Milan-Torino ma non solo, Darmian si mette a nudo: “sogno di tornare in Serie A, l’Italia mi manca”

Darmian Darmian - LaPresse/Jennifer Lorenzini

Il giocatore del Manchester United ha parlato del confronto tra Milan e Torino e della sua voglia di tornare in Serie A dopo molti anni in Premier

La squadra dove è cresciuto contro quella che lo ha reso grande, Milan-Torino per Matteo Darmian non può essere una partita come le altre visto il suo passato.

Il Manchester United è la sua attuale squadra, ma un pensierino alla Serie A l’esterno italiano non lo disdegna: “il match di San Siro è il film della mia vita, il club che mi ha cresciuto e quello che mi ha fatto fare il salto di qualità. In rossonero è stata una scuola di vita, avevo 10 anni, giocavo nella Carcor a Rescaldina: dopo un po’ di provini, arrivò la notizia che il Milan mi aveva preso. Entro bambino, me ne vado a 19 anni: mi ha insegnato tutto. Ringrazierò sempre la società. Quando mi sono affacciato in prima squadra c’era un Milan fortissimo: giocare qualche partita in mezzo a quei campioni mi ha riempito di orgoglio dandomi la forza per arrivare ad alto livello. Rimpianti non ce ne sono: ero molto giovane, volevo giocare, feci le mie scelte e il club le sue“.

Darmian passa poi ad analizzare il periodo al Toro: “sono stati 4 anni vissuti al massimo, a pensarci ho ancora i brividi. Al Toro è stata una crescita tutti insieme, dalla Serie B alla conquista inaspettata dell’Europa con persone fantastiche in un ambiente capace di trascinarti. L’ultimo mio anno fu incredibile: al San Mamès è stata un’impresa storica, siamo stati la prima e unica italiana a vincere in quell’inferno. E poi il successo nel derby: furono le due partite simbolo di quel quadriennio. Oggi mi aspetto una partita tirata, combattuta. Sulla carta è leggermente favorito il Milan perché gioca in casa, ma le partite vanno sempre giocate“.

Sul suo futuro poi, Darmian svela: “tornare in Nazionale è un mio obiettivo, anche se Mancini non mi ha ancora chiamato. L’Italia mi mana, non posso negarlo. So di essere in uno dei migliori club al mondo e ne sono orgoglioso, però ora l’Italia mi manca. Amo il mio Paese“.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery