Formula 1, Montezemolo ‘rimpiange’ la Ferrari: “mi manca tutto, la porterò sempre addosso come un tatuaggio”

montezemolo LaPresse/Vincenzo Livieri

L’imprenditore italiano ha svelato la sua nostalgia per la Ferrari, un’azienda che porterà sempre nel proprio cuore

Da qualche anno ormai Luca Cordero di Montezemolo non è più il presidente della Ferrari, ruolo ricoperto per lunghe stagioni coronate da numerose vittorie.

Alonso e Montezemolo

LaPresse/Photo4

Adesso il Cavallino vive un momento complicato dal punto di vista sportivo, ma ciò non cancella la nostalgia che Montezemolo prova nei confronti del team di Maranello: “non mi manca tanto il mio ruolo – le sue parole a ‘La Repubblica’ – quanto piuttosto di tutto quello che ruotava intorno a quella fabbrica: la gente, i manager, persone eccezionali come Amedeo Felisa. E poi il territorio, il cibo, l’atmosfera. Non c’è stata una mattina che non sia entrato in Ferrari contento di farlo. Per l’Italia la Ferrari era, ed ancora oggi è, molto di più di una fabbrica di automobili. In un Paese sempre più litigioso, diviso, spaccato, illogico, era ed è uno dei pochi elementi di condivisione pacifica. Il calcio separa, la politica separa. La Ferrari no. La Ferrari è una ‘bella cosa italiana’, amata e riconosciuta in tutto il mondo: per questo me la porterò sempre addosso, come un tatuaggio”

Valuta questo articolo

5.0/5 da 2 voti.
Please wait...


FotoGallery