Qatar 2022, un Mondiale rivoluzionario: aria condizionata negli stadi, gare d’autunno ad orari mattutini e l’ipotesi 48 squadre

LaPresse/Reuters

Qatar 2022 si candida ad essere uno dei Mondiali più rivoluzionari della storia centennale della competizione più amata dagli appassionati di calcio

Qatar 2022 verrà certamente ricordato come uno dei Mondiali più rivoluzionari della storia del calcio. Ancora manca molto alla competizione qatariota, ma già sta facendo molto discutere per diverse novità che come sempre creano scompiglio tra i tradizionalisti del mondo del pallone. Infantino ha voluto portare una ventata di novità, aiutata anche dalla questione economica che di certo ha aiutato a portare il Mondiale in Qatar, business is business d’altra parte ed il calcio porta un giro d’affari notevole. Come noto, per portare il campionato del mondo alle soglie dell’equatore, serviva un’idea innovativa, impossibile infatti la canonica formula estiva con le temperature massime che raggiungono i 42 gradi in Qatar.

Dal Web

Dunque spazio alla prima novità, vale a dire quella di disputare la competizione in autunno. Il Mondiale qatariota partirà il 21 novembre e terminerà il 18 dicembre, creando non poco scompiglio nei calendari di tutti i campionati in giro per il mondo ed anche tra i tifosi che dovranno riadattarsi dopo l’habituè estivo. Non che a novembre in quel di Doha faccia freddo, intendiamoci, le temperature possono raggiungere anche i 30 gradi, ma niente paura dato che all’interno degli stadi ci sarà l’aria condizionata. In alcuni casi sarà necessaria, dato che (altra novità) vi saranno alcuni match giocati alle 13 locali, 11 italiane. Anche in questo caso ci sarà da abituarsi, i tifosi magari avranno difficoltà a radunarsi per seguire le gare assieme agli amici, all’ufficio oppure a scuola per i più giovani si dovrà trovare un modo per restare informati sui risultati. Le fasce orarie potrebbero però essere 4: “Esiste la proposta di spalmare le partite del Mondiale in quattro orari diversi – ha spiegato Al-Khater, segretario generale del comitato organizzatore, a Qatar TV – Le partite potrebbero quindi disputarsi alle 13, 16, 19 e 22 ore locali. Al momento il format prevede tre partite al giorno, ma stiamo programmando di arrivare a quattro perché il tempo sarà buono e tutti gli stadi sono dotati di aria condizionata”, tenendo sempre conto del fuso orario di 2 ore con l’Italia.

Dal Web

Infine c’è la novità del numero delle partecipanti che ancora non è stata ufficializzata ed è al vaglio della FIFA. Infantino ha annunciato che dal 2026 il Mondiale sarà a 48 squadre, ma vorrebbe anticipare tale innovazione al 2022 in Qatar. “L’espansione della Fifa World Cup da 32 a 48 squadre potrebbe arrivare già dal mondiale del Qatar del 2022“, ha dichiarato lo stesso presidente della FIFA. L’introduzione di questa modifica, potrebbe sconvolgere anche i calendari com’è ovvio che sia, oltre ad inserire nuove Nazionali che in condizioni normali difficilmente si qualificherebbero per la competizione. Insomma, manca ancora molto a Qatar 2022 ma già la kermesse si candida ad essere una delle più rivoluzionari della centennale storia dei Mondiali.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery