Auto, targhe straniere: ecco perché il decreto sicurezza non fermerà gli abusi

Spieghiamo i motivi per cui i furbetti delle auto con targa straniera la faranno franca nonostante la stretta del Governo

Il Decreto Sicurezza (numero 113/2018) voluto fortemente dal ministro dell’Interno Matteo Salvini include anche una norma dedicata al settore automobilistico. La nuova legge punta infatti a regolare ed a impedire gli abusi relativi all’uso di vetture con targhe straniere che circolano in Italia.

Moltissimi “furbetti” residenti da tempo in Italia utilizzano auto con targa straniera per essere invisibili al fisco, non pagare il bollo e l’assicurazione nel nostro paese e sfuggire alle multe degli autovelox. Con il nuovo decreto è entrato in vigore il divieto di circolare in Italia con un veicolo immatricolato all’estero, a tutte quelle persone che risultano residente in Italia da oltre 60 giorni, mentre prima bisognava dimostrare che il possibile “furbetto” utilizzasse nel nostro paese questo tipo di vetture da più di un anno.

Purtroppo, anche questa nuova legge fermerà difficilmente questa odiosa prassi, considerando che le macchine prese in leasing o a noleggio a lungo termine da una società estera sono esenti da questo tipo di norma e quindi sono libere di circolare sul territorio italiano e anche negli altri paesi dell’Unione europea senza alcun tipo di problema.

Valuta questo articolo

3.4/5 da 10 voti.
Please wait...


FotoGallery