Parma-Milan, Gattuso vuole l’Europa e sogna la pace tra Acerbi, Kessiè e Bakayoko: “li vorrei vedere abbracciati”

(Spada/LaPresse)

Gennaro Gattuso parla alla vigilia di Parma-Milan, dal caso Acerbi-Kessié-Bakayoko alla sfida contro i gialloblù: le parole dell’allenatore rossonero

Abbiamo sbagliato e chiesto scusa e quando uno sbaglia più che chiedere scusa non può. Il mio sogno sarebbe vedere tutti i giocatori entrare in campo insieme abbracciati per chiudere definitivamente la questione”. Così Gennaro Gattuso ha parlato del caso Acerbi-Kessiè-Bakayoko nella conferenza stampa alla vigilia di Parma-Milan.

gattuso

Spada/LaPresse

Decisiva? Non credo. Paquetà? Sta molto bene, vediamo se avremo bisogno di lui. – ha aggiunto Gattuso sulla partita in programma domani alle 12.30 – Penso che sia una partita difficile per le caratteristiche dell’avversario. All’andata abbiamo vinto senza meritare, è una squadra che può metterti in difficoltà. Non dobbiamo dare campo, perché hanno armi importanti. Ci giochiamo tanto e si giocano tanto anche loro perché non sono ancora salvi. “È un dato di fatto che abbiamo vinto solo cinque partite, a Genova e Udine all’ultimo secondo. Altre volte abbiamo perso punti che potevamo portare a casa. Dobbiamo essere più cattivi, farci trovare pronti e non sbagliare approccio nei primi minuti”. 

Sulle difficoltà dei club italiani in Europa, poi Gattuso ha concluso: “il livello è alto, sia in Champions che in Europa League. Poi molto dipende dagli introiti, dagli stadi e da altri aspetti ancora. L’Ajax lavora in maniera incredibile da un sacco di anni e non c’è nulla da meravigliarsi perché è una scuola importante. Qui si può fare quel lavoro? Nella vita si può fare tutto. Il Milan dopo anni importanti sta attraversando un periodo non brillantissimo, ma si può andare anche in quella direzione”.

 

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
About Giulia Galletta (13421 Articles)
Nata il 21 giugno 1988 a Palmi, provincia di Reggio Calabria
Contact: Website


FotoGallery