Il ghigno del Diablo, Claudio Chiappucci a SportFair: “impresa al Sestrière irripetibile. Pantani? Lo hanno abbandonato proprio quelli che si definivano suoi amici”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

La fuga al Sestrière, il dualismo con Gianni Bugno e il ricordo di Marco Pantani: Claudio Chiappucci si racconta in esclusiva ai microfoni di SportFair

Nessuno mai rifarà ciò che ho fatto io al Sestrière“. La voce sicura, il ghigno inconfondibile di quel Diablo che, tra gli anni ’80 e ’90 ha riscritto le leggi del ciclismo.

©DELMATI/LAPRESSE
BUSTA 7320

Claudio Chiappucci è leggenda, le sue gesta parlano chiaro. Scatto, pedalata e vittoria: tutto diverso rispetto ad oggi, dove strategia e attendismo cancellano quelle emozioni che il pubblico ha bisogno di assaporare. La Milano-Sanremo nel 1991, quella eroica tappa del Tour de France del 1992: gemme incastonate in una carriera epica, azioni che dopo quasi 30 anni nessuno è riuscito a ripetere. “Dagli annali risulta che la mia è l’ultima Milano-Sanremo vinta con una fuga da lontano” le parole di Claudio Chiappucci in esclusiva a SportFair a margine del workshop intitolato ‘In fuga per la leggenda’ svoltosi a Reggio Calabria. “Parliamo del 1991 e da quel momento nessuno è riuscito a rifarlo. Per me è un motivo di orgoglio. Questa è una gara storica del ciclismo, vincerla rappresenta un fiore all’occhiello per la propria carriera e vuol dire assicurarsi un futuro. La mia impresa al Sestrière? Credo che nessuno riuscirà mai ad imitarmi, perchè sono cose che con la modernità sono andate a scomparire. L’istinto, la volontà e la voglia di fare la differenza erano fondamentali, oggi si punta solo al risultato finale. Credo sia impossibile rifare quello che ho fatto io quella volta, perchè l’ho studiato e l’ho voluto fortemente anche se sono andato oltre rispetto a quello che volevo fare. Anche per questo è diventata una tappa storica, rimasta impressa nella mente di tutti gli appassionati. In quella circostanza mi sono dedicato appieno in quel ‘progetto’ senza sapere se poi sarebbe servito per vincere”.

LaPresse/Piero Cruciatti

Le differenze tra presente e passato sono tantissime, Chiappucci lo sottolinea senza remore: “c’è stata un’evoluzione tecnologica che ha cambiato la maniera di interpretare il ciclismo. Ormai il carbonio la fa da padrone, c’è stata una miglioria su qualità, peso e su tutto quello che riguardi il mezzo meccanico che il ciclista conosce. La preparazione è diversa, ormai la stagione di un ciclista professionista è molto globalizzata. Avendo a disposizione una stagione intera di gare, c’è una programmazione dedicata ad ognuno dei propri impegni. C’è chi prepara le corse a tappa, chi le corse di un giorno. Quando correvo io la stagione era a ciclo continuo, ogni appuntamento era importante perchè la stagione non durava molto. Il ciclismo italiano adesso vive una stagione particolare, abbiamo tanti giovani, non tutti sono ad un livello tale per ripetere quanto fatto da Nibali. Ci vuole del tempo, non è facile. Lo Squalo è vicino alla fine della sua carriera ma riesce a dare ancora soddisfazioni, sa prepararsi e gestirsi. Alle sue spalle c’era e c’è Fabio Aru, da cui ci si aspettava tanto. E’ un annetto che ha delle difficoltà, credo che questo sia un anno importante per lui per capire se abbia le caratteristiche per emergere in tutte le competizioni e non solo nelle corse a tappe. Uno come lui è salito alla ribalta come gregario di Nibali, è riuscito ad emergere ma in questo momento è in difficoltà“.

Dal presente al passato, con un salto che riporta ai primi anni ’90, quando Chiappucci incrociò nel team Carrera la strada di Marco Pantani. Un giovane di belle speranze pronto per il grande salto, un corridore promettente che catturò subito l’attenzione del Diablo: “ho fatto 4 anni con lui, ammirando il suo cambiamento e la sua crescita. E’ arrivato come un giovane dilettante, voleva scoprire il mondo del professionismo. Era molto caparbio, non tralasciava nulla. Aveva stima di sè e tanta precisione in quello che faceva, questo mi ha lasciato il segno, il Pirata è riuscito a tirare fuori tutto quello che aveva in corpo. Io posso parlare per come l’ho conosciuto prima che accadesse tutto quanto, ovvero all’inizio della sua carriera. Era un corridore con grandi qualità, che ha dimostrato il suo valore. Dopodiché lui ha cambiato squadra, ha raccolto i suoi frutti ma è arrivato a fine carriera abbandonato da quelli che sembravano i suoi veri amici. Ha mostrato delle difficoltà, ma non è stato capito“.

gianni bugno

Daniele Badolato

Una carriera sempre al massimo, con Gianni Bugno come rivale principale. Battaglie epiche e colpi proibiti, da cui è nata una sorprendente amicizia: “con Bugno abbiamo avuto un dualismo incredibile – conclude Chiappuccima dopo la nostra carriera siamo diventati amici. Incredibile questo cambiamento, non avrei mai pensato che potesse succedere. A volte scopri che tutto ciò che è successo in competizione è stato un caso a parte, quello che siamo oggi è completamente diverso”.

 

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO DELL’INTERVISTA A CLAUDIO CHIAPPUCCI

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
About Ernesto Branca (28885 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery