Copa Libertadores, la Conmebol mette le cose in chiaro: “la decisione di giocare a Madrid è irreversibile”

AFP/LaPresse

Il presidente della confederazione sudamericana ha sottolineato come la scelta di far giocare Boca-River al Bernabeu sia irreversibile

La decisione di giocare la gara di ritorno della finale di Coppa Libertadores tra River Plate e Boca Juniors a Madrid è “irreversibile”. Lo ha detto il numero uno del Conmebol, la confederazione sudamericana, Alejandro Dominguez. Il commento è arrivato poche ore dopo che il River Plate non si è detto d’accordo nello spostare la partita al Santiago Bernabeu, lo stadio del Real Madrid, il 9 dicembre. La gara di ritorno della finale tra le due più grandi rivali d’Argentina è stata sospesa il 24 novembre dopo che il bus della squadra del Boca è stato attaccato con pietre e bottiglie dai tifosi del River mentre si recava allo stadio Monumental di Buenos Aires. Diversi giocatori del Boca sono rimasti feriti mentre altri – tra cui l’ex nazionale argentino Carlos Tevez – sono stati colpiti da gas lacrimogeni sparati dalla polizia per disperdere i facinorosi. La partita è stata riprogrammata per il giorno successivo ma è stata posticipata di nuovo poche ore prima del calcio d’inizio. La gara di andata nello stadio del Boca, la Bombonera, era terminata con un pareggio per 2-2. “Se c’è una cosa di cui sono sicuro, è che la partita si giocherà a Madrid, la decisione è irreversibile”, ha detto chiaramente il presidente del Conmebol, Alejandro Dominguez, prima della finale della Coppa del Mondo Under 17 femminile a Montevideo.

Dominguez ha spiegato di aver chiamato personalmente il presidente del Real Madrid Florentino Perez, chiedendo il permesso di giocare la partita al Bernabeu. “Gli ho detto che avevo bisogno della risposta di un amico”, ha detto Dominguez, rivelando che Perez aveva quindi chiesto tempo per pensare alla proposta. “Due minuti dopo mi ha richiamato e mi ha detto che non solo era una buona idea, ma che il Bernabeu sarebbe stato disponibile per la partita senza alcun costo”, ha aggiunto Dominguez. Il River, da parte sua, ha detto che la decisione di spostare la partita nella capitale della Spagna non era giusto per il club e per i suoi tifosi. “Il River Plate rifiuta il cambio di sede…influisce negativamente su chi ha acquistato i biglietti e sconvolge anche l’idea delle uguali condizioni tra i due club eliminando il vantaggio della gara in casa”. (ADNKRONOS)

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery