NBA, Kanter shock: “non andrò a Londra, Erdogan potrebbe farmi uccidere”

Kanter

NBA, Enes Kanter continua la sua crociata contro Erdogan, il cestista dei Knicks ha paura d’essere ucciso dal presidente turco

NON andrò con la mia squadra a Londra, perché se lo facessi correrei il rischio di essere assassinato. Non potrò svolgere il mio lavoro a causa di quel maniaco lunatico del presidente“. Queste le parole di Enes Kanter sul presidente turco Erdogan. Parole durissime, uno sfogo shock da parte del cestista che ha paura di essere ucciso qualora dovesse sbarcare in Europa. Kanter si è sempre opposto ad Erdogan definendolo “l‘Hitler del nostro secolo“. Per questo motivo vive da apolide dal 2017, il passaporto turco gli è stato ritirato. Il padre del cestista, nonostante si opponga alla linea dura del figlio, è stato accusato di terrorismo e privato del lavoro. Kanter ha aggiunto: “E’ triste pensare che questa storia possa incidere sulla mia carriera nel basket – riporta Repubblica – e che non andrò a Londra per via di quel tipo: io avrei voluto essere lì per aiutare la mia squadra, ma per colpa di quel dittatore pazzo non potrò farlo“.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery