MotoGp, Dovizioso tuona: “non sono uno sbruffone, ma so cosa serve a questa Ducati”

dovizioso Alessandro La Rocca /LaPresse

Il pilota della Ducati ha parlato del momento che sta vivendo la Ducati, concentrandosi sugli aspetti da migliorare per competere con Marquez

Marc Marquez continua a dominare la scena, veleggiando in vetta alla classifica piloti e avvicinandosi sempre più verso l’ennesimo Mondiale in carriera.

AFP/LaPresse

Una superiorità pazzesca quella della Honda e del suo alfiere, capace di lasciare solo le briciole ad una Ducati che non riesce a trovare il bandolo della matassa. Dovizioso le sta tentando tutte per risalire la china, ma al momento Marquez sembra troppo forte: “non sono uno sbruffone, riconosco quanto sia forte Marc, uno dei più forti di tutti i tempi, che in più corre con una Honda. Però non è imbattibile. Gli ultimi due anni non siamo finiti lontani, dobbiamo focalizzarci su di noi. Adesso dobbiamo focalizzarci totalmente su ciclistica e telaio, mai considerati come una priorità fino a questo momento. Serve sederci a un tavolo e fare una strategia per il futuro. Se serve un anno, prendiamo un anno. Si continua a pensare che io non sia aggressivo, ma non è vero. Se non hai la velocità non è che diventando aggressivo tu possa cambiare risultato. E, soprattutto, correndo in difesa non puoi mantenere la stessa intensità tutta una gara. Il mio stile è di essere dolce nella guida, la mia aggressività non si vede ma non vuol dire che non spinga al 100%. Chi dice certe cose non sa di cosa parla“.

Valuta questo articolo

Rating: 4.0/5. From 1 vote.
Please wait...
About Ernesto Branca (28995 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery