Samsung Volley Cup A2 – Soverato ko, splendida impresa di Cuore di Mamma: tutti i risultati

pallavolo serie a2

Samsung Volley Cup A2: nel Girone A cade Soverato contro la Golden Tulip, Mondovì resta sola al comando e Orvieto aggancia la seconda piazza. Nel Girone B impresa Cuore di Mamma a Perugia, la Delta Informatica è la nuova capolista. Sassuolo a segno contro Montecchio

GIRONE A
LPM BAM MONDOVI’ – P2P GIVOVA BARONISSI 3-1 (25-16 25-19 22-25 25-22)
La seconda giornata del girone di ritorno vede la Lpm Bam Mondovì ospitare la compagine dalla Givova Baronissi. Una gara combattuta, chiusa a favore delle monregalesi per 3-1, dopo un’ora e mezza di gioco. Punteggio pieno per l’Lpm Bam Mondovì che resta così sola in vetta al proprio girone.

Il primo set inizia con le due squadre in parità (5-5). Baronissi prende le distanze (5-7), ma l’LPM BAM Mondovì ingrana la marcia e mette a segno un grande break (10-7). La panchina di Baronissi ferma la rimonta delle monregalesi con un time out. Al ritorno in campo le irnine riaprono la partita, portandosi a -1 (10-9), ma Mondovì non molla (11-9). Le padrone di casa mettono in campo una bella pallavolo, che porta ad allungare le distanze (19-14). Zanette schiaccia il 20-14 e va al servizio. Un primo tempo di Midriano mette a segno il punto 21. Sul 23-14 doppio cambio per Baronissi: entrano Prestanti e Ginanneschi. Midriano ancora a segno scrive il 24-14. Le ospiti annullano due set ball (24-16). Midriano mette a terra il 25° punto (25-16).

L’avvio del secondo parziale vede le formazioni viaggiare appaiate (3-3), le pumine riprendono le distanze (11-7). Baronissi mura la corsa delle monregalesi (12-10) e si fa sotto (13-12). La “bomba” di Zanette frena la rincorsa delle avversarie (15-12). Due ace di Dascalu segnano il 16-15. Trascinate dai tifosi di casa, le rossoblu riprendono la corsa (21-16). Le campane non mollano (21-18). Nella metà campo monregalese entra Tonello per Valpiani (22-18). Zanette buca il muro avversario (23-18). Come per la frazione di gioco precedente è Midriano a schiacciare il punto che chiude il set (25-19).

Il terzo parziale inizia in maniera positiva per le ospiti che, grazie anche al turno in battuta di Dascalu, si portano sul 2-5. E’ ancora Baronissi a macinare punti, a discapito delle pumine (5-8) e Delmati ferma il gioco. Zanette sigla la parità (9-9), ma sono sempre le campane a mantenere il vantaggio (13-14). Tonello schiaccia il 14-14. Le ospiti sono determinate e si portano a +3 (17-20). Le pumine non sono da meno e si rifanno sotto, ma Baronissi riesce a conquistare il set point (21-24). Valli annulla la palla set (22-24). E’ poi Ginanneschi a conquista il parziale (21-25).

Nella quarta frazione di gioco sono ancora le ospiti a partire meglio (4-9), costringendo la panchina monregalese al time out. Al ritorno in campo Baronissi prosegue la sua corsa (6-11). Arriva la reazione dell’Lpm Bam Mondovì, che con due ace di Rebora va a -1 (10-11). Baronissi ci crede e mantiene le distanze (10-12). Zanette non ci sta e schiaccia l’11-12, è poi Tonello a siglare la parità (12-12). Schlegel segna il punto del vantaggio (17-15). La fase finale del set si scalda, con entrambe le squadre desiderose di chiudere a proprio favore (19-19). Baronissi mura Mondovì (19-20)  e Delmati ferma il gioco. Le pumine allungano (22-20) e questa volta è coach Guadalupi a chiedere time out. Al ritorno in campo le campane riprendono le monregalesi (22-22). Valli segna l’allungo (23-22). Schlegel firma il 24-22 e il match si chiude con la vittoria dell’Lpm Bam Mondovì.

ZAMBELLI ORVIETO – VOLLEY HERMAEA OLBIA 3-1 (25-16 25-19 16-25 25-12)
Torna a conquistare un’affermazione piena la Zambelli Orvieto che dopo quattro turni consecutivi assai faticosi, ritrova il sorriso a trentadue denti facendo un regalo di Natale anticipato al proprio pubblico. Niente da fare per la Volley Hermaea Olbia che ha provato ad opporre resistenza con il suo gioco tagliente di palla alta, ma nel complesso non è riuscita a mantenere un rendimento pari alle concrete rivali.

In partenza le padrone di casa mettono in crisi la seconda linea avversaria ma con qualche colpo fortunato le sarde rimangono in linea di galleggiamento (7-6). Fiore trova i varchi ma il gioco è più fluido da parte orvietana e Decortes (sette colpi vincenti) aumenta il distacco (15-10). È ancora l’opposta orvietana con tre ace consecutivi dalla linea di battuta ad ampliare il gap (23-13). C’è da attendere solo il punto dell’uno a zero che arriva su attacco in fast di Montani.

Invertiti i campi le locali mettono in crisi la ricezione avversaria con la battuta di Prandi (6-2). Giometti fa vedere qualche buon colpo ma i primi tempi di Montani sono infallibili (12-8). Da fondo campo è Ciarrocchi a procurare qualche altro grattacapo che permette di aumentare il divario (17-11). Il doppio cambio con ingresso di Venturini e Mucciola non varia gli equilibri ed il raddoppio arriva su errore ospite.

Nella terza frazione le sarde cominciano meglio e per la prima volta vanno al comando (4-7). Il vantaggio resiste ma basta un momento di calo al falco della rete Decortes per riprendere le fuggitive (13-13). Dura poco però, c’è il secondo strappo delle galluresi che raccolgono cinque punti consecutivi e così Bussoli viene gettata nella mischia (15-20). Tutto inutile perché il muro di Barazza accorcia le distanze.

Il quarto parziale vede le locali sciogliersi sul turno di battuta di Prandi che dà uno scossone al punteggio e propizia un allungo perentorio (16-7). Olbia non riesce a riorganizzarsi e la Zambelli vince a mani basse, di Montani l’attacco che chiude definitivamente i conti.

Così a caldo il coach delle orvietane Matteo Solforati: “Un risultato buono, nonostante il classico calo di concentrazione nel terzo set, ma nel quarto la risposta è stata positiva. Non è mai facile tenere sempre la concentrazione al massimo, va bene così. Ora pensiamo alla coppa Italia che sarà una partita secca e dunque aperta ad ogni risultato”.

Al termine della gara il coach delle olbiesi Michelangelo Anile ha detto: “Nel primo eravamo in balìa delle avversarie ed abbiamo commesso troppi errori, cinque pallonetti in rete non si possono regalare a questa avversaria. Ci abbiamo provato nel terzo set ma non è bastato per fermare la marcia di una squadra forte”.

VOLLEY SOVERATO – GOLDEN TULIP VOLALTO 2.0 CASERTA 1-3 (15-25 25-23 22-25 19-25)
Passa la Volalto Caserta al “Pala Scoppa” con il punteggio di tre a uno vincendo una partita che ha visto il Soverato mancare nei momenti decisivi a differenza delle avversarie più presenti in questi frangenti. Nulla da rimproverare in ogni caso alle ragazze di coach Bruno Napolitano che, comunque, di fronte, avevano una squadra che ha dichiarato sin dall’inizio della stagione di puntare alla promozione diretta in A1.

Padrone di casa in campo con Jennifer Boldini al palleggio e Aricò opposto, al centro Boriassi e Guidi, in banda Alice Tanase e Hurley con libero Francesca Napodano. Risponde la Volalto Caserta di coach Bracci con Dalia in regia e Frigo nell’inedito ruolo di opposto  per l’assenza della Perez, al centro Repice e Fucka, schiacciatrici Cella e Melli, libero Ghilardi. Partono meglio le ospiti che si portano sul 2-5 con primo time out per coach Napolitano; la Volalto si porta sul più cinque, 8-13, ma Soverato è sempre lì pronto a riavvicinarsi alle avversarie. Altro time out per Soverato con le ospiti avanti 12-17. La squadra di casa non riesce a rientrare nel set e Caserta ne approfitta allungando 12-20, chiudendo il primo set con il punteggio di 15-25.

Nel secondo set le due squadre giocano punto a punto fino a quando le locali di coach Napolitano, con un mini break, si portano sul 10-7 costringendo coach Bracci al suo primo time out tecnico; al rientro in campo contro break delle campane e situazione capovolta, 10-11, e time out per Soverato. Dentro Mangani per Tanase. Allunga la Volalto e coach Napolitano è costretto a chiamare un altro time out sul 14-17. Si rientra in campo e Soverato si riavvicina alle ospiti con un finale di set che le due contendenti giocano punto a punto, 21-22, ma è controsorpasso Soverato 23-22 con time out per la Volalto. Mangani al servizio e Boriassi guadagna due palle set, 24-22; Caserta annulla la prima ma Hurley sigla il 25-23 riportando tutto in parità.

Terzo gioco che inizia con Caserta che si porta sul 2-5 ma Soverato adesso gioca con più intensità sospinto anche dal grande pubblico del “Pala Scoppa” e poco dopo le biancorosse sono avanti 9-7 con time out per la Volalto. Squadre di nuovo in perfetta parità, 10-10, ma Soverato tenta di allungare 14-11 con Hurley al servizio. Rientra Tanase in campo al posto di Hurley in seguito ad un leggero infortunio. E’ parità 15-15; Caserta allunga e coach Napolitano rimanda in campo Hurley per Tanase. Situazione che vede avanti le ospiti 20-22 e coach Napolitano ricorre al time out; sono tre le palle set per Caserta, 21-24 e le ospiti chiudono alla seconda opportunità 22-25.

Caserta si trova avanti anche nel quarto set, 7-10, con Soverato che commette troppi errori soprattutto al servizio. Time out per coach Napolitano. La squadra di coach Bracci allunga sul punteggio di 8-12 ma le padrone di casa non ci stanno e si riportano ad una sola lunghezza dalle campane 14-15; si riporta nuovamente avanti Caserta avanti adesso di tre lunghezze, 15-18. Più quattro per la Volalto, 16-20, e coach Napolitano chiama time out. Caserta mantiene il vantaggio accumulato e porta a casa la gara chiudendo il quarto set 19-25.

EUROSPIN FORD SARA PINEROLO – ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY GROUP 2-3 (25-17 19-25 18-25 25-9 12-15)
Impresa esterna per la Acqua & Sapone Roma Volley Group, che ottiene la prima vittoria della stagione imponendosi in rimonta sul campo di Pinerolo.
Nel primo set a partire col piede giusto è la fomazione di casa, subito avanti 2-0 con Kajalina e Caserta, ma le ospiti ritrovano subito la parità sul 2-2. Con un primo tempo di Bertone a un attacco dell’opposta Kajalina le pinerolesi si riportano in vantaggio. Un buon turno al servizio dell’estone fa salire la squadra 9-3. Roma chiede il primo time out. Pinerolo aumenta ancora le lunghezze di vantaggio grazie ad una buona efficacia in attacco trascinata dalla sempre efficace Kajalina. Serena e compagne chiudono 25-17.

Nel secondo set sono le pinerolesi ad inseguire Roma. Avanti le ospiti 1-4 grazie ad un’ottima fase in attacco, Pinerolo recupera agganciando sul 6-6. Due errori in prima linea delle pinerolesi e un diagonale di Saccomani riportano l’Acqua & Sapone in vantaggio. Le padrone di casa inseguono e riescono nuovamente e trovare il pareggio sull’11-11 con un muro di Grigolo e un attacco di Kajalina. Cvetnic in prima linea e Saccomani in pipe riportano le compagne avanti. Le ragazze di Moglio sono nuovamente costrette ad inseguire ma questa volta Roma tiene la testa avanti fino al venticinquesimo punto, regalato da un errore al servizio di Grigolo.

E’ ancora la formazione romana a iniziare nel migliore dei modi il terzo parziale. Avanti 2-6 regala la palla alle padrone di casa con un errore di formazione. Le pinerolesi ne approfittano e con Zanotto al servizio superano 7-6. La palla torna nella metà campo avversaria, Mazzoni al servizio piazza un ace e Saccomani in prima linea firma il 7-9. Serena e compagne rimangono in scia, Moglio tenta la carta Zamboni, dentro per Caserta. Fuori anche capitan Serena sostituita da Zanotto. La musica non cambia, Roma guida il gioco e le bianco-blu sono sempre dietro di qualche lunghezza. Le capitoline chiudono portandosi sull’1-2.

Pinerolo reagisce e nel quarto set tiene le redini del gioco. Grigolo in prima linea mette a dura prova la difesa ospite. Due errori in attacco dell’opposta Percan valgono l’8-5. Roma chiede time out ma, una volta tornate in campo, sono ancora le pinerolesi che macinano punti con capitan Serena in prima linea. Coach Micoli, sul 14-6, chiede il secondo tempo per provare ad invertire la rotta ma l’Eurospin Ford Sara mantiene la sicurezza e la determinazione giusta per portarsi sul 2-2. Il set termina 25-9.

Ripartono determinate le padrone di casa che nel tie break guidano 4-1. Roma recupera il gap di svantaggio sfruttando qualche errore delle pinerolesi e passando avanti sul 5-6. Al cambio campo guida la formazione ospite a + 1. Le bianco-blu inseguono, Roma appare più determinata e tiene e debita distanza la squadra di casa. Sull’11-14 Kajalina annulla la prima palla match ma l’errore al servizio di Grigolo chiude la gara 12-15.

Il commento del tecnico di Pinerolo Massimo Moglio: “Abbiamo giocato bene due set poi siamo spariti dal campo. Anche nel tie break abbiamo giocato con poca convinzione. Noi siamo mai stati in grado di concretizzare in fase break. Dobbiamo smetterla di avere degli alibi e rimanere concentrate per tutto l’incontro, cosa che noi non facciamo. Abbiamo un gioco troppo altalenante. In attacco abbiamo buone percentuali di attacco, ci è mancato il muro che non è mai riuscito a fermare l’attacco avversario. Anche in ricezione abbiamo spesso tenuto la palla staccata da rete ed è mancata spesso la difesa”.

GIRONE B
SIGEL MARSALA – DELTA INFORMATICA TRENTINO 1-3 (13-25 19-25 25-23 17-25)

Tre punti che valgono il primato solitario in classifica. Domenica davvero d’oro per la Delta Informatica Trentino: le gialloblù espugnano in quattro parziali il parquet del fanalino di coda Sigel Marsala e per la prima volta da inizio stagione si issano in vetta alla classifica. Un’ulteriore soddisfazione, dunque, per le ragazze di Nicola Negro che in terra siciliana hanno sciorinato un’altra prova positiva, infilando la terza vittoria consecutiva dopo quelle ottenute con Sassuolo e San Giovanni in Marignano.

Al PalaBellina di Marsala in grandissima evidenza Gloria Baldi con 22 punti personali, un ottimo 50% di positività in attacco e 2 muri. Oltre all’opposto trentina meritano una menzione anche Fiesoli (15 punti con il 36% a rete), McClendon (13 punti con 2 ace a referto), Moncada (ottima la sua regia e determinante il suo turno al servizio nel finale del quarto set), Moro (ottimo 75% in ricezione) e le centrali Furlan e Fondriest, 23 punti in due con la prima eccellente a muro 5 stampi personali).

Nessuna sorpresa nel sestetto di partenza trentino. Con l’intera rosa a disposizione Negro si affida infatti all’assetto tradizionale, con Moncada al palleggio, Baldi opposto, McClendon e Fiesoli in posto-4, Fondriest e Furlan al centro e Moro libero. Fabio Aiuto, in settimana subentrato a Barbieri, esonerato dalla società isolana, risponde con Avenia al palleggio, Taborelli opposto, Brzezinska e Angeloni laterali, Cosi e Gabrieli al centro e Ameri libero. Assente in casa Sigel l’infortunata Fucka.

Il primo set è un monologo del sestetto gialloblù. Fondriest e compagne approcciano la gara con piglio positivo: gli attacchi della centrale roveretana, ottimamente assistita da un’intraprendente McClendon consentono alla Delta Informatica di allungare 4-7, un margine di vantaggio che diventa ancor più ampio grazie all’ace firmato dalla regista Moncada (4-9). Marsala si aggrappa a Taborelli ma la sola opposta siciliana non basta per consentire alla Sigel di mantenere il passo di Trento: Baldi e McClendon vanno a segno con grande regolarità su palla alta (9-20), Negro getta nella mischia anche Carraro, Tosi e Mason concedendo un po’ di riposo a Moncada, Baldi e McClendon. Il finale è tutto in discesa per le gialloblù che archiviano rapidamente il parziale con un perentorio 13-25.

La reazione siciliana giunge in avvio di seconda frazione quando la Sigel riesce a guadagnarsi un prezioso vantaggio grazie a Taborelli e Angeloni (5-2). La Delta Informatica, però, non rimane a guardare con Furlan che riporta in carreggiata le gialloblù andando a segno prima in attacco e successivamente a muro (11-11). In casa Marsala entra Salvestrini per una Brzezinska in difficoltà, ma la musica non cambia: Trento continua a dettare legge, Fiesoli e Fondriest rovesciano l’inerzia del set in favore delle gialloblù (12-15), imitate in attacco da Baldi e McClendon (13-17). E’ lo strappo decisivo, la Delta Informatica non abbassa la guardia (18-23) e vola sul doppio vantaggio con lo sprint finale targato Silvia Fondriest (19-25).

La terza frazione è un vero e proprio inno all’equilibrio (4-4 e 8-8). Marsala gioca meglio rispetto ai primi due set e nella fase centrale del parziale trova un prezioso break di vantaggio portandosi sul 17-15. Fondriest prova a cucire lo strappo (21-19), Negro si gioca le carte Tosi e Carraro e Trento rialza la testa fino a trovare la nuova parità (23-23). Lo spunto finale è però di marca siciliana (25-23).

Grande equilibrio anche nella fase iniziale del quarto set (10-10) con la Delta Informatica che prova a spingere sull’acceleratore (10-12, attacco di Furlan) ma si fa immediatamente riprendere dalla Sigel (12-12). Il parziale si decide nella sua fase finale quando Trento piazza un allungo micidiale: dal 17-16 si passa al 17-22 con Furlan e Fiesoli protagoniste a rete e Moncada in grande spolvero dalla linea dei nove metri. Fondriest e compagne vedono il traguardo e colgono al volo l’occasione, chiudendo i conti con un’ispirata Baldi (17-25). Un parziale super di Trento che archivia il match conquistando dunque la bellezza di nove punti consecutivi.

“Siamo molto soddisfatti perché venire a vincere a Marsala non era affatto semplice né scontato – spiega a fine gara Nicola Negro, tecnico della Delta Informatica Trentino – La squadra è partita molto bene giocando i primi due set ottimamente, poi la Sigel è cresciuta e ha saputo metterci in difficoltà. Nonostante ciò siamo sempre rimasti concentrati, trovando lo spunto finale con Moncada al servizio che ci ha permesso di condurre in porto il successo. In attacco, osservando le percentuali finali, abbiamo giocato la nostra miglior gara stagionale ma anche il muro ha lavorato molto bene confermandosi un fondamentale sempre molto affidabile”.

CANOVI COPERTURE NOLO 2000 SASSUOLO – SORELLE RAMONDA IPAG MONTECCHIO 3-1 (25-20 25-23 20-25 28-26)
Al termine di una partita lunga ed intesa, la Canovi Coperture Nolo 2000 Sassuolo batte 3-1 la Sorelle Ramonda Ipag Montecchio e torna, dopo tre sconfitte, alla vittoria. Le sassolesi si confermano quindi al secondo posto in classifica generale con 20 punti, a pari punti con Perugia.

Coach Barbolini scende in campo con Lancellotti in palleggio, in diagonale con Obossa, al centro Crisanti e Squarcini. Le attaccanti di posto quattro sono Bordignon e Joly, il libero Zardo. Coach Beltrami risponde con Giroldi in palleggio, Carletti opposto, al centro Bovo e Fiocco, in posto quattro Michieletto e Pamio. Partono subito bene le padrone di casa, che allungano primo 4-2 con la pipe di Joly e poi ancora 7-3, con Pamio che attacca out. Con Michieletto, le ospiti provano ad accorciare le distanze (12-8), ma le ragazze di Enrico Barbolini sono brave a mantenere il vantaggio acquisito (14-9). Con l’attacco out di Carletti, la Canovi Coperture Nolo 2000 trova il massimo vantaggio (16-11). E’ di nuovo Michieletto a tentare di riportare sotto le sue (17-13) ma Sassuolo allunga ancora con Obossa (21-15). Nel finale, due errori in casa Montecchio regalano alle neroverdi il primo setball (24-19), ma Bordignon serve in rete. Chiude capitan Crisanti in pallonetto (25-20).

Nel secondo set è Montecchio a partire meglio e le ospiti si portano subito avanti 3-6. Con Squarcini – muro su Michieletto – la Canovi Coperture Nolo 2000 prova ad accorciare le distanze (7-9): il pareggio arriva sul 10-10, con il muro di Obossa su Carletti. Con l’attacco di Squarcini, le padrone di casa si portano poi avanti 13-11 ma Montecchio non ci sta e pareggia 15-15 con Michieletto che la piazza lunga. Si continua a giocare punto a punto (18-18, 20-20) poi con Squarcini le neroverdi allungano 22-20. Nel finale, l’attacco di Bordignon sulla difesa fuori misura di Montecchio vale il 24-22. Chiude Obossa (25-23), dopo un grande recupero di Bordignon.

Come nel set precedente, è Montecchio a partire meglio nel terzo e le ospiti si portano subito avanti 3-7. Le padrone di casa ci provano, ma le ospiti continuano ad essere avanti (5-11). Con Obossa, la Canovi Coperture Nolo 2000 accorcia le distanze (12-15) ma Montecchio allunga ancora con l’ace di Pamio (14-19). Nel finale di set, sono ancora le vicentine ad essere protagoniste (16-23 firmato da Michieletto): Obossa ci prova (18-23 e poi ancora 20-24) ma poi finisce 20-25, con la palla messa a terra da Carletti.

Ancora una volta è Montecchio a partire meglio nel quarto (2-4) ma questa volta le ragazze di Enrico Barbolini sono brave a trovare subito il pareggio con Obossa (4-4). Si continua ora a giocare punto a punto, con nessuna delle due formazioni che riesce a trovare l’allungo vincente, finché le padrone di casa si portano avanti 16-13 con Joly. Montecchio però non ci sta e pareggia (16-16). con Joly Sassuolo allunga ancora (19-17), ma le vicentine sono sempre lì e con Trevisan trovano il pareggio (20-20). Il set continua sotto il segno dell’equilibrio, con Sassuolo che allunga e Montecchio che prontamente pareggia (22-22, 23-23). L’errore al servizio di Obossa regala alle ospiti il primo setball (23-24), ma l’opposta sassolese annulla tutto chiudendo con una palla profonda uno scambio lunghissimo (24-24). Montecchio mette di nuovo la testa avanti con Michieletto ma Sassuolo annulla ben due setball. Con il muro di Squarcini su Michieletto, la Canovi Coperture Nolo 2000 si conquista il primo matchball (27-26): chiude Obossa 28-26.

BARTOCCINI GIOIELLERIE PERUGIA – CUORE DI MAMMA CUTROFIANO 1-3 (20-25 25-14 22-25 21-25)
Una Bartoccini sotto tono cede la prima gara al PalaBarton contro Cutrofiano. 3-1 il punteggio finale per le pugliesi (20-25, 25-14, 22-25, 21-25) che hanno saputo approfittare della giornata “no” di alcune atlete della squadra di casa. Per la Cuore di Mamma, dopo il successo dell’andata, è la seconda affermazione stagionale contro Perugia.

Inizio del primo set equilibrato. Gioca meglio la formazione ospite che a muro tiene le schiacciate delle attaccanti perugine, portandosi sul 9-11. La Bartoccini tenta di reagire, ma fatica a contenere le avversarie che, punto dopo punto, incrementano il proprio vantaggio fino a chiudere il parziale 20-25

Secondo set di tutt’altro sapore. Anche in questo caso le due formazioni procedono appaiate fino al 5-5, quando Perugia preme il piede sull’acceleratore e guadagna tre punti di vantaggio (9-6). Sbanda Cutrofiano e la Bartoccini ne approfitta per scavare un solco (17-10) che la formazione ospite non riuscirà più a colmare. Perugia chiude il secondo parziale 25-14.

Terzo set che vede le due squadre viaggiare appaiate fino all’11 pari. Cutrofiano è più incisivo a muro, ma Perugia rimane sempre attaccata alla formazione ospite, fino alla fine del set quando un madornale errore arbitrale rovina la bellezza di questo gioco. Perugia si innervosisce e Cutrofiano porta a casa il parziale 22-25.

Quarto set che, anche in questo caso, procede punto su punto fino al 17 pari, quando Cutrofiano riesce a fare un break di 3 punti. La Bartoccini non è in grande giornata e si disunisce regalando punti preziosi alle avversarie che conquistano set e partita 21-25.

“Bravo Cutrofiano – commenta l’allenatore perugino Fabio Bovari – che è riuscito a portare a casa un bel 3-1. Dobbiamo interrogarci su cosa non ha funzionato nella squadra; alcune cose io le ho viste. In particolare abbiamo avuto una trazione a due giocatori anziché a cinque, come eravamo abituati a fare, e questo ha consentito a loro di portare a casa la partita. Grade rammarico per il fatto che noi siamo una squadra che tocca tanti palloni tra muro e difesa, e invece questa sera non siamo riusciti a farlo. Da martedì si torna in palestra per cercare di correggere gli errori e riprendere il cammino dove è stato interrotto”.

PHOTOGALLERY
Sul profilo Flickr e sul sito ufficiale di Lega le immagini più belle di Bartoccini Gioiellerie Perugia-Cuore di Mamma Cutrofiano, a cura di Filippo Rubin. Le foto sono liberamente utilizzabili, previa citazione del credito ‘Foto Rubin x LVF’.

I RISULTATI DELLA 11^ GIORNATA
GIRONE A
Domenica 9 dicembre, ore 16.00
Eurospin Ford Sara Pinerolo-Acqua & Sapone Roma Volley Group 2-3 (25-17, 19-25, 18-25, 25-9, 12-15)
Domenica 9 dicembre, ore 17.00
Lpm Bam Mondovi’-P2p Givova Baronissi 3-1 (25-16, 25-19, 22-25, 25-22)
Zambelli Orvieto-Volley Hermaea Olbia 3-1 (25-16, 25-19, 16-25, 25-12)
Volley Soverato-Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta 1-3 (15-25, 25-23, 22-25, 19-25)
Riposa: Itas Città Fiera Martignacco 

GIRONE B
Sabato 8 dicembre, ore 20.30

Barricalla Cus Torino-Conad Olimpia Teodora Ravenna 3-0 (25-20, 26-24, 25-22)
Domenica 9 dicembre, ore 17.00  
Sigel Marsala-Delta Informatica Trentino 1-3 (13-25, 19-25, 25-23, 17-25)
Canovi Coperture Nolo 2000 Sassuolo-Sorelle Ramonda Ipag Montecchio 3-1 (25-20, 25-23, 20-25, 28-26)
Bartoccini Gioiellerie Perugia-Cuore Di Mamma Cutrofiano 1-3 (20-25, 25-14, 22-25, 21-25)
Riposa: Omag S.G. Marignano

LE CLASSIFICHE
GIRONE A

Lpm Bam Mondovi’ 26; Zambelli Orvieto 23; Volley Soverato 23; Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta 17; Itas Citta’ Fiera Martignacco* 14; P2p Givova Baronissi 10; Eurospin Ford Sara Pinerolo* 9; Volley Hermaea Olbia 5; Acqua & Sapone Roma Volley Group 5.
* una partita in meno

GIRONE B
Delta Informatica Trentino 21; Bartoccini Gioiellerie Perugia 20; Canovi Coperture Nolo 2000 Sassuolo 20; Omag S.Giov. In Marignano* 17; Barricalla Cus Torino* 15; Cuore Di Mamma Cutrofiano 14; Conad Olimpia Teodora Ravenna 12; Sorelle Ramonda Ipag Montecchio 8; Sigel Marsala 5.
* una partita in meno

I TABELLINI
GIRONE A
LPM BAM MONDOVI’ – P2P GIVOVA BARONISSI 3-1 (25-16 25-19 22-25 25-22) – LPM BAM MONDOVI’: Schlegel 10, Rebora 9, Zanette 20, Valli 15, Midriano 10, Valpiani, Agostino (L), Tonello 7. Non entrate: Ambrosio, Bovolo, Angelini, Mandrile, Biganzoli, Vigolungo. All. Delmati. P2P GIVOVA BARONISSI: Pistolesi 7, Strobbe 8, Dall’Igna 3, Arciprete 3, Cecconello 1, Dascalu 19, Ferrara (L), Prestanti 11, Ginanneschi 7, Hodzic. Non entrate: Ferrari. All. Guadalupi. ARBITRI: Cavicchi, Armandola. NOTE – Durata set: 21′, 24′, 26′, 25′ ; Tot: 96′.

ZAMBELLI ORVIETO – VOLLEY HERMAEA OLBIA 3-1 (25-16 25-19 16-25 25-12) – ZAMBELLI ORVIETO: Stavnetchei 10, Montani 14, Prandi 4, D’Odorico 8, Ciarrocchi 5, Decortes 24, Cecchetto (L), Kantor, Mucciola, Bussoli, Venturini. Non entrate: Quiligotti (L), Angelini. All. Solforati. VOLLEY HERMAEA OLBIA: Giometti 9, Padula 4, Bacciottini 4, Nikolaeva 6, Barazza 5, Fiore 17, Degortes (L), Taje’ 2, D’Elia 1. Non entrate: La Licata, Mele (L), Moltrasio, Maruotti. All. Anile. ARBITRI: Proietti, Moratti. NOTE – Durata set: 22′, 23′, 23′, 21′ ; Tot: 89′.

VOLLEY SOVERATO – GOLDEN TULIP VOLALTO 2.0 CASERTA 1-3 (15-25 25-23 22-25 19-25) – VOLLEY SOVERATO: Tanase 2, Boriassi 6, Boldini 2, Hurley 11, Guidi 2, Arico’ 14, Napodano (L), Mangani 13, Riparbelli, Formenti, Saccani, Barbiero. All. Napolitano. GOLDEN TULIP VOLALTO 2.0 CASERTA: Cella 14, Fucka 7, Frigo 17, Melli 18, Repice 7, Dalia 4, Ghilardi (L), Giugovaz, Maggipinto. Non entrate: Trevisiol. All. Bracci. ARBITRI: Verrascina, Salvati. NOTE – Durata set: 25′, 31′, 31′, 26′ ; Tot: 113′.

EUROSPIN FORD SARA PINEROLO – ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY GROUP 2-3 (25-17 19-25 18-25 25-9 12-15) – EUROSPIN FORD SARA PINEROLO: Grigolo 22, Caserta 5, Kajalina 23, Serena 14, Bertone 13, Vingaretti, Fiori (L), Zamboni 2, Zanotto 2, Allasia, Buffo. Non entrate: Casalis, Nasi (L), Tosini. All. Moglio. ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY GROUP: Saccomani 12, Busolini 5, Percan 15, Cvetnic 17, Mazzoni 8, Vietti 7, Negretti (L), Oggioni (L), De Luca Bossa, Fava. Non entrate: Quarchioni, De Arcangelis. All. Micoli. ARBITRI: Marotta, Fontini. NOTE – Durata set: 19′, 23′, 22′, 20′ , 16′ ; Tot: 100′.

GIRONE B
SIGEL MARSALA – DELTA INFORMATICA TRENTINO 1-3 (13-25 19-25 25-23 17-25) – SIGEL MARSALA: Angeloni 8, Cosi 5, Taborelli 17, Brzezinska, Gabrieli 6, Avenia 6, Ameri (L), Salvestrini 7, Luzzi, Turla’, Vaccaro. All. Aiuto. DELTA INFORMATICA TRENTINO: Fiesoli 14, Furlan 12, Baldi 21, Mc Clendon 15, Fondriest 11, Moncada 4, Moro (L), Carraro, Mason, Tosi. Non entrate: Mazzon, Mazzon, Vianello (L). All. Negro. ARBITRI: Ciaccio, Pecoraro. NOTE – Durata set: 21′, 23′, 27′, 23′ ; Tot: 94′.

CANOVI COPERTURE NOLO 2000 SASSUOLO – SORELLE RAMONDA IPAG MONTECCHIO 3-1 (25-20 25-23 20-25 28-26) – CANOVI COPERTURE NOLO 2000 SASSUOLO: Lancellotti 1, Joly 20, Squarcini 11, Obossa 23, Bordignon 7, Crisanti 4, Zardo (L), Provaroni 1, Gatta 1, Galletti, Martinelli. Non entrate: Bici. All. Barbolini. SORELLE RAMONDA IPAG MONTECCHIO: Giroldi, Michieletto 20, Bovo 12, Carletti 20, Pamio 6, Fiocco 2, Pericati (L), Trevisan 2, Bartolini 2, Stocco. Non entrate: Frison, Larson. All. Beltrami. ARBITRI: De Sensi, Santoro. NOTE – Durata set: 24′, 28′, 26′, 33′ ; Tot: 111′.

BARTOCCINI GIOIELLERIE PERUGIA – CUORE DI MAMMA CUTROFIANO 1-3 (20-25 25-14 22-25 21-25) – BARTOCCINI GIOIELLERIE PERUGIA: Smirnova 26, Pietrelli 4, Casillo 8, Demichelis 3, Pascucci 18, Lapi 5, Bruno (L), Kotlar 3. Non entrate: Santibacci (L), Fastellini, Gierek, Marchi. All. Bovari. CUORE DI MAMMA CUTROFIANO: Saveriano 2, Lotti 9, Vincenti 9, Lutz 23, Moneta 13, Antignano 8, Barbagallo (L) 1, Manzano, Negro, Morone. Non entrate: Faraone (L). All. Carratu’. ARBITRI: Laghi, Mesiano. NOTE – Durata set: 24′, 22′, 29′, 26′ ; Tot: 101′.

IL PROSSIMO TURNO
GIRONE A
Domenica 16 dicembre, ore 17.00

Acqua & Sapone Roma Volley Group – Zambelli Orvieto
P2p Givova Baronissi – Eurospin Ford Sara Pinerolo
Lpm Bam Mondovi’ – Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta
Volley Soverato – Itas Citta’ Fiera Martignacco
Riposa: Volley Hermaea Olbia

GIRONE B
Sabato 15 dicembre, ore 20.30

Conad Olimpia Teodora Ravenna – Delta Informatica Trentino
Domenica 16 dicembre, ore 17
Cuore Di Mamma Cutrofiano – Barricalla Cus Torino
Bartoccini Gioiellerie Perugia – Sorelle Ramonda Ipag Montecchio
Omag S.Giov. In Marignano – Canovi Coperture Nolo 2000 Sassuolo
Riposa: Sigel Marsala

 

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
About Rita Caridi (34015 Articles)
Nata a Reggio Calabria il 18 giugno 1990 ama tutti gli sport, con un focus particolare sui motori e la pallacanestro. Scrive su SportFair dal 2015


FotoGallery