Superclasico, la rivelazione shock di Oscar Ruggeri: “mi bruciarono la casa quando passai dal Boca al River”

AFP/LaPresse

L’ex difensore argentino ha raccontato un retroscena clamoroso, accaduto dopo il suo passaggio dal Boca Juniors al River Plate

La tensione tra River Plate e Boca Juniors è sempre stata altissima, prova ne sono i fatti di guerriglia urbani accaduti prima della gara di ritorno di Copa Libertadores, rinviata per l’assalto dei tifosi Millonarios al pullman dei giocatori Xeneizes.

AFP/LaPresse

Una rivalità spaventosa, alimentata dalla ferocia dei Barra Brava, gruppi organizzati del tifo argentino che non si sono mai fatti scrupoli nel compiere gesti estremi. Uno di questi lo ha vissuto in prima persona Oscar Ruggeri, ex difensore argentino campione del mondo che ha pagato a caro prezzo il passaggio dal Boca Juniors al River Plate. Intervistato ai microfoni di Onda Cero, Ruggeri ha svelato un retroscena shock: “ho giocato sia con il Boca Juniors che con il River Plate, facendo bene con entrambe le squadre. Ma quando mi sono trasferito dal Boca al River, ho avuto dei problemi. Mi hanno bruciato la casa e dentro c’erano i miei genitori. Dopo questo episodio sono andato a parlare con il capo dei Barra Brava del Boca Juniors, lui comandava tutto e gli ho detto in maniera chiara che quella era l’ultima cosa che avrei sopportato. Quando sei un calciatore, i Barra Brava ti fanno sempre delle richieste e capita di trovarsi in difficoltà. Subentra la paura, perché arrivano le minacce di ripercussioni sulla tua famiglia. La finale di Copa Libertadores? Sarà certamente una partita incredibile e particolarmente difficile. Il River gioca meglioma il Boca è una squadra più efficace, può fare gol dal nulla in qualsiasi momento. Considerando anche tutto quello che è accaduto, sarà un match incerto“.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery