Napoli, dovevi crederci di più, ma questo Liverpool fa paura! L’Europa League adesso è un’opportunità

AFP/LaPresse

Un solo gol ma tanto spettacolo fra Liverpool e Napoli. Partenopei che soffrono l’attacco dei Reds, ma nel finale si fanno pericolosi, ma l’arrembaggio arriva troppo tardi. Adesso c’è un’Europa League da vincere

Uno degli 1-0 più belli della storia del calcio. Si può tranquillamente descrivere così la partita dell’ultimo turno della fase a gironi di Champions League fra Liverpool e Napoli. Del resto, che il gol sia stato uno solo è per lo più una casualità. Le due squadre si affrontano a viso aperto e la partita ne guadagna in spettacolarità, come del resto ogni partita del Liverpool. Klopp fa esprimere agli inglesi un calcio molto offensivo, fatto di difesa alta, pressing asfissiante e attacco rapido e letale che trova in Salah il suo finalizzatore per eccellenza. Proprio l’ex Roma è l’autore del gol decisivo che piega il Napoli nel primo tempo.

AFP/LaPresse

Napoli che soffre sull’out di sinistra, con Mario Rui in imbarazzante difficoltà sulle folate del duo Arnold (che annulla Insigne in fase difensiva) e Salah. Alla squadra di Ancelotti manca ancora la personalità di giocare sotto pressione, in un grande palcoscenico europeo: elemento che fa la differenza quando il pallone scotta e l’uscita palla al piede dalla difesa non funziona, la regia di Hamsik va oltre il secondo tocco e si appanna, Insigne e Mertens spengono la luce in attacco.

AFP/LaPresse

Napoli che si risveglia nella ripresa, quando il Liverpool abbassa il ritmo e gli azzurri si lasciano un po’ andare all’istinto: meno tattica, più grinta. Napoli che si scopre e rischia a più riprese di subire gol, ma Manè sbaglia l’impossibile e quando becca la porta, trova un super Ospina. Super come il collega Alisson, decisivo su Callejon nel finale. Napoli che ha iniziato a crederci forse troppo tardi. L’1-0 è l’unico risultato, in caso sconfitta con un gol di scarto, che avrebbe condannato Insigne e compagni alla ‘retrocessione’ in Europa League. Complice l’1-4 del PSG, è un verdetto davvero amaro, inasprito da qualche dato: il Napoli non passa il girone con una sola sconfitta, arrivata all’ultima giornata; Liverpool ha fatto 0 punti fuori casa, perdendo 3 partite, ma vincendo tutte e 3 le gare casalinghe; il 2-2 di Di Maria a Parigi, arrivato a tempo scaduto, è stato decisivo ai fini del girone, così come il pareggio dei partenopei al Marakana contro la Stella Rossa.

Ancelotti

AFP/LaPresse

Dalla sconfitta nasce adesso una grande opportunità: il Napoli diventa una delle squadre più attrezzate per vincere l’Europa League. Con una rosa più ampia rispetto a quella dell’anno scorso e una Juventus che sembra imprendibile in campionato, Ancelotti farebbe bene a non trascurare l’Europa. Del resto, come abbiamo già sottolineato, al Napoli è mancata la ‘dimensione europea‘: caratteristica che si sviluppa calcando grandi palcoscenici e, perchè no, vincendo trofei prestigioso. Inutile dire quanto Carletto, visto il suo passato, già lo sappia.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...
About Mirko Spadaro (15345 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 9 agosto 1993 è un esperto di basket e calcio, ama tutti gli sport a 360 gradi. Scrive su SportFair dal 2016


FotoGallery