F1 – L’omaggio al team e la solita ironia, Ricciardo dice alla Red Bull: “non sono pronto per ritirarmi”

daniel ricciardo photo4/Lapresse

Daniel Ricciardo tra battute e divertimento: l’australiano saluta la Red Bull prima della nuova avventura in Renault

E’ terminata ormai da una settimana la stagione 2018 di F1: domenica scorsa ad Abu Dhabi si sono del tutto chiusi i battenti con la vittoria di Lewis Hamilton sul circuito di Yas Marina. Martedì i campioni delle quattro ruote sono tornati in pista, ad Abu Dhabi, per due giornate di test Pirelli in vista della prossima stagione.

daniel ricciardo

photo4/Lapresse

Non tutti però hanno avuto la possibilità di salire a bordo delle loro monoposto: a Daniel Ricciardo, infatti, non è stato concesso dalla Red Bull di disputare i test con la sua nuova squadra, la Renault. Nonostante ciò, il pilota australiano ha sfoggiato il suo immancabile sorriso e, recatosi nella fabbrica di Milton Keynes, ha salutato tutto lo staff della Red Bull.

Tanto divertimento, risate e discorsi di addio, Ricciardo ha salutato il suo vecchio team partendo dalla modifica apportata sul disegno del suo casco per la gara di Abu Dhabi: “le ali sono un omaggio alla Red Bull ma anche un segno del mio addio al team. Ho pensato che sarebbe stato un bel gesto. Il tasso del miele beve una Red Bull ed idealmente ringrazia il team per i bei momenti trascorsi”.

daniel ricciardo

LaPresse

Infine non poteva mancare una battuta: “sto solamente iniziando un nuovo capitolo della mia carriera, non è un ritiro. Sarebbe stata una storia differente. Tutta questa vicenda mi ha fatto comprendere di non essere ancora pronto a ritirarmi”, ha scherzato Ricciardo.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery