Chiesa e Pezzella, sorriso Fiorentina: Bologna ko al Franchi [GALLERY]

  • LaPresse/Jennifer Lorenzini

    LaPresse/Jennifer Lorenzini

  • LaPresse/Jennifer Lorenzini

    LaPresse/Jennifer Lorenzini

  • LaPresse/Jennifer Lorenzini

    LaPresse/Jennifer Lorenzini

  • LaPresse/Jennifer Lorenzini

    LaPresse/Jennifer Lorenzini

  • LaPresse/Jennifer Lorenzini

    LaPresse/Jennifer Lorenzini

  • LaPresse/Jennifer Lorenzini

    LaPresse/Jennifer Lorenzini

  • LaPresse/Jennifer Lorenzini

    LaPresse/Jennifer Lorenzini

  • LaPresse/Jennifer Lorenzini

    LaPresse/Jennifer Lorenzini

  • LaPresse/Jennifer Lorenzini

    LaPresse/Jennifer Lorenzini

  • LaPresse/Jennifer Lorenzini

    LaPresse/Jennifer Lorenzini

  • LaPresse/Jennifer Lorenzini

    LaPresse/Jennifer Lorenzini

  • LaPresse/Jennifer Lorenzini

    LaPresse/Jennifer Lorenzini

/

Una perla di Chiesa e un colpo di testa dell’argentino Pezzella regalano alla Fiorentina il successo sul Bologna. Un gol e un palo per Palacio, i rossoblù sconfitti al Franchi

LaPresse/Jennifer Lorenzini

Seconda vittoria consecutiva, la prima tra le mura amiche del ‘Franchi’: dopo il pokerissimo inflitto al Verona, la Fiorentina batte nell’anticipo il Bologna per 2-1 grazie alla rete decisiva dell’argentino Pezzella. Gli altri due gol, sempre nella ripresa, erano stato siglati da Chiesa e da Palacio, che nel finale colpisce di testa anche un palo. Ancora privo di Saponara, Pioli non rinuncia al suo assetto offensivo, schierando Chiesa, Thereau e Benassi a supporto dell’unica punta di ruolo, Simeone. Donadoni, costretto a fare a meno degli indisponibili Falletti, Torosidis, Keita e Maietta, spedisce Destro in panchina, affidandosi ad un tridente composto da Verdi, Palacio e Di Francesco. Dopo 1′ Mirante è già costretto ad uscire per anticipare Simeone, sintomo di una Fiorentina decisa a fare la partita e di un Bologna che, dopo il pesante ko con il Napoli, pensa soprattutto a coprirsi. Questo il copione, almeno in avvio di primo tempo. La prima chance per i viola arriva al 10′: Thereau, imbeccato sotto porta da una punizione di Biraghi, incorna senza potenza, permettendo la presa di Mirante. Simeone, al 13′, non sfrutta a dovere un errore della difesa ospite, Astori al 21′ tenta l’acrobazia con risultati da dimenticare. Al 29′ il Bologna pareggia il numero delle occasioni: Verdi invita Palacio alla conclusione da centro area, l’ex interista pero’ non trova lo specchio, dando solo l’illusione del gol.

LaPresse/Jennifer Lorenzini

Nel finale di tempo Chiesa si fa minaccioso: al 39′ Mirante si allunga per rendere innocua una sua conclusione da lontano, al 43′ il figlio d’arte si invola in un coast to coast concluso con un destro non all’altezza. Chiesa si riscatta dopo 6′ della ripresa con una conclusione a giro tipica del papa’ Enrico, una pennellata che non lascia scampo a Mirante. Gli emiliani pero’ hanno il merito di rispondere subito per le rime e, al 7′, impattano con Palacio, che sfrutta l’assist di Taider per far esplodere un destro di prima intenzione. Al 16′ Mirante sbaglia un’altra uscita ma Simeone si fa murare al momento di far male, al 19′ Verdi tenta la sberla da fuori senza troppa fortuna. Cosi’, a sbloccare di nuovo il match e’ un ‘volto nuovo’, Pezzella, che festeggia la sua prima convocazione con l’Argentina con un preciso colpo di testa da corner di Biraghi. Gran giocata di Simeone al 28′, i cambi lentamente si esauriscono e la partita sembra indirizzata verso il 2-1. Anche perché Palacio, mai domo, al 39′ stampa il palo con una grande inzuccata che altrimenti avrebbe superato Sportiello. Insomma, al Bologna, al suo secondo stop di fila, non va neanche bene, anche se, al netto degli episodi e del tentativo di forcing finale degli ospiti, la vittoria della Fiorentina puo’ definirsi meritata. (ITALPRESS).

FotoGallery