Volleyball Nations League, Italia sconfitta dal Belgio: le azzurre chiudono al quarto posto

VNL - Davide Mazzanti carica le azzurre

La Nazionale femminile chiude al quarto posto in classifica generale dietro Cina, Stati Uniti e Brasile

Si è chiusa con una sconfitta 2-3 (25-12, 20-25, 25-16, 14-25, 10-15) per mano del Belgio la fase preliminare della Volleyball Nations League della la nazionale italiana femminile. Gli undici successi e i 34 punti ottenuti piazzano le ragazze di Mazzanti al quarto posto nella classifica generale, dietro a Cina, Stati Uniti e Brasile (ora in campo con la Turchia).

Al termine di tutte le gare, inoltre, si conosceranno i gironi della Final Six di Nanchino (3-7 luglio), composti secondo questo schema: (Pool A) Cina (testa di serie n.1), 4a classificata, 5a classificata; (Pool B) 2a classificata; 3a classificata; 6a classificata. In attesa dell’ufficializzazione della Fivb, l’Italia dovrebbe essere inserita nella pool A, insieme a Cina e Turchia. La pool B, invece, sarebbe formata da: Stati Uniti, Brasile e Polonia. Chirichella e compagne domani faranno ritorno in Italia e si raduneranno nuovamente venerdì 28 giugno, quando partiranno alla volta di Nanchino. Nella partita di oggi il Ct Mazzanti ha fatto ampio uso del turnover, riproponendo la formazione scesa in campo contro il Brasile.
Ottimo l’avvio delle azzurre, Orro ha gestito bene il gioco e il Belgio ha potuto poco o niente. Molto diverso il copione del secondo parziale, l’Italia è scivolata pesantemente indietro e non è più stata in grado di rientrare. Nella terza frazione le vice campionesse mondiali sono tornate padrone del campo e hanno chiuso velocemente i conti. La risposta belga è arrivata nel quarto parziale, Pietrini e compagne hanno sofferto il servizio avversario, dovendo cedere nettamente.

Nel tie-break il Belgio è partito meglio e le ragazze di Mazzanti non sono state più in grado di colmare lo svantaggio. La migliore marcatrice dell’incontro è stata Elena Pietrini con 19 punti, seguita per l’Italia da Sarah Fahr 17 p. (3 aces e 5 muri) e da Caterina Bosetti 15 p. (4 muri). A livello complessivo la squadra belga è stata superiore in battuta (8 aces a 6), a muro (11 contro 10) e soprattutto ha commesso quasi la metà degli errori, rispetto alle vice campionesse mondiali (20 a 35).

CRONACA – Nel primo set la nazionale tricolore ha fatto il vuoto, nel giro di poche azioni Pietrini e compagne hanno staccato pesantemente le avversarie (6-1). Il muro (3 di Fahr) e il contrattacco azzurro hanno girato molto bene, al contrario del Belgio che ha fatto tanta fatica (13-4). Le ragazze di Mazzanti, ottimamente guidate da Orro, non hanno mai abbassato il ritmo e il punteggio del parziale è stato un perentorio (25-12). Completamente opposto l’andamento della seconda frazione, l’Italia ha commesso una brutta serie di errori e il Belgio ne ha approfittato (1-5). Le azzurre non hanno trovato lo stesso ritmo del set precedente, mentre le avversarie hanno preso con decisione il comando (3-10). Pietrini ha provato a scuotere le compagne (8-11), ma le belghe in poche azioni hanno prima ristabilito la distanza di sicurezza (13-20) e poi amministrato il vantaggio (20-25).

Il terzo set ha visto le squadre rimanere in parità sin sul (10-10), momento in cui le ragazze di Mazzanti hanno spinto sull’acceleratore (14-11). Il turno in servizio di Orro ha lanciato la fuga azzurra con il Belgio ben bloccato dal muro di Fahr e compagne (16-12). La nazionale tricolore, in evidenza Fahr e Alberti, ha condotto senza problemi il gioco, imponendosi di forza (25-16).
Ancora una volta il match ha cambiato padrone del quarto parziale, il Belgio ha sfruttato molto bene il servizio, mettendo in crisi le azzurre (9-16). I tanti errori dell’Italia hanno spianato ulteriormente la strada alle avversarie 14-25). Il momento favorevole del Belgio è proseguito nel tie-break, l’Italia ha faticato in ricezione ed è scivolata indietro (1-4). Le formazione azzurra ha tentato di rientrare, ma non c’è stato niente da fare (10-15).

DAVIDE MAZZANTI: “Peccato per la partita di oggi, abbiamo alternato momenti in cui abbiamo giocato molto bene, ad altri in cui siamo stati un po’ troppo precipitosi e poco precisi ne gestire le situazioni difficili. C’è mancata la costanza di gioco e nel tie-break, dopo esser andati sotto, non ce l’abbiamo più fatta a rimontare. Al termine della fase preliminare siamo soddisfatti di aver centrato l’obiettivo della Final Six, un passaggio fondamentale nella programmazione della stagione. Siamo molto contenti di andare alle finali, un appuntamento che ci servirà anche per impostare il lavoro verso la qualificazione olimpica di Catania e capire su quali aspetti dobbiamo migliorare.

Questa VNL ha rappresentato un’esperienza importante per molte ragazze, rispetto all’anno scorso sicuramente sono state di più le giocatrici che hanno avuto spazio e quindi possibilità di crescere. Sono convinto sarà un bagaglio importante che ci porteremo dietro a Nanchino e per tutta la stagione. Se alla Final Six troveremo Cina e Turchia, posso dire che sono due squadre che conosciamo molto bene. Negli ultimi anni spesso ci hanno messo in difficoltà e quindi ci aspetta un girone bello tosto. D’altronde quando si prende parte alle Finali è scontato affrontare formazioni di altissimo livello”.

ELENA PIETRINI: “Oggi abbiamo avuto tanti alti e bassi e alla fine il Belgio ne ha approfittato. Siamo dispiaciute perché ci sono stati molti errori da parte nostra, bastava un po’ più di attenzione per portare a casa la vittoria.
In generale siamo soddisfatte di come è andata la prima fase della VNL e adesso ci aspetta la Final Six, dove vogliamo dare il nostro meglio. A livello personale sono contenta di aver giocato tanto e ritrovato il ritmo partita”.

BEATRICE PARROCCHIALE: “Ci tenevamo a chiudere con una vittoria questa fase, soprattutto per il duro lavoro sostenuto nelle ultime settimane. Quando abbiamo tenuto un livello alto nel cambio palla siamo riuscite a imporre il nostro gioco, mentre negli altri set ci sono stati troppi errori e cali d’attenzione. Magari se nel tie-break fossimo partite meglio, avremmo ottenuto una vittoria.
Il bilancio è comunque sicuramente positivo e adesso ci prepareremo al meglio per la Final Six, un traguardo a cui tutte noi tenevamo tantissimo. Diciamo che il primo obiettivo è stato raggiunto, a Nanchino si ripartirà da capo, sarà come una sorta di mini torneo”.

Tabellino: BELGIO – ITALIA 3-2 (12-25, 25-20, 16-25, 25-14, 15-10)

BELGIO: Van De Vyver, Herbots 17, Sobolska 9, Grobelna 6, Van Gestel 10, Janssens 4. Libero: Guilliams. Van Sas 3, Van Avermaet 8, Stragier 1, Valkenborg (L), Rampelberg. N.e: Goliat, Van De Vyver J. All. Vande Broek
ITALIA: Orro 2, Fahr 17, Pietrini 19, Nicoletti 12, Alberti 7, C.Bosetti 15. Libero: Parrocchiale. De Gennaro, Sorokaite 2, Danesi. N.e: Sylla, L. Bosetti (L), Malinov e Chirichella. All. Mazzanti
Arbitri: Rolf (Usa) e Kovar (Cze).
Spettatori: 870. Durata Set: 20’, 24’, 23’, 23’, 14’.
Belgio: 8 a, 13 bs, 11 m, 20 et.
Italia: 6 a, 14 bs, 10 m, 35 et.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
About Ernesto Branca (28126 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.
Contact: Website


FotoGallery