Milan, Salvini senza peli sulla lingua: “serve una rivoluzione. Simone Inzaghi? Non guardo ai nomi”

salvini AFP/LaPresse

Il vicepremier ha parlato della situazione Milan, sottolineando come ci voglia una vera e propria rivoluzione sportiva

Vento di cambiamento in casa Milan, gli addii di Leonardo e Gattuso hanno dato il via a quella rivoluzione tanto auspicata da Matteo Salvini.

Spada/LaPresse

Il vicepremier non ha mai nascosto questo suo pensiero, ribadendolo anche nella giornata di oggi ai microfoni di Affaritaliani.it: “Gattuso è stato un grande e come serve una rivoluzione fiscale all’Italia, serve una rivoluzione sportiva al Milan. Ringrazio Gattuso per quello che ha fatto perché il materiale sportivo che aveva a disposizione questo permetteva. Se mi piacerebbe Simone Inzaghi come allenatore? Io più che ai nomi guardo ai progetti. Voglio vedere chi si compra in difesa, a centrocampo, in attacco. E vedere se la proprietà crede nel Milan o se è solo un oggetto di arredo“.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
About Ernesto Branca (28919 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery