Milan, Montella ne ha per tutti: “la società ha deciso su Bonucci e Andrè Silva. Gattuso? Alla scarsa condizione fisica rispondo…”

Milan, Montella LaPresse/Spada

Vincenzo Montella torna a parlare della sua avventura al Milan e si toglie qualche sassolino dalla scarpa: dalla fascia di capitano a Bonucci, passando per il mercato e qualche polemica sulla ‘gestione atletica’ della squadra, l’ex allenatore parla a ruota libera

Guarda chi si rivede, o meglio, chi si ‘risente’. In tutti i sensi. Con il dente ancora un po’ avvelenato per come è finita la sua avventura al Milan, Vincezo Montella è tornato a parlare della sua esperienza in rossonero in un’intervista esclusiva a Sky Sport. L’ex allenatore del Milan, esonerato fra mille polemiche dalla proprietà cinese, si è tolto qualche sassolino dalla scarpa parlando di diversi argomenti scottanti, relativi alla sua gestione. Dalla scarsa fiducia nei suoi confronti alla fascia di capitano ‘imposta’ a Bonucci, passando per il budget relativo al mercato attaccanti e alle accuse di allenare in maniera sbagliata, dal punto di vista atletico, la propria squadra: Montella ne ha per tutti!

Io sono assolutamente grato al Milan, anche agli stessi Fassone e Mirabelli che mi hanno dato la possibilità di iniziare la nuova stagione, anche se avevo sentito che già c’erano alcuni dubbi su di me. Questo mi è dispiaciuto. Ma era troppo forte la voglia di allenare il Milan che non mi ha fatto essere lucido per fare altre scelte. Se potessi tornare indietro? Non lo so, razionalmente probabilmente era più giusto andare via a giugno. C’erano tanti messaggi tra le righe che testimoniavano scarsa fiducia. L’errore più grosso che ho fatto è stato nella comunicazione, che doveva essere di profilo molto più basso.

Fascia di capitano a Bonucci? A suo tempo la società aveva promesso a Bonucci la fascia di capitano. Io al ragazzo dissi telefonicamente che si poteva essere capitani anche senza la fascia, a volte lo si è anche di più. Poi mi sono preso del tempo, era una scelta che volevo fare io. Con il nuovo corso, poi, la società tra virgolette mi costrinse, ma ero d’accordo, a dare la fascia di capitano a un nuovo calciatore e io questa scelta l’ho avallata perchè la nuova proprietà ha diritto di poter scegliere il proprio capitano. Ero indeciso tra Bonucci e Biglia, ne parlai anche con Lucas ma non era entusiasta, perchè probabilmente aveva avuto esperienze negative in passato. Quindi la scelta fu facile alla fine.

Attaccanti? Kalinic è un giocatore a me graditissimo, era la prima scelta, sulla carta un titolare rispetto ad André Silva che a inizio stagione era un’alternativa alla prima punta. Poi chiaramente le cose si evolvono. L’attaccante è stato comprato alla fine del calciomercato: siamo stati vicini a Morata, a Batshuayi. Alla fine con il budget a disposizione era difficile prendere un attaccante più forte di André Silva, che non so neppure quanto sia stato pagato.

Condizione fisica scarsa durante la mia gestione? Il Milan a Benevento, la partita dopo il mio esonero, ha corso più dell’avversario e pareggiò la partita all’ultimo minuto, con un possesso palla migliore. A oggi si fa ancora confusione sui metri percorsi rispetto all’intensità dei metri percorsi. È la potenza metabolica che conta, non esclusivamente la distanza. Sfido chiunque abbia detto questo o che ne sia convinto di fare un confronto con dati alla mano. Ho allenato in Serie A cinque o sei anni prima di arrivare al Milan, penso di avere più esperienza di chi ha parlato di condizione fisica. Non sono qui per fare un paragone con la gestione di oggi, ognuno ha il suo metodo e le sue convinzioni. Rispetto quelle degli altri. Gattuso ha dimostrato di essere un bravo allenatore, sta facendo un buon lavoro, ma quando mi vengono toccate le mie competenze allora ci rimango un po’ male”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery