Fabio Turchi fa impazzire Firenze: il pugile italiano mette ko Conquest e difende il titolo internazionale silver pesi massimi leggeri WBC

Tutto esaurito al teatro Obihall di Firenze: Fabio Turchi mette ko Tony Conquest e difende il titolo internazionale silver dei pesi massimi leggeri WBC

Venerdì 30 novembre, al teatro Obihall di Firenze, Fabio Turchi ha difeso in modo autorevole il titolo internazionale silver dei pesi massimi leggeri WBC atterrando nel corso del settimo round Tony Conquest con un gancio sinistro che ha provocato un gonfiore all’occhio sinistro dell’inglese inducendo il suo allenatore a gettare la spugna. In delirio il pubblico che ha riempito in ogni ordine di posti il teatro Obihall (erano presenti 1.500 spettatori). “Abbiamo avuto solo due settimane per preparare questo evento – commenta Christian Cherchi della Opi Since 82 – e siamo riusciti lo stesso a fare il tutto esaurito. Il pubblico si è entusiasmato non solo per il match di Fabio, ma anche per tutti gli altri in particolare per quello di Devis Boschiero che è stato protagonista di una grande prestazione contro Martin Ward per il vacante titolo internazionale silver dei pesi superpiuma WBC. Due giudici hanno dato la vittoria al britannico con i punteggi di 117-111 e 115-113 mentre il terzo ha considerato vincitore Devis per 115-113. Perdere in questo modo, in Italia, di fronte ai propri tifosi ha deluso moltissimo Devis, ma mio padre Salvatore ed Eddie Hearn lo hanno rincuorato dicendogli che dopo una prestazione di così alto livello avrà certamente la possibilità di combattere ancora per un titolo all’interno di un grande evento. Questa manifestazione era anche un test per verificare la sinergia con i nostri nuovi partner Matchroom Boxing Italy e DAZN Italia. Con loro abbiamo lavorato benissimo e so che anche loro sono soddisfatti di noi. Puntiamo, quindi, a proseguire su questa strada organizzando riunioni sempre più importanti in impianti sempre più grandi.

Nel terzo match titolato, il vacante europeo dei pesi superleggeri, Joe Hughes ha vinto nettamente contro Andrea Scarpa al termine di dodici riprese a senso unico. “Su questo risultato non possiamo dire nulla – spiega Christian Cherchi – perché la sconfitta di Andrea è evidente. I match del sottoclou sono stati all’altezza delle aspettative con i nostri pugili che hanno vinto ai punti. Il pubblico ha fatto un gran tifo per l’aretino Orlando Fiordigiglio ed ha applaudito anche Mirko Natalizi e Carmine Tommasone che hanno superato rispettivamente Frane Radnic, Miguel Aguilar e Giovanny Martinez. Infine, l’inglese John Docherty ha battuto in due riprese Angel Castillo.”

La riunione ha avuto anche un grande riscontro mediatico, come le tantissime richieste di accredito da parte dei giornalisti e sono usciti innumerevoli articoli su quotidiani cartacei, quotidiani online e siti web professionali. A dimostrazione che quando un evento è organizzato nel modo giusto, con pugili di alto livello che affrontano avversari credibili, in un impianto moderno, l’interesse dei media è garantito.

La riunione del 30 novembre è stata trasmessa in diretta da DAZN, il servizio streaming leader mondiale nella trasmissione di eventi sportivi (anche on demand) in Italia e negli Stati Uniti mentre Sky Sports U.K. ha mandato in onda l’evento nel Regno Unito. Chi si fosse perso la diretta, può vedere gli incontri sulla piattaforma internet di DAZN Italia. Il prossimo appuntamento della collaborazione tra Opi Since 82, Matchroom Boxing e DAZN è previsto per il febbraio 2019 a Milano.

Valuta questo articolo

5.0/5 da 1 voto.
Please wait...


FotoGallery