Formula 1 – Verstappen, i progressi del motore Honda e la… maturità: “sto invecchiando, è normale fare esperienza”

verstappen Photo4/LaPresse

Max Verstappen punta al podio al Gp di Monaco: le parole dell’olandese della Red Bull alla vigilia del sesto appuntamento della stagione 2019 di Formula 1

Uno dei weekend di gara più affascinanti del calendario è ormai alle porte: i piloti di Formula 1, in lutto per la scomparsa di Niki Lauda, sono pronti per dare il via ufficiale al Gp di Monaco. Come da tradizione, i campioni delle quattro ruote sono stati protagonisti oggi, di mercoledì anzichè di giovedì, degli incontri con la stampa per raccontare le sensazioni con le quali arrivano al nuovo weekend di gara.

verstappen red bull f1 cina (2)

Photo4/LaPresse

La conferenza stampa piloti si è aperta con un pensiero a Niki Lauda, scomparso ieri. “Niki è una leggenda di questo sport, ha ottenuto risultati grandiosi da pilota, ma anche dopo la sua carriera da pilota è stato sempre una persona generosa e divertente, io non ho mai lavorato con lui però è capitato spesso di chiacchierare e questo è sufficiente per capire che si trattava di una persona veramente in gamba“, queste le parole di Max Verstappen.

L’olandese della Red Bull si è poi focalizzato sul weekend di gara di Monaco: “credo che la Mercedes sia la favorita in questo weekend, non credo che noi saremo competitivi come l’anno scorso ma lo scopriremo, io sono fiducioso e spero di poter lottare per il podio, ma dobbiamo scoprire quale gradino del podio potrà essere alla nostra portata. Ci sarà più grip quindi credo che il giro sarà più facile, il problema è che superare con queste macchine così larghe è impossibile, quindi per questo bisogna fare bene in qualifica“, ha affermato.

Photo4/LaPresse

Verstappen ha anche aperto una parentesi sui miglioramenti del motore Honda: “non sono sorpreso, era l’obiettivo che si erano posti e hanno portato i risultati che avevano promesso,è un processo in corso che sta andando molto bene. Mi piace lavorare con loro, sono seri e professionali, sappiamo che dobbiamo entrambi migliorare, ma lavoriamo a stretto contatto per raggiungere gli obiettivi comuni, questa pista è favorevole a noi quindi vedremo“.

Sto invecchiando e normalmente fai esperienza man mano che la vita prosegue e devi commettere errori per diventare un pilota migliore“, ha concluso.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...
About Rita Caridi (32920 Articles)
Nata a Reggio Calabria il 18 giugno 1990 ama tutti gli sport, con un focus particolare sui motori e la pallacanestro. Scrive su SportFair dal 2015
Contact: Website


FotoGallery