“Settebello” Lazio, Milinkovic e Correa colorano di biancoceleste la Coppa Italia: Atalanta irriconoscibile

  • Fabrizio Corradetti/LaPresse

    Fabrizio Corradetti/LaPresse

  • Fabrizio Corradetti/LaPresse

    Fabrizio Corradetti/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Fabrizio Corradetti/LaPresse

    Fabrizio Corradetti/LaPresse

  • Fabrizio Corradetti/LaPresse

    Fabrizio Corradetti/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

/

Lazio vittoriosa nella finale di Coppa Italia contro l’Atalanta di Gasperini: Milinkovic-Savic e Correa decidono l’incontro, Inzaghi può esultare

Lazio ed Atalanta si sono date battaglia questa sera allo stadio Olimpico, cercando di far dimenticare gli scontri pessimi avvenuti al di fuori dello stadio. La tensione per l’assegnazione della Coppa Italia era davvero sensibile questa sera, tanto che le due squadre non sono riuscite ad offrire un calcio spettacolare come di consueto. Le emozioni però sono comunque arrivate, sopratutto nella ripresa, con la Lazio che ha sollevato il trofeo vincendo 2-0 grazie anche alla mossa di Simone Inzaghi. Il tecnico ha infatti inserito nel secondo tempo Milinkovic-Savic, nonostante le condizioni non perfette dal punto di vista fisico. Il serbo non ha tradito la fiducia del suo tecnico, andando ad insaccare il colpo di testa che ha deciso l’incontro al primo pallone toccato.

Alfredo Falcone/LaPresse

Un cambio dunque dal tempismo perfetto quello della Lazio, che ha sfruttato al meglio un calcio d’angolo nel quale gli atalantini non hanno certo difeso alla perfezione. L’assalto dell’Atalanta è stato affidato poi al Papu Gomez, trascinatore della squadra di Gasperini. L’argentino ha provato a dare una scossa con le sue serpentine, senza però trovare il guizzo giusto per far male alla Lazio che in contropiede ha colpito ancora dando il colpo del ko con Correa che ha trafitto Gollini per il definitivo 2-0. Simone Inzaghi ed i suoi uomini hanno dunque vinto la Coppa Italia 18/19, trofeo importantissimo per il club anche per quanto concerne la qualificazione all’Europa in vista della prossima annata. Adesso, anche qualora la Lazio non dovesse arrivare tra le prime sei, avrebbe l’Europa League in tasca. Per quanto riguarda la Serie A, va detto che il settimo posto potrebbe perdere valore “europeo”: con la Lazio ottava (come adesso) ed il Toro settimo, i granata resterebbero comunque fuori dalle coppe.

Un plauso va comunque fatto a questa Atalanta, al termine di una cavalcata splendida in Coppa Italia. E’ sfumato il primo successo da allenatore di una prima squadra per Gasperini, il quale lo meriterebbe eccome per come sta allenando la squadra bergamasca. Adesso gli atalantini hanno l’obbligo di cancellare questa finale e tuffarsi su in finale di annata che potrebbe regalare un altro sogno, la qualificazione alla prossima Champions League. La Lazio dal canto suo ha vissuto una stagione altalenante, culminata però con questo splendido successo che ha mandato in visibilio il popolo biancoceleste. Un plauso va ovviamente a Simone Inzaghi, le mosse Caicedo (al posto di Immobile) e Milinkovic-Savic hanno di fatto cambiato la gara. La Lazio mette in tasca Europa e Coppa Italia in un colpo solo, la settima della sua storia.

 

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...
About Francesco Gregorace (9968 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 28 maggio del 1987, giornalista pubblicista dall'anno 2017


FotoGallery