Atletica – Il dopo Glasgow tra Maratona e Golden Gala: le parole di Alfio Giomi

Il presidente della FIDAL Alfio Giomi: “Oltre 9 mila iscritti a Roma un piccolo miracolo visti i tempi del nostro intervento, che non sarà replicato. Tamberi e Tortu all’Olimpico il 6 giugno”

La XXV edizione della Maratona Internazionale di Roma ha superato quota novemila iscritti. Un traguardo insperato, all’inizio del percorso organizzativo, che fornisce al presidente federale Alfio Giomi lo spunto per una serie di riflessioni sulla corsa del 7 aprile. “Considerati i tempi del nostro intervento – le parole del presidente – non si può che essere felici per questo risultato. Roma può certamente puntare ad altri obiettivi numerici in futuro, ma la Federazione è intervenuta, in ossequio al bando del Comune di Roma, solo ad autunno inoltrato. Lo considero un piccolo miracolo, frutto del lavoro di tanti, che non smetterò mai di ringraziare, a cominciare dal coordinatore Fabio Martelli, il tutto in sinergia con l’Amministrazione capitolina. E aggiungo che smetteremo di raccogliere iscrizioni a quota 10.000 (ne restano 437), perché questo era il numero massimo sul quale abbiamo strutturato la macchina organizzativa, e non potremmo andare oltre senza comprometterne il buon esito”.

Quota diecimila può voler dire un nuovo impegno diretto della FIDAL sulla Maratona Internazionale di Roma?

“No, non è questione di numeri, non c’è nessuna possibilità che questo accada. Non siamo e non diventeremo soggetto organizzativo, come ho ripetuto in ogni occasione pubblica nella quale mi sia stato chiesto di esprimermi sulla Maratona Internazionale di Roma. Il nostro è sempre stato un ruolo di garanzia, descritto egregiamente in questi termini nel bando: siamo intervenuti per assicurare la continuità nello svolgimento della manifestazione, che è patrimonio dell’atletica italiana. Il Consiglio federale, per rafforzare il concetto, ha anche approvato all’unanimità, nello scorso dicembre, una delibera che ribadisce la volontà di non proseguire nella organizzazione della corsa”.

Domenica 7 aprile Roma e Milano porteranno all’attenzione nazionale ed internazionale il fenomeno running nel nostro Paese. Cosa vuol dire per l’atletica?

“Credo sia una occasione di valorizzazione del nostro movimento. Le nostre due città più importanti, porteranno all’attenzione quello che è, nei fatti, non più solo un fenomeno sportivo, ma un fatto dalla rilevanza sociale chiara. E daranno al mondo anche l’idea di un’Italia che non solo corre, ma sa come far correre, organizzando eventi di straordinaria significatività”.

L’atletica non si ferma mai. L’Europeo indoor è finito solo da poche ore, e già si ragiona sulla stagione all’aperto. Quali le sue impressioni a qualche giorno dalle gare?

“Condivido pienamente il giudizio già espresso dal DT Antonio La Torre. Aggiungo che per quello che si è visto a Glasgow, usciamo dalla stagione indoor anche con una piccola dose di ottimismo rispetto al prosieguo della stagione. Diversi nostri atleti sono cresciuti, maturati, e credo abbiano raggiunto uno status diverso rispetto a quello del 2018”.

Gianmarco Tamberi è tornato sul gradino più alto del podio.

“Non voglio soffermarmi sulla sua prestazione tecnica, che è sotto gli occhi di tutti. Mi piace invece sottolineare il valore della persona: prego chi non lo avesse fatto, di rivedere l’intervista video rilasciata dopo la gara, e di ascoltare le sue parole. Per me sono le migliori parole che un atleta azzurro possa pronunciare dopo una competizione”.

Sabato e domenica altri due appuntamenti di notevole spessore: la Festa del Cross a Torino, e la coppa Europa di lanci a Samorin.

“La sede scelta per la nostra rassegna tricolore di corsa campestre, ovvero il Parco di Venaria Reale, con la sua magnifica Reggia, contribuirà a farne una edizione spettacolare, come del resto avvenuto in un altro scenario fuori dall’ordinario, a Gubbio, nei tre anni precedenti. I nostri lanci hanno dato segnali di risveglio in inverno, in particolare grazie a Leonardo Fabbri e Mauro Fraresso: questa è l’occasione per continuare a far bene”.

Poi sarà estate. E arriverà anche il momento del Golden Gala, in programma allo stadio Olimpico di Roma il 6 giugno.

“Lo immagino come uno dei più belli degli ultimi anni, un’edizione da andare a vedere, per applaudire dei campioni italiani in grado di sfidare, da pari a pari, quelli stranieri. Sarà l’edizione di Filippo Tortu e Gianmarco Tamberi, ovvero i due atleti che oggi più ci rappresentano nell’immaginario collettivo, ma che sono i portabandiera di un movimento molto più ampio. Poi potremo pensare al 2020, ad una edizione che sarà altrettanto rilevante perché cadrà nell’anno olimpico, e perché il meeting lascerà Roma (lo stadio Olimpico non sarà disponibile per gli Europei di calcio, ndr). Stiamo lavorando con il Comune di Milano perché si possa arrivare ad una definizione ufficiale del progetto in tempi brevi”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...
About Giulia Galletta (13421 Articles)
Nata il 21 giugno 1988 a Palmi, provincia di Reggio Calabria
Contact: Website


FotoGallery