Finale US Open – Non c’è storia, Nadal sbrana Anderson: a Flushing Meadows risuona il ruggito del Leone di Manacor

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

/

Rafa Nadal conquista il terzo trofeo US Open della carriera superando Kevin Anderson in finale: lo spagnolo si impone in 3 set

LaPresse/Reuters

US Open: Nadal batte Anderson – Se la finale femminile è stata inedita e ha incoronato una nuova campionessa, nel maschile Rafa Nadal non fa sconti e sbatte la potenza del suo dritto in faccia a possibili sorprese. Il sudafricano Kevin Anderson, capace di riportare il suo paese in finale Slam per la prima volta dal 1984, si è scontrato contro la dura realtà: Rafa Nadal è il miglior tennista di questo 2017. Lo dicono i numeri: 3 finali Slam in stagione, una sconfitta agli Australian Open contro Federer e due vittorie imbarazzanti, senza mai soffrire, fra Roland Garros e US Open. La corona ATP, conquistata nelle scorse settimane e difesa su una superficie che favoriva lo sfidante Federer, sottolinea ancora una volta la forza del Leone di Manacor.

LaPresse/Reuters

US Open: Nadal batte Anderson – Anche oggi non c’è stata storia. Rafa si è imposto in 3 set con il punteggio di 6-3 / 6-3/ 6-4. Una vera e propria sentenza per il n°32 al mondo che, da sfavorito, si è visto dissinnescare anche il suo colpo migliore, il dritto, disinnescato dalla super difesa di Rafa. Nel primo set, dopo i game nei quali Anderson ha salvato 4 palle break nei suoi due turni di battuta, Nadal ha cambiato passo al settimo gioco, trasformando finalmente una palla break, preludio del 6-3 finale ottenuto ancora una votla su turno di battuta del seudafricano.

LaPresse/Reuters

US Open: Nadal batte Anderson – Nel secondo set è bastato un solo break allo spagnolo, quello sul 4-2 ottenuto alla seconda palla break, per portare a casa il punto del 2-0. Troppa la differenza di valori visti in campo. Nel terzo set Anderson si gioca il tutto per tutto, subisce un break al primo game ma poi non perde alcun servizio: cambia poco per Rafa che si limita a portare a casa senza problemi ogni turno di battuta e chiude il match con il punteggio di 6-4. È il terzo US Open della carriera (16° Slam in bacheca, 74° titolo) per Rafa dopo quelli vinti nel 2010 e nel 2013.

FotoGallery