Auto e ambiente, anche il settore assicurativo può fare la differenza per una mobilità sostenibile

Anche il settore assicurativo  deve fare la propria parte  per  avviare  un  profondo  processo  di  trasformazione  dell’economia fondato  sulle  energie  sostenibili

Le manifestazioni di oggi, organizzate dalle nuove generazioni in tutto il mondo,  rappresentano  un  ulteriore  richiamo  alla  promozione  di  un  intervento globale e coordinato per ridurre l’impatto negativo delle attività dell’uomo sul pianeta e sul clima.

La Presidente dell’ANIA, Maria Bianca Farina, interviene così nella giornata del ‘Global Climate Strike For Future’:“I  temi  della  prevenzione  dei  rischi  catastrofali,  in  gran  parte  ormai  determinati  dal  cambiamento  climatico,  sono  stati  sempre  di  grande  importanza  per  il  settore  assicurativo – ha dichiarato La dototressa Farina aggiungendo che – Sono, infatti, temi che vedono le nostre imprese coinvolte in prima linea sia  nel  loro  ruolo  di  gestori  professionali  del  rischio,  sia  in  quello  di  investitori  istituzionali,  che  operano  secondo  logiche  orientate  al  lungo  termine.  Ribadiamo  la  necessità che tutte le Istituzioni, gli operatori privati e la società civile, ciascuno per la parte  di  propria  competenza,  operino  insieme  per  avviare  un  profondo  processo  di  trasformazione  dell’economia,  fondato  sulle  energie  sostenibili”.

La Presidente dell’ANIA ha infine concluso: “In quest’ottica,  il  settore  assicurativo  continuerà  a  svolgere  il  proprio  compito,  non  solo  fornendo  copertura dei rischi, ma anche supportando attivamente i propri interlocutori al fine di favorire la mitigazione e un miglior adattamento ai fenomeni climatici.”

Valuta questo articolo

5.0/5 da 1 voto.
Please wait...


FotoGallery