Ciclismo – Dall’incontro con il Papu Gomez all’esempio di Zanardi, Claudia Cretti torna in sella: “Alex mi ha ispirato”

Dopo l’incubo Claudia Cretti torna a sorridere: la ciclista, vittima di un brutto incidente a luglio 2017, di nuovo in sella con la ‘spinta’ di Zanardi

Il 6 luglio 2017 durante una tappa del Giro Rosa Claudia Cretti perse il controllo della sua bici finendo sull’asfalto a 90 km/h. La ciclista dovette affrontare un lungo percorso riabilitativo, che oggi la vede finalmente fuori dal tunnel e di nuovo in sella alla sua bici. Con il suo nuovo team in questi giorni Claudia ha finalizzato il suo primo allenamento ed ha annunciato il ritorno alle gare. “Sì, attaccherò di nuovo il dorsale sulla schiena. – ha raccontato la Cretti a Gazzetta dello Sport – Quali sensazioni proverò? Beh, cercherò di stare al coperto e a un chilometro e mezzo dal traguardo mi butterò nella volata. Torno in gruppo, mi sto preparando per le gare di paraciclismo”.

LaPresse/ Massimo Paolone

Il ritorno alla normalità per Claudia è stato duro, ma supportato non solo dai suoi cari. “Tutto è iniziato prima che me ne rendessi conto. – ha spiegato la ciclista – Già nel 2017, durante la riabilitazione nella palestra Perform di Bergamo: ho incontrato i giocatori dell’Atalanta e il mio idolo Papu Gomez, ho respirato di nuovo aria di sport e ho pensato di tornare a gareggiare. Il sogno ha preso realtà grazie a tante persone che mi seguono: l’avvocato Cesare di Cintio di Dcf Sport Legal, l’agenzia Top Player ed Edoardo Scioscia di Libraccio. Il presidente di Born to win, Roberto Baldoni, si è dimostrato subito felice di avermi in squadra. Con questa maglia farò il calendario di paraciclismo e poi andrò a tifare per le compagne nelle gare élite. In ottobre ho ottenuto l’abilitazione per la categoria C5, quella per handicap meno gravi. Le gare iniziano ad aprile e potrò correre in Italia, in attesa della valutazione della commissione internazionale. Ora si tratta di tornare ad allenarsi seriamente per farsi trovare pronti. Amo la pianura e le volate. Sogno di fare bene per entrare in Nazionale, correre la Coppa del Mondo e nel 2020 andare a Tokyo. Non solo per mangiare il sushi, c’è un appuntamento a cinque cerchi…”. 

Credits Instagram

Sull’ispirazione che le ha permesso di riacquistare la forza di ricominciare, Claudia Cretti non ha dubbi. “La forza e l’esempio di Alex Zanardi. – ha affermato la sportiva – L’ho conosciuto al Giro d’Onore della Federazione nel 2015 e in quest’ultimo anno ho pensato spesso a quello che mi ha trasmesso. Mi piacerebbe incontrarlo di nuovo. Poi ho assistito in estate ai Tricolori paralimpici di Darfo Boario: l’ambiente mi è piaciuto da subito. Ne ho parlato spesso con il c.t. Mario Valentini”

Sul possibile addio al ciclismo dopo l’incidente Claudia infine racconta un episodio della sua dedizione a questo sport. “Faccio un esempio: in agosto, dopo un’uscita, ho avuto una crisi epilettica, che ora ho risolto con i medicinali corretti. – ha raccontato – Però la prima domanda che ho fatto in pronto soccorso è stata: “Posso tornare in bicicletta?”. Il punto è che per me pedalare è vita, felicità. Quando esco guardo il panorama, saluto con il sorriso tutte le persone che incontro. Non potrei mai farne a meno”. 

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...
About Giulia Galletta (13421 Articles)
Nata il 21 giugno 1988 a Palmi, provincia di Reggio Calabria
Contact: Website


FotoGallery