Milan, Gattuso smonta Bakayoko: “ci vuole il fuoco dentro, altrimenti si va a giocare al parco”

Spada/LaPresse

L’allenatore del Milan ha analizzato il match vinto con il Bologna, soffermandosi anche sul caso Bakayoko

Il Milan batte il Bologna e respira, tornando al successo dopo due partite giocate sotto tono. I rossoneri salgono al quinto posto grazie agli acuti di Suso e Borini, gol che permettono a Gattuso di riportarsi a meno tre punti dalla zona Champions League.

Spada/LaPresse

La situazione però non è delle migliori, lo dimostra il caso Bakayoko scoppiato nel primo tempo, quando il giocatore ha perso tempo prima di entrare in campo inducendo Gattuso ad inserire José Mauri al posto dell’infortunato Biglia. Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, Gattuso ha espresso il proprio pensiero sulla vicenda: “ci vuole il fuoco dentro, altrimenti vai a giocare al parco. Di Bakayoko non parlo, voglio farlo con il mio linguaggio e in TV non si può. Io quando sono arrivato al Milan giocavo con giocatori incredibili e conoscevo i miei limiti. Facevo accendere le luci per allenarmi di più, invece qui da un po’ di tempo si sta parlando troppo di altre cose. Ci vuole il fuoco dentro. Credo che non bisogna mancare di rispetto allo spogliatoio, il resto ce lo risolviamo tra noi. A fine anno daremo i voti e vediamo chi si è comportato bene o male. Tutti mi possono mandare a quel paese, poi in una stanza a quattr’occhi vediamo. Ma la questione la risolvo nello spogliatoio, nella mia lingua. Cosa è successo? Ci ha messo un po’ di tempo in più nel prepararsi e ho scelto Jose Mauri. Ho aspettato otto minuti, doveva mettersi ancora i parastinchi e allora ho cambiato”.

Spada/LaPresse

Sulla partita: “sono tre punti importanti perchè siamo a tre punti dalla Champions. Si sapeva che oggi c’era da soffrire. Nei ragazzi c’era rabbia per i cinque giorni di ritiro. Capisco che è difficile stare lontano da casa e dalla famiglia, ma questa sera volevo vedere la stessa rabbia di questi cinque giorni. E l’ho vista. Ora l’unico obiettivo è fare bene queste tre partite e poi a fine stagione vediamo dove saremo arrivati”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...
About Ernesto Branca (27354 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery