Un ‘B+ Player’ che sogna il titolo WWE! Kofi Kingston a SportFair: “mi hanno sempre detto che non ce l’avrei fatta, ho dimostrato che avevano torto”

cmelvin

SportFair ha avuto il piacere di intervistare la superstar WWE Kofi Kingston: la stella di SmackDown ha parlato della sua esperienza nel New Day, degli ostacoli affrontati per inseguire il sogno di WrestleMania, ed ha lanciato un dolce messaggio a tutti i fan!

Il countdown per WrestleMania 35 volge ormai verso il termine e le superstar della WWE stanno dando il 110% sul ring, ogni settimane, per provare a strappare una title shot per un match nell’evento più importante dell’anno. SportFair ha avuto il piacere di poter intervistare Kofi Kingston, superstar del roster di SmackDown, che di recente si è messo in grande luce, a tal punto che i fan di ogni arena, invocano il suo nome come principale contendente al titolo di Daniel Bryan.

cmelvin

Kofi Kingston è un veterano della WWE, nei suoi 11 anni di militanza nella compagnia ha messo insieme un palmares di tutto rispetto. La superstar ghanese può vantare 4 titoli da Campione Intercontinentale e 4 da Campione degli Stati Uniti, senza contare alcuni fra i più iconici momenti vissuti nelle varie Royal Rumble, nei quali ha sempre stupito tutti con dei salvataggi al limite delle possibilità umane. È nella divisione Tag Team che però Kofi si è tolto le maggiori soddisfazioni mettendo insieme 8 regni da Campione di Coppia, 5 dei quali insieme al New Day. È proprio con i compagni Big E e Xavier Woods che la superstar africana ha vissuto una sorta di ‘seconda carriera’.

Credits: Instagram @Thetruekofi

Il New Day ha letteralmente rubato la scena conquistando i fan in poco tempo: trombette suonate all’impazzata, pancake lanciati ai tifosi, costumi sgargianti (e vendite di merchandising che schizzano alle stelle) e un mood sempre allegro e positivo hanno fatto del New Day una delle stable più amate della storia WWE. Il tutto senza tralasciare i risultati sul ring: due titoli di Coppia di Raw e 3 di SmackDown descrivono perfettamente il loro impatto sulla Tag Team Division.

Credits: Instagram @Thetruekofi

Abbiamo chiesto a Kofi Kingston quale fosse la parte più divertente dell’essere membro di un trio così eclettico e amato dai fan: “credo che la parte che mi piaccia di più dell’essere un membro del New Day sia quanto riusciamo a divertirci. Non importa cosa facciamo, non importa in che posizione della card veniamo inseriti, riusciamo sempre a divertirci tutti insieme. Anche nei momenti di serietà, come quello della scorsa settimana con Vince McMahon sul ring, un momento emozionante al microfono, un promo che ha spaccato. Anche a WrestleMania, ci saranno tante cose fighe che potremmo fare. Ci divertiamo sempre e anche la gente si diverte, passa una bella serata e vuole far parte del nostro stesso divertimento”.

Credits: Instagram @Thetruekofi

Nonostante i grandi successi, tanto in singolo quanto in coppia, nella carriera di Kofi Kingston manca ancora qualcosa. Quella caratteristica che trasforma il ricordo di una superstar nella memoria dei fan e nella storia della compagnia, da ‘ottimo wrestler’ a ‘performer d’elite’: la vittoria di un titolo massimo. Kofi è sempre stato lontano dal giro delle cinture da campione dei rispettivi roster, nonostante le sue indubbie qualità e i tanti anni di militanza nella compagnia. Kofi ha dunque deciso di rimettersi in gioco in singolo, arrivando addirittura a battere il campione di SmackDown Daniel Bryan (in una delle sfide di un gauntlet match, ndr) andando vicino a centrare il bis ad Elimination Chamber, fallendo di poco la conquista del titolo.

Nonostante i grandi sforzi però, come ribadito nella puntata di SmackDown nella scorsa settimana, Vince McMahon in persona, pur essendo conscio del suo gran lavoro e delle sue qualità, crede che Kofi non sia niente di più di un ‘B+ Player’, un wrestler di ‘Serie B’, non adatto a vestire i panni di volto della compagnia come campione. Disposto a fare qualsiasi cosa pur di partecipare all’imminente WrestleMania, lo show più importante dell’anno, come avversario di Daniel Bryan con in palio di titolo di Campione WWE, Kofi ha accettato di battere, uno dopo l’altro, in un gauntlet match: Randy Orton, Samoa Joe, Sheamus, Cesaro ed Erik Rowan.

Credits: WWE

Abbiamo chiesto a Kofi cosa abbia provato nel sentire Vince McMahon pronunciare quelle dure parole nei suoi confronti e soprattutto, come ci si senta all’idea di dover affrontare 5 fra le migliori superstar del roster e doverle battere tutte, una dopo l’altra, per continuare ad inseguire il proprio sogno: “cosa penso delle parole di mr. McMahon? Beh, nella mia intera carriera, e anche prima della mia carriera, mi è sempre stato detto che ‘non sarei mai arrivato’. Mi dicevano che non ero abbastanza grosso, abbastanza forte come le altre superstar WWE, che non avevo la muscolatura e il fisico adatti. Quindi anche se quelle parole sono arrivate dalla bocca di Vince McMahon, non hanno un peso maggiore. Io vado sempre lì fuori per provare a migliorare me stesso, per fare la migliore performance possibile, per toccare standard più alti ai quali non ero ancora arrivato. Quindi guardo alla possibilità di provare che tutti si stavano sbagliando sul mio conto. Ogni volta che vado lì fuori provo a mettere in mostra il meglio che posso. Dunque, vedremo! Vedremo! Farò vedere che posso essere ‘l’uomo giusto’, che sono capace di affrontare testa a testa le migliori superstar, che posso mettere in piedi i migliori match. Quello che la gente dice di me ha impatto 0 sui miei match. Finchè avrò quest’attitudine nessuna montagna sarà troppo difficile da scalare.

Credits: WWE.com

Tornando ad oggi (il match si disputerà nella notte italiana), un gauntlet match contro 5 fantastiche superstar, grandi talenti, tutti ragazzi più grossi di me e anche più forti di me in palestra ahah! Ma nessun problema, sarò con le spalle al muro, non è la prima né l’ultima volta. Proverò a guadagnarmi la mia chance per WrestleMania, è un buon testa per provare ancora una volta che tutti si sbagliavano sul mio conto”.

Credits: WWE

È ormai chiaro a tutti come Kofi Kingston sia un lottatore, non solo sul ring, ma anche nella vita. È uno che ‘non si è mai arreso’, non importa quanto la sorte gli abbia voltato le spalle, quante porte gli siano state chiuse in faccia, quante volte il destino abbia provato ad abbatterlo: ogni volta che è caduto si è sempre rialzato. Abbiamo dunque colto l’occasione per chiedere a Kofi di mandare un messaggio, particolarmente ai fan più giovani, che nella vita di tutti i giorni si trovano ad affrontare problemi che all’apparenza posso sembrare insormontabili, tanto quanto le difficoltà che Kofi ha trovato nel suo percorso per realizzare il suo sogno di competere per il titolo WWE: “sicuramente voglio farlo! Voglio aiutare la gente a credere in se stessi, non importa qualsiasi cosa accada. Non permettete alla gente di farvi sentire inadatti rispetto a qualsiasi cosa. Avere piena fiducia in voi stessi è la sola cosa che vi serve per raggiungere gli obiettivi che vi siete posti di raggiungere. Io sono la prova vivente di questo, come ho spiegato prima: mi dicevano che non ero adatto ad essere una stella WWE, adesso la gente mi chiede gli autografi; Vince McMahon mi ha definito un ‘B+ Player’ ma competo per il WWE Championship. Tutto questo perché ho creduto in me stesso, credo nelle mie potenzialità. E naturalmente possono farlo anche gli altri. Ai ragazzi dico: ‘credete in voi stessi e vi prometto che certamente riuscirete a superare ogni ostacolo”.

Credits: Twitter @Vincemcmahon

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...
About Mirko Spadaro (15941 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 9 agosto 1993 è un esperto di basket e calcio, ama tutti gli sport a 360 gradi. Scrive su SportFair dal 2016
Contact: Website


FotoGallery