Caos all’interno del CIO: sceicco del Kuwait accusato in Svizzera si autosospende

Cio AFP/LaPresse

Sceicco del Kuwait accusato in svizzera: si autosospende da membro del CIO. Sospettato di avere fabbricato ‘fake news’ contro due funzionari del suo Paese

Ahmad Al-Fahad Al-Sabah si è autosospeso a titolo temporaneo da membro Cio e dalla carica di presidente della Commissione di solidarietà olimpica. L’influente sceicco del Kuwait, presidente dei comitati olimpici mondiali (Anoc), è accusato dalla giustizia svizzera di avere fabbricato insieme ad altre quattro persone alcuni video falsi nell’ambito di un presunto complotto contro due funzionari del governo kuwaitiano.

Sulle presunte fake news indaga anche il Comitato etico del Cio, che ascolterà Al-Sabah in un’audizione. “Lo sceicco Ahmad ha piena fiducia nei tribunali svizzeri e nei processi imparziali del Comitato etico del Cio ed è fiducioso di uscirne completamente pulito“, dice lo stesso Al-Sabah in un comunicato. “Lo sceicco Ahmad –si legge ancora nella nota– ha avuto l’onore di essere un membro del Cio per 26 anni e ha intenzione di continuare a servire il Comitato olimpico internazionale“. (Spr/AdnKronos)

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery