Freddo e noia, Bologna-Milan concilia il… sonno: Gattuso spreca l’ennesima occasione Champions

Spada/LaPresse

I rossoneri non sfruttano il ko della Lazio a Bergamo, ottenendo uno scialbo 0-0 che permette alla Roma di accorciare e rientrare nella corsa Champions

Un Milan senza idee e inventiva. Un Bologna arcigno, consapevole che anche un punto sarebbe servito eccome per la propria classifica. Nella fredda serata del Dall’Ara sorridono solo gli uomini di Inzaghi, che si tiene un po’ più stretta la propria panchina dopo le voci di esonero dei giorni scorsi.

Spada/LaPresse

I rossoblù accorciano sull’Udinese, portandosi a -1 grazie ad una prestazione difensiva solida, fondamentale per fermare le incursioni di Higuain e soci. Fortunatamente per Skorupski, i rossoneri mancano di idee e, invece di attaccare gli esterni per far male alla difesa di casa, si intestardiscono ad intasare le vie centrali, permettendo a Danilo e compagni di risolvere con estrema facilità le trame offensive del Milan. Le responsabilità? Senza dubbio di Rino Gattuso, colpevole di indugiare su un modulo che non fa al caso della propria squadra. Higuain e Cutrone si pestano i piedi, mentre Suso e Calhanoglu restano troppo lontani dall’area di rigore, evitando così di creare grattacapi agli avversari. Il risultato sono gli zero pericoli creati dal Milan nell’arco di novanta minuti, mai una parata degna di nota di Skorupski, se non qualche intervento su conclusioni dalla distanza del Pipita.

Spada/LaPresse

Una squadra priva di inventiva e di idee quella di Gattuso, che spreca l’ennesima occasione di aumentare il gap dalle avversarie per il quarto posto, centrando il secondo 0-0 consecutivo che fa suonare più di qualche allarme. Se la difesa tiene, l’attacco latita pericolosamente e Higuain continua a rimanere ad aumentare il suo digiuno, arrivato a più di cinquanta giorni. L’argentino soffre la presenza di un’altra punta al suo fianco, le sue prestazioni ne risentono e le reti non arrivano. L’unico a non accorgersene è Gattuso, che continua ad insistere su un 4-4-2 deleterio per il gioco del Milan. Al momento la situazione di classifica sorride, le prossime tre partite diventano fondamentali per chiudere il girone d’andata al quarto posto. Fiorentina, Frosinone e Spal rappresentano un banco di prova importante per Gattuso, fallire potrebbe costargli questa volta l’esonero: Leonardo e Maldini non hanno più intenzione di perdonare, l’eliminazione dall’Europa League è già abbastanza da sopportare.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery