Calciomercato Lazio, Lotito apre alla cessione di Milinkovic-Savic

Lapresse

Il presidente della Lazio si è soffermato sul futuro del centrocampista biancoceleste, aprendo alla cessione solo a determinate condizioni

Milinkovic-Savic non è in vendita, come ho detto lo scorso anno e poi i fatti mi hanno dato ragione. È altrettanto vero che, se dovesse arrivare un’offerta importante non solo per la società ma anche per il calciatore, ci metteremmo attorno a un tavolo per parlarne”.

Piero Cruciatti / LaPresse

Lo dice il presidente della Lazio Claudio Lotito, a margine dei premi Ussi Roma al Circolo Canottieri Aniene. “Che offerta dovrebbe arrivare per Milinkovic? Io non parlo di soldi, perché parlate solo di denaro? Io come presidente non percepisco un euro e non ho rimborso spese, quindi secondo questa mentalità io non dovrei valere niente?” precisa Lotito. Sulla situazione che si respira in Serie B, il presidente della Lazio ammette: “sono abituato a ragionare sulle sentenze e non sui pareri che, con tutto il rispetto per chi li redige, lasciano il tempo che trovano. Contano solo le sentenze e mi sembra che lo scorso anno ci sono stati 63 ricorsi e altrettante vittorie da parte della serie B, ora vedremo quello che porteranno quest’anno. Ma io non sono addetto ai lavori, anche se vedo che c’è questa dietrologia secondo cui qualsiasi cosa succeda nel calcio c’entra Lotito. Mi pare fuori luogo“. (Aip/AdnKronos)

Lotito ed i contatti con la Juventus

La Juventus non mi ha mai chiesto Milinkovic-Savic e, conoscendo la società bianconera, non me lo chiederà. Perché nella vita si chiedono le cose che si possono ottenere. La Juve ha provato a prendere Keita a suo modo, invece io l’ho venduto a 30 milioni al Monaco”. Lo ha detto il presidente della Lazio Claudio Lotito durante la cerimonia dei premi Ussi Roma al Circolo Canottieri Aniene. Parlando del mercato, Lotito ha sottolineato che ‘‘il campionato è finito ieri, ma le trattative sono aperte 365 giorni l’anno. Se ne occupa Igli Tare che ha dimostrato competenza, professionalità e grande serietà”. ”Non sarà una Lazio più debole”, ha poi assicurato il patron biancoceleste. ”Sappiamo quali sono stati i problemi in questa stagione, potevamo chiudere con una classifica migliore, cercheremo di non ripetere gli errori commessi sfruttando l’esperienza”. Poi, sulla qualificazione all’Europa League: ”Per noi rappresenta una costante, sono diversi anni che siamo presenti in questa competizione e il raggiungimento della fase finale potrebbe essere un traguardo ambito. Nella vita bisogna far tesoro e accontentarsi di quanto si è riusciti a conquistare: noi abbiamo gettato le basi per poter tornare nell’olimpo del calcio mondiale dal punto di vista organizzativo, economico e mi auguro anche sportivo”. (Aip/AdnKronos)

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
About Ernesto Branca (28165 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.
Contact: Website


FotoGallery