Scherma, che sogno per Roberta Marzani: l’azzurra si laurea campionessa d’Europa Under 23 nella spada

LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

Oltre alla medaglia d’oro arrivata grazie a Roberta Marzani, l’Italia si gode l’argento di Leonardo Dreossi nella sciabola maschile

Iniziano nel migliore dei modi per l’Italia i Campionati Europei under23. Sulle pedane di Plovdiv si è svolta la prima giornata che ha visto i colori azzurri festeggiare subito due medaglie. Arriva infatti la medaglia d’oro, grazie a Roberta Marzani nella spada femminile e quella d’argento con Leonardo Dreossi nella sciabola maschile.

Nella gara di spada, Roberta Marzani si laurea campionessa europea di categoria, grazie al successo giunto in finale col netto punteggio di 15-6, contro la romena Alexandra Predescu. La bergamasca sale quindi sul gradino più alto del podio permettendo all’inno di Mameli di risuonare al cielo bulgaro. La spadista dell’Esercito era giunta al match che è valso il titolo continentale di categoria grazie ad un percorso netto che, nella fase finale l’ha vista superare ai quarti la svedese Elvira Martensson per 15-4 e quindi in semifinale la russa Anastasia Soldatova col punteggio di 15-8. Si era fermata invece nel turno delle 32 Eleonora De Marchi, perché sconfitta 15-9 dalla polacca Paulina Wilaszek. Stop nel primo assalto del tabellone principale per Alice Clerici, sconfitta 15-11 dalla svedese Elvira Martensson e per Cecilia Varengo, eliminata col punteggio di 15-10 dalla spagnola Sofia Cisneros.

Nella gara di sciabola maschile, Leonardo Dreossi conquista la medaglia d’argento. A fermare lo sciabolatore friulano è stato il russo Anatoliy Kostenko che si è imposto in finale per 15-11. Dreossi, in precedenza, aveva avuto ragione ai quarti di finale del francese Charles Colleau per 15-13 ed in semifinale del romeno George Dragomir col punteggio di 15-12. Si ferma ai piedi del podio invece Raffaele Minischetti, superato 15-10 dal russo, neo campione europeo under23 Anatoliy Kostenko che, nel turno dei 16, aveva fermato anche l’altro azzurro Gherardo Caranti per 15-4. Stop nel turno dei 32 per Alberto Arpino, eliminato per 15-7 dal tedesco Raoul Bonah. (Spr/AdnKronos)

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
About Ernesto Branca (28111 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.
Contact: Website


FotoGallery