Mondiali biathlon 2019 – La sprint femminile premia Kuzmina, Wierer decima

AFP/LaPresse

Dorothea Wierer torna leader della classifica generale di Coppa del mondo. In una gara che non regala medaglie, la notizia principale in chiave Italia è il sorpasso dell’altoatesina nei confronti della compagna di squadra Lisa Vittozzi, partita per la prima volta in carriera con il pettorale giallo e subito costretta a cederlo. La sprint di Oestersund si chiude con il primo trionfo mondiale della slovacca Anastasia Kuzmina e forse non è un caso che sul podio, insieme a lei, ci sono la norvegese Ingrid Landmark Tandrevold e la tedesca Laura Dahlmeier, tutte atlete che per scelta personale o dello staff tecnico hanno saltato la staffetta mista di giovedì, arrivando così all’appuntamento più riposate rispetto alle avversarie. Per Kuzmina e Dahlmeier, entrambe influenzate, è un risultato straordinario, soprattutto per la slovacca che per il mal di gola non riusciva neppure a parlare in zona mista e che, nonostante un errore al tiro rispetto allo zero delle due rivali, ha ottenuto un successo storico, essendo l’atleta più anziana ad aver vinto un titolo mondiale.

Wierer, dunque, chiude al decimo posto centrando la top ten per un decimo di secondo, quello che la separa dalla statunitense Egan: il distacco da Kuzmina è di 33″2 e sarà quello di partenza nell’inseguimento di domenica. La sua gara è partita male con due errori a terra al primo poligono e si è chiusa altrettanto male con una caduta in discesa nell’ultimo tratto, ma la buona prova sugli sci e la serie in piedi con il 100% le hanno consentito di ottenere comunque un risultato soddisfacente, soprattutto considerando la classifica generale di Coppa del mondo, dove ha sì perso 29 punti rispetto a Kuzmina (ora a -57), ma ha guadagnato su Vittozzi e su Marte Olsbu Roeiseland, soltanto 25esima a 1’11″1 con quattro bersagli mancati e ora a 657 punti, a -80 da Wierer.

Lisa Vittozzi, 21esima a 1’01″4, ottiene proprio ai Mondiali il risultato peggiore della stagione in una sprint e adesso sarebbe uno dei due scarti che le atlete saranno costrette a fare al termine della Coppa del mondo per stabilire la classifica finale. Ora, però, quei punti valgono e la portano a quota 733, appena 4 meno di Dorothea Wierer. Ha viaggiato più o meno alla stessa velocità della compagna sugli sci, paga però l’errore in più all’ultimo colpo del poligono in piedi dopo i due nella serie a terra, dove ha forzato tantissimo.

Le altre due italiane in gara, Federica Sanfilippo e Nicole Gontier, hanno chiuso rispettivamente 34esima a 1’36″6 con due errori e 52esima a 2’11″8 con cinque errori: pensando alla staffetta femminile, Sanfilippo ha ritrovato un po’ più di fiducia al tiro, la valdostana è andata forte nel fondo. Tutte torneranno in pista domenica, sabato 9 marzo invece tocca agli uomini, impegnati nella sprint alle ore 16.30 (diretta tv su Eurosport).

Le dichiarazioni delle azzurre dopo la sprint dei Mondiali di Oestersund:

Dorothea Wierer: “I due errori a terra mi scocciano un po’. Non ero sicurissima al poligono visto che all’azzeramento avevo tantissimo vento e in gara un po’ meno, forse dovevo reagire un po’ di più e dare più tacche, ma non so di preciso quale sia stato l’errore. Ne parlerò con gli allenatori. Peccato, perché sugli sci mi sentivo molto bene, ma domenica partirò con 30 secondi di ritardo e attaccherò. La caduta? Mi sa che ho infilato il bastone tra gli sci, succede. Oggi non era facile in pista, perché c’era tanta neve, così ho perso 5-6-7 secondi. Il pettorale giallo ora non lo guardo, sono concentrata sui Mondiali, la classifica la vedremo a Oslo e l’importante è che vinca un’italiana“.

Lisa Vittozzi: “Ci ho provato, non pensavo di sbagliare due colpi a terra, chiederò cosa non è andato bene e cercherò di darmi delle risposte per la prossima gara. Sono un po’ delusa, ma ci sono tante gare in cui posso far bene, cancelliamo quello che è successo oggi e ripartiamo da domenica“.

Federica Sanfilippo: “Sono contenta che abbiamo rotto il ghiaccio. Oggi non c’erano condizioni facili in pista e al poligono, il vento ogni tanto girava. Bisognava capire cosa fare e come reagire. Sugli sci non mi sento al top ma sono a ridosso delle trenta, non è così male. Cerco di fare il mio e di partire senza pressioni, al momento la condizione è quella che è“.

Nicole Gontier: “Sugli sci sono andata forte, purtroppo al poligono le cose non sono andate bene, devo capire insieme agli allenatori e ripartire da qui“.

Ordine d’arrivo sprint femminile Mondiali/Cdm Oestersund (Swe)

1 KUZMINA Anastasiya SVK 1 22:17.5

2 TANDREVOLD Ingrid Landmark NOR 0 +9.7
3 DAHLMEIER Laura GER 0 +12.6
4 OEBERG Hanna SWE 1 +13.2
5 BRORSSON Mona SWE 1 +21.7
6 HERRMANN Denise GER 2 +23.9
7 DAVIDOVA Marketa CZE 1+0 1 +26.5
8 YURLOVA-PERCHT Ekaterina RUS 1 +31.4
9 ECKHOFF Tiril NOR 2 +32.6
10 WIERER Dorothea ITA 2 +33.2 

21 VITTOZZI Lisa ITA 3 +1:01.4 
34 SANFILIPPO Federica ITA 2 +1:36.6 
52 GONTIER Nicole ITA 5 +2:11.8

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery