Cies, boom di spettatori nei massimi campionati europei ma la Serie A continua a calare

curva juventus Tano Pecoraro/LaPresse

Serie A, gli spettatori continuano a calare in controtendenza rispetto a quanto sta accadendo nel resto d’Europa

Cresce l’interesse globale per il gioco del calcio ma in Italia si registra una flessione degli spettatori pari all’1%. E’ quanto emerge dal rapporto Cies, il Centro Internazionale d’Affari di Sport francese, che ha monitorato i dati in 42 paesi. Negli ultimi 15 anni dunque l’Italia ha perso un 1% di spettatori in media a differenza dell’Inghilterra con la Premier League che ha fatto registrare un incremento di spettatori del 6% e   alla Germania con la Bundesliga in crescita dell’11%. Oltreoceano da segnalare il ‘boom’ nella Major League Soccer statunitense, +34%, da 15.920 a 21.358 spettatori medi a partita. In Europa il campionato con l’incremento maggiore è Ekstraklasa, la prima divisione polacca, +47%. In flessione i dati nella Penisola scandinava: -11% in Svezia e -29% in Norvegia. Fanalino di coda nel Vecchio continente la Grecia, -32% di spettatori.

Tra il 2013 ed il 2018 in termini assoluti la Bundesliga è il campionato più seguito, 43.302 spettatori in media, seguita dalla Premier, 36.675, e dalla Liga spagnola, 27.381. Quarto posto per la prima divisione messicana, 25.582, e quinta la Serie A, 22.967. Per quanto riguarda le società, la parte del leone la fa il Borussia Dortmund che ha una media di 80.230 spettatori, secondo gradino del podio per il Manchester United, 75.218, terzo il Barcellona, 74.876. Per trovare una squadra italiana si deve scendere al 23esimo posto con una media di 46.654 presenze, al 32esimo il Milan, 41.495, 42esima piazza per la Juventus, 38.778 spettatori. (Spr/AdnKronos)

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery