NBA – Mike Conley non ci sta: “io sottovalutato perché non sono mai stato scelto per l’All-Star Game, è frustrante”

LaPresse/EFE

Mike Conley sfoga tutta la sua frustrazione in una recente intervista: il play dei Grizzlies si sente sottovalutato per non aver mai partecipato all’All-Star Game

Mike Conley è uno dei migliori playmaker della lega, ma spesso, anche a causa di qualche infortunio di troppo, rischia di essere dimenticato. La sua assenza dall’All-Star Game dopo 12 anni passati in NBA, la dice lunga sull’argomento. Il playmaker dei Grizzlies, in una recente intervista rilasciata a The Athletic, si è fortemente lamentato al riguardo: “ogni anno diventa sempre più frustante. Sono nella NBA ormai da 12 anni e so che ad un certo punto dovrò smettere, spero tra 7 o 8 anni. Ma a fine giornata quando penso alla mia carriera mi rendo conto che ci sono state cosi poche opportunità di riconoscimento. Questa cosa mi sta distruggendo. Cerco di guadagnarmi il rispetto. Se partecipi all’All-Star game la gente penserà: ‘oh, sì, è diventato forte adesso’. Ma se non vieni scelto diventa ‘Beh, non ce l’ha mai fatta, non ha mai vinto niente, quindi perché pensi di essere meglio di questo giocatore o di quello. ‘ Sembra di essere in una campana di vetro e io sto cercando di sfondarla”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery