Milan, dall’arrivo di Paquetà alle deludenti prestazioni di Higuan: che staffilata di Leonardo al Pipita

Leonardo Spada/LaPresse

Il responsabile dell’area tecnica del Milan ha presentato Paquetà e si è soffermato anche sulla situazione relativa a Gonzalo Higuain

Tentazione Supercoppa per Paquetà? E’ a disposizione totalmente, è arrivato a dicembre, ha fatto dieci giorni con la squadra. Ora è arrivato insieme a tutti gli altri, ci sarà prima la Coppa Italia da giocare. Lo abbiamo preparato per questo, è arrivato a dicembre per questo motivo. Questo periodo facilita l’inserimento, è stato importante, a livello di squadra è a disposizione“. Così il direttore generale dell’area tecnico-sportiva del Milan, Leonardo, sulla possibilità di schierare il nuovo acquisto rossonero Lucas Paquetà nella finale di Supercoppa italiana.

Per Paquetà è nato un amore forte. Thiago Silva, Kakà e Pato giocavano già ad un certo livello. Anche Paquetà è molto importante, anche se è all’inizio, ha già fatto due presenze in Nazionale, non è da scoprire. Bisogna abbinare le sue caratteristiche ad un progetto che si vuole mettere in piedi. Lui ha qualità umane che sono alla base e come giocatore, ed ha un margine di crescita importante. E’ ad un punto iniziale della sua carriera“, ha proseguito Leonardo che ha spiegato come il progetto Paquetà sia molto ampio. “Un talento come Paquetà in Brasile può creare una certa aspettativa che va amministrata. Kakà è un esempio molto simile, ma è arrivato al Milan in un momento diverso. Va considerato come un giocatore che porta un certo tipo di filosofia, può portare al Milan un’idea di gioco offensiva. Non paragoniamo Lucas con Kakà, nel pratico siamo in una situazione molto diversa, all’epoca il Milan stava vincendo molto con giocatori abituati alla pressione. Ora il Milan è in costruzione, è qualcosa di differente. E’ un talento e penso che Paquetà possa essere nelle condizioni per rendere al massimo, vogliamo farlo rendere al meglio“.

higuain

Spada/LaPresse

Leonardo si è poi soffermato anche su Higuain: “ha vissuto un momento un po’ cosi, che deve finire, ora deve pedalare. È inutile stare dietro a tutto quello che dice la gente, il gol ha cambiato un po’ le cosa ma ora deve continuare e prendersi responsabilità“.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...
About Ernesto Branca (27300 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery