Boxe – Maxim Prodan contro Steve Jamoye per il titolo internazionale dei pesi welter IBF

Maxim Prodan Credits: Opi Since 82/Adency

Maxim Prodan affronterà Steve Jamoye per il vacante titolo internazionale dei pesi welter IBF: venerdì 8 marzo l’attesissimo match presso il Superstudio Più di Milano

Venerdì 8 marzo, al Superstudio Più di Milano, l’ucraino nonché milanese di adozione Maxim Prodan sfiderà il belga Steve Jamoye sulla distanza delle 12 riprese per il vacante titolo internazionale dei pesi welter IBF nel corso della manifestazione organizzata dalla Opi Since 82 di Salvatore Cherchi insieme a Matchroom Boxing Italy e DAZN, il servizio streaming in diretta e online di eventi sportivi. Per Maxim si tratta della prima opportunità di vincere un titolo professionistico. Ha debuttato nel maggio 2015 e da allora ha collezionato 15 vittorie, 14 prima del limite, e 1 pari. Ha combattuto 14 volte al teatro Principe di Milano diventando un beniamino del pubblico milanese. L’unico avversario in grado di tenergli testa è stato il panamense Manuel Largacha contro il quale ha pareggiato, ma che ha battuto per ko al sesto round nella rivincita. Maxim si allena alla Opi Gym di Milano sotto la guida di Franco Cherchi, ex campione d’Europa dei pesi mosca (nel 1985) e poi allenatore di tanti pugili che sono diventati campioni europei e mondiali. Franco Cherchi è ottimista riguardo all’esito della sfida di venerdì 8 marzo: “quest’anno Maxim è molto migliorato, non tira più pugni larghi, dalla lunga distanza, che l’avversario vede arrivare. Maxim ha imparato a combattere alla corta distanza, a sferrare un pugno solo quando è sicuro di colpire il bersaglio (questo permette di risparmiare energia), a muoversi meglio sul ring, a non cercare per forza la soluzione prima del limite. Inoltre, è motivato come pochi: vuole sfondare nel pugilato e pensa solo a quello come è giusto che sia. Quando ero un pugile professionista, pensavo solo ad allenarmi, proprio perché volevo diventare un campione. Sono diventato campione d’Italia e d’Europa e quindi ho raggiunto il mio obiettivo. Tanti pugili non riescono a sfondare perché non lo vogliono davvero, si fanno distrarre, non lavorano con passione. Non è questo il caso di Maxim. Sono sicuro che raggiungerà traguardi importanti, diventare campione internazionale dei pesi welter IBF sarà il primo passo nella giusta direzione. Contro Steve Jamoye sarà una battaglia perché il belga accetta gli scambi a viso aperto. Il pubblico si divertirà”.

Maxim Prodan è in perfetta sintonia con il suo maestro: “sono in ottima forma, mi sento sicuro e tranquillo. Per questo, non ho dubbi: metterò ko Steve Jamoye. Non voglio aggiungere altro perché non è nello stile ucraino: noi prima facciamo, poi parliamo. Di recente, allo stadio Meazza di Milano ho conosciuto uno dei miei idoli: l’ex attaccante del Milan Andry Shevchenko. Sapeva che sono un pugile e mi ha fatto gli auguri per l’8 marzo. Mi ha ricordato che abbiamo una grande scuola pugilistica con fuoriclasse come il campione dei pesi massimi Vitaly Klitschko e il campione dei pesi piuma-superpiuma-leggeri Vasily Lomachenko. A me piace moltissimo anche Sergyi Derevyanchenko, che ha combattuto per il mondiale dei pesi medi IBF contro Daniel Jacobs lo scorso ottobre: Sergyi ha perso ai punti per decisione non unanime, ma sono sicuro che si rifarà. L’ho visto combattere a Milano nelle World Series of Boxing, è un fuoriclasse e diventerà campione del mondo. Quello è anche il mio obiettivo a lungo termine”.

Steve Jamoye non sarà un avversario facile, come ha dimostrato il 21 marzo 2015 sul ring del teatro Principe contro l’italo-spagnolo Luca Giacon. Sorprendendo tutti, Jamoye ha scambiato pugni contro Giacon (e non era consigliabile farlo considerata la potenza di Giacon) riuscendo perfino a scuotere Giacon in un paio di occasioni. Dopo 12 intense riprese, i tre giudici hanno dato la vittoria a Giacon con un ampio margine di punti, ma questo non toglie nulla alla splendida prestazione di Steve Jamoye. In otto anni di professionismo, Steve Jamoye ha sostenuto 33 incontri con un bilancio di 25 vittorie, solo 5 prima del limite, 6 sconfitte e 2 pareggi. Non ha paura di recarsi in casa del suo avversario e lo ha dimostrato combattendo in Italia, Spagna, Francia, Scozia e Slovacchia. Nel 2016 è diventato campione del Belgio dei pesi superleggeri. Nel 2018 ha vinto il titolo del Benelux dei superleggeri.
I biglietti per la manifestazione dell’8 marzo, al Superstudio Più, in Via Tortona 27 a Milano, sono in vendita su TicketOne.it. I prezzi (prevendita inclusa) sono 55 Euro per il bordo ring, 39 Euro per il parterre e 28 Euro per la platea. I biglietti sono in vendita anche alla Opi Gym in Corso di Porta Romana 116/A a Milano, telefono 02-89452029. Altri due combattimenti hanno un titolo in palio: Daniele Scardina (15-0 con 14 vittorie prima del limite) ed il finlandese Henri Kekalianen (11-5) combatteranno per la vacante cintura internazionale dei pesi supermedi IBF. L’ex campionessa del mondo dei pesi supergallo IBO Vissia Trovato (12-1) affronterà la messicana Erika Cruz Hernandez (9-1) per la vacante corona silver dei pesi piuma WBC. Saliranno sul ring anche Dario Morello (13-0, 2 KO), Mirko Natalizi (3-0, 2 KO), lo svizzero Marzio Franscella (6-0), Samuel Nmomah (9-0, 3 KO) ed il britannico Jamie Cox (25-2, 14 KO).

Valuta questo articolo

5.0/5 da 1 voto.
Please wait...


FotoGallery