Targa auto personale, il Ministro Toninelli: “Innovazione di cui vado fiero”

Ministro Toninelli LaPresse / Roberto Monaldo

Secondo Toninelli, la targa personale è una importantissima misura che porterà a breve un risparmio in termini di tempo e denaro per tutti i cittadini

Preferisco chiudere dando la notizia di una importantissima misura che porterà a breve un risparmio in termini di tempo e denaro per tutti i cittadini: ossia la portabilità della targa quando si cambia auto. Si tratta di una di quelle innovazioni che avvicinano il mio ministero alla vita di tutti e di cui vado fiero“.

Sono queste le parole con cui il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, Danilo Toninelli, intervenendo in Aula al Senato durante il dibattito sulla mozione di sfiducia nei suoi confronti, annuncia importanti novità per gli automobilisti.

Sarà una possibilità che farà felici molti automobilisti e che, in realtà, il Codice della Strada riformato nel decennio scorso già prevedeva. Dal testo riformato infatti risultava che le targhe “sono personali” e “non possono essere abbinate contemporaneamente a più di un veicolo e sono trattenute dal titolare in caso di trasferimento di proprietà, costituzione di usufrutto, stipulazione di locazione con facoltà di acquisto, esportazione all’estero e cessazione o sospensione dalla circolazione”, purtroppo però la riforma al codice non è mai diventata operativa a causa della mancanza del decreto attuativo.

Non mancano però i detrattori, è il caso di Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia e portavoce azzurro di Camera e Senato che in una nota esprime tutte le sue perplessità a riguardo:

“Il ministro Danilo Toninelli oggi al Senato ha annunciato che starebbe lavorando alla portabilità delle targhe. Certo l’annuncio sta tra il serio e il faceto nel solco della più assoluta fumosità e insensatezza mediatica che caratterizza il riccioluto ministro, per cui bisogna attendere eventualmente il testo della norma per comprendere effettivamente che cosa intenda fare e soprattutto come intenda accordare questa idea con quella del collega di governo Matteo Salvini. Magari, prima di cominciare a lavorarci davvero, invito il Ministro Toninelli a fare un colpo di telefono al Vicepremier leghista, così evitiamo la solita farsa del tira e molla in commissione”

Valuta questo articolo

3.0/5 da 2 voti.
Please wait...


FotoGallery