Golf – US Open: Gary Woodland resta leader con 202 colpi, Francesco Molinari guadagna due posizioni

Francesco Molinari

Il golfista italiano è salito in diciassettesima posizione, guadagnando due posizioni grazie ad un’ottima prestazione: in testa rimane Woodland

Gary Woodland ha tenuto un buon passo rimanendo al comando con 202 (68 65 69, -11) nel 119° US Open, il terzo major stagionale che si sta svolgendo sul percorso del Pebble Beach Golf Links (par 71), a Pebble Beach in California, dove Francesco Molinari, 17° con 211 (68 72 71, -2) ha guadagnato due posizioni, e Tiger Woods, 27° con 213 (70 72 71, par), è risalito di cinque.

Woodland, 35enne texano di Topeka, tre titoli nel tour, ha realizzato un parziale di 69 (-2, tre birdie, un bogey) e ha dovuto cedere un colpo a Justin Rose, secondo con 202 (-10), ma sono aumentate, secondo le statistiche, le sue probabilità di vittoria, poiché sono stati 52 il leader dopo tre turni (contro i 41 del secondo) ad alzare il trofeo.

Brooks Koepka, numero uno mondiale e campione in carica a caccia del terzo successo consecutivo dopo quelli del 2017 e 2018, per emulare lo scozzese Willie Anderson, unico a riuscire nell’impresa tra il 1903 e il 1905, ha alimentato le sue speranze portandosi dal sesto al terzo posto con 206 (-7), ma dovrà ricorrere a tutta la sua classe per annullare sia i quattro colpi di svantaggio da Woodland, che i tre da Rose. Terzi anche Chez Reavie e Louis Oosthuizen e chance per Rory McIlroy, settimo con 207 (-6), sebbene sembra aver perso la spinta che in passato lo caratterizzava.

Lunga la lista di chi è ormai fuori gioco (e deluso) a iniziare da Jon Rahm, pur se nono con 209 (-4), e per proseguire con Xander Schauffele e Adam Scott, 14.i con 210 (-3). Ha viaggiato di pari passo con Molinari il numero due del world ranking Dustin Johnson e sono nell’anonimato di metà classifica Rickie Fowler, Sergio Garcia e Jordan Spieth, 33.i con 214 (+1), Bryson DeChambeau e Phil Mickelson, 48.i con 216 (+3), con quest’ultimo che non completerà neanche questa volta il Grande Slam con l’unico major che manca nel suo palmarés e dove è stato per sei volte runner up.

Tiger Woods è andato in altalena con cinque birdie e altrettanti bogey per il 71 del par. Ha colto 10 fairway su 14, undici green su 18 e ha avuto bisogno di 30 putt.

Per Francesco Molinari cinque buche, dalla terza alla settima, in cui è successo di tutto con tre birdie, un bogey e un doppio bogey, poi ha guadagnato un colpo sul par con un birdie nel rientro, ma lo ha perso con un bogey sull’ultimo green. E’ uscito al taglio Renato Paratore, 118° con 149 (75 74, +7), al suo primo major. Il montepremi è di 12.500.000 dollari.

Il torneo su Sky – L’US Open viene teletrasmesso in diretta e in esclusiva da Sky, canale Sky Sport US Open (205). Quarta giornata: domenica 16 giugno dalle ore 20,30 alle ore 4.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
About Ernesto Branca (28101 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.
Contact: Website


FotoGallery