Silenzio assordante in casa Ferrari, Binotto e Arrivabene pronti alla definitiva resa dei conti

LaPresse/Photo4

Nessuna notizia trapela da Maranello in questi giorni e, senza il tradizionale incontro di fine anno con la stampa, si alimentano spifferi e pettegolezzi

La situazione in casa Ferrari non è così idilliaca come si possa credere, malumori e litigi covano sotto la cenere con il rischio di esplodere da un momento all’altro.

John Elkann

Photo4/LaPresse

Il silenzio assordante che arriva da Maranello non fa che aumentare le certezze circa questi dissidi, che appaiono sempre più concreti. L’armonia tra Maurizio Arrivabene e Mattia Binotto è venuta meno ormai da qualche tempo, i due sono giunti ai ferri corti e occorrerà l’intervento di John Elkann per dirimere la questione in un verso o nell’altro. Secondo quanto riferito dal Corriere della Sera, le visite a Maranello del neo presidente della Ferrari si sono intensificate nelle ultime settimane, proprio per analizzare il clima che si respira in fabbrica. La monoposto per il 2019 pare già a buon punto, dunque gli unici problemi riguardano i rapporti interpersonali all’interno del team, un ostacolo che va risolto il prima possibile per evitare che la nuova stagione parta con il piede sbagliato. Nei giorni successivi al Gp d’Abu Dhabi, Binotto ha incontro i vertici della scuderia per capire come muoversi, visto che le offerte sul suo tavolo non mancano affatto.

Binotto e Arrivabene

LaPresse/Photo4

Le strade che Elkann potrebbe percorrere sono a questo punto tre: confermare il tandem Binotto-Arrivabene e risolvere i problemi, dare pieno appoggio al team principal con la possibilità che il dt saluti la squadra oppure scaricare il capo della GES e puntare sulle conoscenze dello stesso Binotto. Toccherà al presidente prendere posizione, ma qualunque cosa decida, è importante che lo faccia in fretta perché il 2019 è già dietro l’angolo.

Valuta questo articolo

5.0/5 da 1 voto.
Please wait...
About Ernesto Branca (27325 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery