Ciclismo – Rinnovata la partnership fra Bahrain Merida e IRR

/

La Bahrain Merida Pro Cycling Team e l’Istituto delle Riabilitazioni di Torino hanno rinnovato la loro partnership anche per il 2019

 L’Istituto delle Riabilitazioni di Torino, centro medico d’eccellenza, sarà anche per il 2019 la Clinica ufficiale del BAHRAIN MERIDA Pro Cycling Team. Una partnership che evidenzia la competenza, a livello internazionale, che in pochi anni l’IRR ha saputo conquistare e grazie alla quale ha convinto uno dei più importanti team ciclistici mondiali ad affidare i propri atleti alle cure mediche di questa struttura.

La collaborazione è stata rinnovata oggi durante la conferenza stampa svoltasi presso l’IRR di Torino, in Corso Francia, 104/3. Presenti all’evento tutti i ciclisti del Team BAHRAIN MERIDA, tra cui i campioni Vincenzo Nibali e Domenico Pozzovivo.

Molto apprezzata dagli atleti durante questo primo anno la tDCS (Stimolazione Transcranica a corrente diretta continua) multicanale, innovativa tecnica che consente di stimolare diverse aree cerebrali, efficace, indolore e senza effetti collaterali. La base di questa tecnologia sta nel fatto che il cervello è in grado di controllare qualunque funzione mentale e fisica di qualunque soggetto. Le prestazioni sportive necessitano non soltanto di forza fisica, allenamento, predisposizione etc. ma anche di un atteggiamento mentale particolarmente adatto alle gare. La tDCS, agendo su diverse funzioni cerebrali che entrano in gioco nel gesto sportivo, ha permesso ai ciclisti del Team BAHRAIN MERIDA di gestire meglio la fatica, di aumentare la rapidità e la precisione del gesto atletico e di riposare meglio dopo prestazioni particolarmente impegnative.

Il Gruppo CIDIMU metterà inoltre a disposizione degli atleti l’app SaluberMD, una rivoluzionaria piattaforma informatica che consente un primo consulto con un medico specialista o generalista mediante uno smartphone in videochiamata a cui esporre i propri sintomi con la possibilità di vedersi reciprocamente, utilizzando due cardini della visita medica che sono l’anamnesi e l’ispezione. Una tecnologia innovativa di cui i campioni del Team Bahrain Merida potranno avvalersi durante le varie corse in giro per il mondo, avendo sempre a disposizione 24 ore su 24 un vero e proprio Istituto Virtuale Multispecialistico.

Siamo molto fieri di continuare a legare il nome dell’IRR con quello di un team composto da fuoriclasse del pedale come i ciclisti del Team Bahrain-Merida” spiega il Dott. Ugo Riba, Presidente del Gruppo CIDIMU. – “Quest’anno, oltre alla tDCS, metteremo a disposizione della squadra anche l’app SaluberMD, uno strumento che consentirà loro di avere a disposizione sempre e ovunque nel mondo il nostro Istituto Virtuale per un consulto medico direttamente sul loro cellulare/tablet e far fronte a qualunque problema sanitario che insorga improvvisamente”.

“E’ una grande opportunità per il Team Bahrain Merida poter usufruire per il secondo anno delle competenze e dei servizi offerti dall’Istituto  RIBA” commenta il Dr. Luca Pollastri, Medico di squadra Team Bahrain MERIDALa collaborazione durante la passata stagione ha permesso di incrementare la qualità del servizio medico offerto ai nostri atleti e di utilizzare tecnologie innovative nel mondo dello sport. Fra queste la tDCS (Transcranial Direct Current Stimulation) ha trovato applicazione in diverse competizioni e siamo certi che il prosieguo della collaborazione ci permetterà di conoscere e sfruttare maggiormente le potenzialità di questa strumentazione. Un sentito ringraziamento in particolar modo lo staff medico deve riservarlo al Dott. Riba, al Dott. Molino e alla Dott.ssa Geda per la disponibilità nel rispondere con tempestività alle esigenze proprie di un Team di vertice quale il nostro”.

L’Istituto delle Riabilitazioni di Torino è uno dei 21 Istituti certificati al mondo come Collaborating Centre of the International Federation of Sports Medicine, prestigioso riconoscimento ottenuto nel 2016. L’IRR dispone di moderni ambulatori specialistici per affrontare le diverse problematiche della Medicina dello Sport, e propone un modello di Riabilitazione Integrata che spazia dal campo ortopedico a quello cardiovascolare, con ogni possibile intervento in reumatologia, neurologia, otorinolaringoiatria pneumologia, urologia e dermatologia. L’IRR ha ottenuto in brevissimo tempo delle importanti convenzioni con l’Università degli Studi di Torino, di Pavia, di Madrid, di Valencia e delle Canarie e dei riconoscimenti ufficiali da parte dell’Accademia di Medicina.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery