresse/Luciano Rossi AS Roma

  • LaPresse/Luciano Rossi AS Roma

    LaPresse/Luciano Rossi AS Roma

  • LaPresse/Luciano Rossi AS Roma

    LaPresse/Luciano Rossi AS Roma

/

La Roma, specialmente nel secondo tempo, domina il match ma i giallorossi non riescono a superare il Chievo per via delle parate miracolose di Sorrentino

“Il Chievo, dopo aver fermato il Napoli (il 5 novembre), inchioda sullo 0-0 la Roma. Allo stadio Bentegodi, nel lunch match della sedicesima giornata della serie A, i veneti “bloccano” i giallorossi. Protagonista assoluto Sorrentino, autore di diversi interventi prodigiosi. Nei padroni di casa, orfani degli infortunati Castro, Hetemaj e Rigoni, Rolando Maran ha deciso di iniziare la sfida con il solito modulo 4-3-1-2, schierando Cacciatore, Tomovic, Gamberini e Jaroszynski a protezione di Sorrentino; Bastien, Radovanovic e Depaoli lungo la linea mediana; con Birsa a sostegno del duo offensivo composto da Meggiorini e Inglese. Relegati in panchina Pucciarelli e Pellissier. Negli ospiti, privi dello squalificato De Rossi e degli indisponibili Defrel e Karsdorp, Eusebio Di Francesco ha puntato in avvio sul consueto schema 4-3-3, ribadendo un’altra volta il turn over. A riposo Perotti, Florenzi, Manolas e Dzeko, per la prima volta non titolare, in scena nell’ultima mezzora. Spazio dunque a Bruno Peres, Fazio (alla cinquantesima presenza in A), Juan Jesus e Kolarov, posizionati davanti ad Alisson; a Nainggolan, Gonalons e Strootman, a presidio del centrocampo; con Gerson, Schick (per la prima volta titolare con la maglia dei capitolini) ed El Shaarawy nel tridente d’attacco.

In avvio di gara il freddo e l’orario non condizionano più di tanto la Roma, che attacca da subito a testa bassa, sbattendo però più volte sull’organizzata e granitica difesa dei veneti. La prima occasione del match capita invece sui piedi di Inglese: su una punizione calciata da Birsa, la difesa della Roma si lascia sorprendere e l’attaccante di proprietà del Napoli di prima intenzione scheggia la traversa. Dieci minuti dopo l’attivissimo Kolarov da calcio da fermo serve in area Fazio, il quale, di testa, manca il bersaglio da due passi. Al 24′ doppia grande chance per gli ospiti: su un tiro dalla distanza di Kolarov Schick interviene di tacco e Sorrentino compie un autentico miracolo, respingendo la palla coi pugni, prima di ripetersi subito dopo sul tiro a botta sicura di Gerson (nell’occasione poco incisivo). Vibrante la seconda frazione. Al 6′ Kolarov, al termine di una bella ripartenza, sfiora il palo con un bel diagonale mancino. Al 15′ Gonalons ruba palla a meta’ campo, scambia con Schick e tira con potenza: bella la risposta del solito Sorrentino. Al 19′ calcia da fuori ancora Kolarov, trovando l’ennesima risposta del portiere clivense. Sul seguente corner Juan Jesus conclude debolmente da due passi. Al 22′ il neoentrato Dzeko manca di un soffio l’appuntamento col gol, su traversone da sinistra di Kolarov. Sul ribaltamento di fronte bel cross di Inglese con Cacciatore che spara alto da buona posizione. Al 33′ bel cross da destra di Nainggolan ma Dzeko in spaccata non trova il bersaglio. Al 37′ calcia Schick, palla deviata da Tomovic e super parata di Sorrentino. Sulla ripartenza Birsa spara alle stelle da ghiotta posizione. A seguire la retroguardia del Chievo continua a fare buona guardia, fino al triplice fischio dell’arbitro. La Roma meritava qualche cosa in piu’ ma i clivensi si sono confermati molto, molto ostici. (ITALPRESS).

FotoGallery