MotoGp, Test Barcellona – Retroscena Dovizioso: “Jorge Lorenzo è venuto a parlarmi, ha ammesso che…”

Alessandro La Rocca - LaPresse

Al termine dei test di Barcellona, Andrea Dovizioso ha svelato un particolare retroscena legato a Jorge Lorenzo: dopo l’incidente di ieri, il maiorchino è andato a scusarsi personalmente con il pilota Ducati, spiegando di essersi fatto prendere dalla foga

All’indomani del GP di Catalunya, il team Mission Winnow Ducati è tornato in pista a Montmeló (Spagna) per una giornata di test collettivi. In condizioni meteo soleggiate, con temperature intorno ai 30 gradi nell’aria e 55 gradi sull’asfalto, Danilo Petrucci ed Andrea Dovizioso hanno percorso rispettivamente 57 e 63 giri provando diverse novità di ciclistica, aerodinamica ed elettronica sulla Desmosedici GP 19. Petrucci ha siglato il miglior giro personale in 1:39.917 chiudendo in undicesima posizione assoluta, mentre Dovizioso (12º) ha chiuso a soli otto millesimi dal compagno di squadra in 1:39.925.

dovizioso

Alessandro La Rocca /LaPresse

Nella nota ufficiale Ducati Andrea Dovizioso ha dichiarato: “è stato un test positivo, nel quale ci siamo concentrati su diverse aree. Abbiamo provato alcune novità di pneumatici portati da Michelin in vista delle prossime gare, ed una modifica a livello di ciclistica che ci ha dato un buon feeling soprattutto in ingresso curva, anche se potremo capire il vero vantaggio soltanto in gara. Ieri non è andata come speravamo, ma è importante continuare a lavorare duramente per capire dove abbiamo margini di miglioramento ed aumentare ulteriormente la nostra competitività. Già a partire da Assen, proveremo a sfruttare a nostro favore gli aggiornamenti provati qui”. 

Intervistato da Motorsport il pilota Ducati ha poi aggiunto: “Halo? E’ una prova che abbiamo voluto fare per una cosa futura. Il vedo-non vedo era una cosa nuova, nel senso che non vedevo niente, ma era una prova per dare feedback agli ingegneri.

Costanza Benvenuti – LaPresse

Io e Petrucci contro Marquez? Nelle moto fare questi tipi di strategie è molto complicato ed è difficile che funzionino. Non credo che ci dobbiamo focalizzare su queste cose, ma dobbiamo cercare di migliorare le cose su cui possiamo avere un po’ di margine. Il lato negativo, come ho detto ieri, è che Marc può gestire nelle prossime gare, ma per noi non cambia niente, perché cerchiamo di portare a casa il massimo in ogni weekend. Penso che Marc sarà meno al limite e rischierà meno di fare degli errori, perché quando hai 37 punti di margine la tensione è diversa rispetto a quando hai tutti vicini. Per mettergli pressione, dovremmo essere più vicini a livello di punti. Se lavoriamo bene, possono cambiare tantissime cose, ma sappiamo quanto sia forte Marc e quanto abbia imparato a gestirsi. Non è un caso se ha vinto tanti campionati.

L’incidente causato da Jorge Lorenzo? Quello che è successo non ha bisogno di interpretazioni, è chiaro. Poi uno può valutarlo più o meno grave, ma non c’era bisogno di chiamare i vari piloti per fargli descrivere la situazione. La penso esattamente come ieri e non sono d’accordo, perché il motivo per cui ha fatto l’errore è stato la troppa foga, come mi ha detto anche Jorge quando è venuto a parlare. Ripeto, non è per la gravità di quello che fatto, ma perché si è fatto prendere dalla foga. I piloti di Moto3 vengono penalizzati per quello e non vedo perché non dovrebbe esserlo un pilota di MotoGP. Non mi fa arrabbiare questa cosa, perché non ci condiziona le prossime gare, quindi non mi interessa che venga penalizzato. Era solo una mia considerazione“.

Valuta questo articolo

Rating: 4.3/5. From 12 votes.
Please wait...
About Mirko Spadaro (15893 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 9 agosto 1993 è un esperto di basket e calcio, ama tutti gli sport a 360 gradi. Scrive su SportFair dal 2016
Contact: Website


FotoGallery