Roberto Mancini fa il punto sulla Nazionale: ancora dietro le big, ma il futuro è roseo

Mancini Jennifer Lorenzini/LaPresse

Roberto Mancini si appresta a ripartire con la Nazionale italiana impegnata nelle gare di qualificazione ai prossimi Europei

Il Ct della Nazionale italiana, Roberto Mancini, ha parlato del momento della sua squadra in vista delle gare fondamentali di qualificazione agli Europei. Lo ha fatto ai microfoni de La Stampa, partendo da quanto fatto sinora: “Il pari di San Siro con il Portogallo, pur senza gol, è stata la partita migliore. Ma su tutto c’è che siamo diventati una squadra molto velocemente. Credevo ci avremmo impiegato di più, pensavo di soffrire all’inizio e invece, per merito dei ragazzi, siamo avanti. Puntavo al Mondiale, ma ora ci possiamo giocare l’Europeo. La cosa più faticosa è stare mesi senza poter allenare, mi vengono delle idee e non posso applicarle. Per me è un sacrificio avere così poco la squadra a disposizione. Speriamo di essere ripagati agli Europei“.

Mancini vuole evitare i paragoni con altre Nazionali, ma ne cita alcune un po’ avanti rispetto all’Italia in questo momento storico: “Ci sono squadre più avanti di noi. La Francia su tutte, ma nessuno ha un fenomeno. Per cui se facciamo un buon lavoro, se giochiamo un calcio offensivo che diverta e che gratifichi, ecco che allora i risultati sono possibili. Noi siamo l’Italia, possiamo fare come la Francia e la Spagna e aprire un ciclo. E’ un buon momento. La Francia anche per l’età è la più forte e oggi ci batte. Ma all’Europeo 2020 ce la giochiamo“.

AFP/LaPresse

Secondo Mancini infine, il futuro azzurro è roseo, grazie anche ad alcuni calciatori che stanno crescendo in maniera esponenziale nelle ultime stagioni: Kean ha solo 19 anni, dipende da lui ma può diventare un attaccante straordinario. Io lo faccio giocare anche esterno, ma se fa quello che deve fare sarà un grande centravanti. Poi Tonali, Barella, Mancini, Zaniolo. Anche a livello fisico possiamo dire la nostra. A me sembrano soprattutto bravi. Come giocatori e come persone. Noi eravamo diversi, a venti anni era già tre anni che giocavamo in Serie A. Alla prima convocazione Zaniolo era spaesato, normale. Dopo tre mesi sembrava un altro giocatore, aveva preso consapevolezza, un sintomo di personalità. Per loro ogni convocazione è una festa, non solo per i più giovani. Prendete Izzo, per esempio. E’ forte, ha fatto un gran campionato e mi ha colpito l’atteggiamento nel primo giorno in azzurro. Sembrava fosse a Disneyland”.

Valuta questo articolo

5.0/5 da 1 voto.
Please wait...
About Francesco Gregorace (9968 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 28 maggio del 1987, giornalista pubblicista dall'anno 2017


FotoGallery