Vuelta di Spagna, oggi iniziano le montagne: ecco i pronostici di SportFair della terza tappa [FOTO]

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/ Fabio Ferrari

    LaPresse/ Fabio Ferrari

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Fabio Ferrari

    LaPresse/Fabio Ferrari

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/EFE

    LaPresse/EFE

  • LaPresse/EFE

    LaPresse/EFE

  • LaPresse/ Spada

    LaPresse/ Spada

  • Gian Mattia D'Alberto /LaPresse

    Gian Mattia D'Alberto /LaPresse

/

La terza tappa della Vuelta di Spagna sarà adatta ai passisti a causa del finale che porterà la carovana in rosso ad Andorra. Ecco i pronostici di SportFair

Dopo due tappe si inizia a salire alla Vuelta di Spagna. La terza tappa della grande corsa spagnola vedrà la carovana in rosso partire da Prades Conflent Canigò e terminare ad Andorra La Vella dopo 158 chilometri. Il percorso si articolerà sui Pirenei con pochi tratti pianeggianti e tanti saliscendi. Questa frazione sarà molto interessante per gli uomini di classifica che inizieranno a darsi battaglia per conquistare la maglia rossa.

L’inizio della terza tappa della Vuelta di Spagna sarà tortuoso: dopo soli 30 chilometri ci sarà la salita sul Col de la Perche, GPM di prima categoria che misura 19.5 km al 4.8%. Il finale di tappa che porterà i corridori ad Andorra sarà difficile a causa della salita del Coll de la Rabassa (13,3 chilometri con pendenze del 6,8%) e soprattutto l’Alto de la Comella. 7 chilometri di lunghezza con pendenze del 8,6%. 

I favoriti

Vincenzo Nibali ieri ha corso una buona frazione e la sua forma fisica sta migliorando giorno dopo giorno. Il capitano della Baharain Merida ha preparato al meglio questa Vuelta di Spagna e sicuramente sarà protagonista. Chris Froome è un altro dei favoriti della vittoria di tappa e il team Sky ha nuovamente concentrato le energie sul capitano britannico. Romain Bardet potrebbe essere la sorpresa: il francese ha lavorato molto e avrà l’aiuto di Pozzovivo.

Outsider 

Alberto Contador della Trek Segafredo, Rafa Majka della Bora Hansgrohe, Bob Jungels della Quick Step Floors, Rohan Dennis della BMC.

FotoGallery