Samsung Volley Cup A2 – Mondovì super nel Girone A, il Barricalla ferma Trentino nel Girone B

Samsung Volley Cup A2: settebello Mondovì nel Girone A, imbattuta anche Orvieto che passa a Caserta. Soverato al quinto, primo urrà per Olbia. Nel Girone B Omag al terzo posto, il Barricalla frena Trentino. Festa Cutrofiano su Marsala

GIRONE A
LPM BAM MONDOVI’ – ITAS CITTA’ FIERA MARTIGNACCO 3-0 (25-13 25-17 25-23)
Una inarrestabile Lpm Bam Mondovì supera in un’ora e 11 minuti la formazione dell’Itas Città Fiera Martignacco, consacrandosi così capolista, con 7 vittorie su 7 gare disputate.

Tra il pubblico presente anche le ex pumine Erblira Bici e Giulia Sciolla, lo scorso anno tra le fila dell’LPM BAM Mondovì. Sugli spalti anche numerose giovanissime atlete Under 12, che la scorsa domenica hanno partecipato alla 13^ edizione del Torneo Nazionale di Halloween, manifestazione giovanile organizzata dall’Lpm pallavolo Mondovì.

Le friulane partono bene, mettendo in difficoltà le pumine (4-7), costringendo Delmati a chiedere time out. Al ritorno in campo l’Lpm Bam Mondovì suona la carica e pareggia la situazione (7-7). Le formazioni proseguono appaiate (9-9). Zanette e Biganzoli schiacciano a terra punti pesanti. Midriano va a segno (14-10) e questa volta è la panchina di Martignacco a fermare il gioco. Tra gli applausi del pubblico del PalaManera nella metà campo friulana entra l’ex pumina Karola Dhimitriadhi. I tre ace di capitan Biganzoli allungano il vantaggio di Mondovì (19-11). Il gioco di squadra dell’Lpm Bam prosegue compatto e determinato: il set si chiude con la vittoria delle monregalesi con un perentorio 25-13.

Il secondo parziale inizia in parità (5-5), con l’ Itas Martignacco che si porta avanti 8-5. Le pumine reagiscono e con l’ace di Rebora è parità (9-9). La marcia delle monregalesi non si ferma (18-15). L’ace di Schlegel allunga le distanze (20-15) e la panchina ospite ferma il gioco. La reazione delle friulane non tarda ad arrivare (20-17), ma le pumine vogliono la vittoria anche di questa  frazione di gioco (23-17). Ci pensa poi la capitana a chiudere e trascinare l’Lpm Bam sul 2-0 (25-17).

Nell’avvio del terzo set le due squadre viaggiano a braccetto (5-5). Le pumine ingranano la marcia giusta e si portano a +3 (9-6). Coach Gazzotti chiede time-out. La partita entra nel vivo, con entrambe le squadre determinate e motivate (16-15). Le formazioni proseguono in parità (21-21). Sul 22-21 entra in campo Viola Tonello: un gradito ritorno sul taraflex per lei, dopo il brutto infortunio subito la scorsa stagione. Schlegel mette a segno il punto del 23-22 ed è Rebora a schiacciare il 24-23. Martignacco annulla il match point. Ma è ancora Sofia Rebora a mettere a terra il punto, che vale il 3-0 (25-23).

VOLLEY SOVERATO – EUROSPIN FORD SARA PINEROLO 3-2 (13-25 25-22 19-25 25-22 15-11)
Riscatto del Volley Soverato. Questa volta, il tie break sorride alle calabresi di coach Bruno Napolitano che al “Pala Scoppa” superano in rimonta l’Eurospin Ford Sara Pinerolo dopo una partita caratterizzata da tanti errori. Per le biancorosse da dimenticare il primo set, praticamente non giocato da Boldini e compagne, mentre nei restanti parziali la squadra di casa ha alternato le fasi di gioco riuscendo comunque a rimontare il set di svantaggio conquistando con merito due punti importanti. Grande carattere, dunque, e voglia di combattere e non mollare nulla.

Volley Soverato in campo con Boldini in regia e Aricò opposto, al centro la coppia Boriassi – Guidi, in banda Alice Tanase e Hurley con libero Francesca Napodano. L’ Eurospin Pinerolo scende in campo con Vingaretti al palleggio e Kajalina opposto, al centro l’ex Bertone e Caserta, in banda Serena e Grigolo con libero Fiori. Giornata di solidarietà al “Pala Scoppa” dove erano presente le associazioni “Ali d’Aquila” con i suoi ragazzi e “Hospitalitè notre dame de Lourdes”. Passiamo alla partita. Inizia il match con le ospiti che costringono Soverato a chiamare il primo time out dell’incontro sul punteggio di 4-6; Pinerolo dimostra sin dalle prime battute del match di voler vendere cara la pelle. Non è dei migliori l’approccio alla gara delle padrone di casa costrette ad inseguire le avversarie che allungano sul 4-9 con il primo cambio dalla panchina: dentro Mangani per Tanase; altro time out per le locali sul 4-12 Pinerolo. Al rientro rosicchia qualche punto Soverato e coach Moglio chiama il suo primo tempo con le piemontesi avanti 13-8; tre errori consecutivi di Soverato portano nuovamente Pinerolo su un cospicuo vantaggio, 10-18 e chiudono il primo set 13/25.

Freno tirato per il Soverato anche ad inizio secondo parziale; troppi gli errori delle biancorosse costrette ad inseguire sin da subito, 3-7, con time out per coach Bruno Napolitano. Si riavvicinano le padrone di casa che adesso sono a ridosso delle ospiti, 11-12, ma due attacchi fuori di Soverato riportano Pinerolo avanti di tre, 12-15, ma è subito parità con due punti di Hurley e parità di Alice Tanase. Sorpasso Soverato e time out per le piemontesi sul 17-15. Squadre in campo e poco dopo Soverato è sul più tre, 21-18, con tempo chiesto nuovamente da coach Moglio. La Eurospin non ci sta e recupera due punti alle locali, 23-21, con time out per coach Napolitano. Errore al servizio di Caserta e tre palle set per le calabresi con Boriassi alla battuta; sbaglia Hurley il primo ma chiude dal centro Ludovica Guidi 25/22.

Battute iniziali del set che vedono ancora Soverato costretto ad inseguire, 2-5 ma non mollano Tanase e compagne che riagguantano la parità 6-6 e passano a condurre 8-6 con time out per le ospiti. A metà secondo set le due squadre sono in perfetta parità, 12-12, con il pubblico di casa che sostiene le biancorosse. E’ Pinerolo a trovare un mini break, 14-16, con tempo per le padrone di casa. Fasi decisive del terzo set e le ospiti conducono 18-21 con coach Napolitano che ricorre al time out. Pinerolo intravede il set, 18-23, con Soverato che non riesce a rimontare lo svantaggio. Cinque set point per Bertone e compagne che chiudono proprio con la ex centrale biancorossa 19/25.

Quarto set che vede le due squadre giocare punto a punto con Soverato che vuole a tutti i costi allungare la gara al quinto set. Capitan Aricò e compagne cercano l’allungo e con due punti consecutivi di Tanase allungano sul 7-4; ace del capitano e coach Moglio ricorre al time out sul 9-5 Soverato. Mini break Pinerolo e distacco adesso di sole due lunghezze, 10-8, con time out per Volley Soverato. Ristabilita la parità, 11-11 con Soverato che ancora una volta sbaglia tanta in attacco. Di nuovo avanti la squadra di Napolitano, 16-14, e time out per le ospiti, ma al rientro Soverato riprende a marciare e si porta a due punti dal set, 23-20 con le ospiti comunque che non mollano. Ace di Boriassi e arrivano quattro palle set per Soverato: errore in battuta calabrese e time out per coach Napolitano. Al rientro, ace di Kajalina e meno due per Pinerolo, 24-22, ma chiude ancora Guidi in fast 25/22 conquistando meritatamente il tie break.

Inizia con il piede giusto Soverato, avanti 5-2, con Pinerolo costretto subito al time out; ancora Soverato e altro time out ospite sul 7-3. Al cambio campo sono quattro le lunghezze di vantaggio per Soverato, 8-4. Tenta la rimonta la Eurospin che recupera qualcosa e coach Napolitano ricorre subito al time out con Soverato avanti 9-6; al rientro allunga Soverato nella bolgia del “Pala Scoppa”, 12-6 con Aricò in battuta. Soverato sul 13-10 con le ospiti che non vogliono mollare e fa bene Napolitano a chiedere tempo dalla panchina. Squadre in campo e arrivano quattro match point con Boriassi al servizio che però sbaglia la prima opportunità, 14-11. Ci pensa Hurley a chiudere i conti 15/11. Due punti pesanti che arrivano dopo lo stop con Mondovì; adesso il Soverato è atteso dalla difficile sfida di Orvieto contro la Zambelli ancora imbattuta in campionato.

GOLDEN TULIP VOLALTO 2.0 CASERTA – ZAMBELLI ORVIETO 2-3 (25-27 25-19 16-25 25-14 12-15) 
La Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta non riesce ad aggiudicarsi il big match di giornata contro la Zambelli Orvieto, con la formazione umbra che passa al tie-break. Si torna a casa con un punto e con la testa già alla prossima partita contro Roma: sarà l’ultima del girone di andata visto che all’ultima Caserta ha il turno di riposo.

Primo set. La Zambelli Orvieto parte meglio riuscendo a volare subito sul 3-6 ma la Golden Tulip pareggia subito e poi si va punto a punto fino al 9-9. Due punti di fila della squadra ospite che si porta sul 9-11 che diventa 9-12 quando l’arbitro Dell’Orso vede out un attacco in diagonale di Perez tra i fischi dei presenti del PalaVignola. L’ace di Ciarrocchi (13-16) costringe coach Bracci a chiamare time-out ma la Volalto 2.0 non molla e macina gioco fino ad impattare nuovamente a quota 19. Si va punto a punto fino al 21 poi Cella non riesce a ricevere al meglio e Orvieto stampa il 21-23. La Stavnetchei regala 2 set point alle umbre (22-24) ma prima Perez e poi la doppia della palleggiatrice di Orvieto porta la contesa ai vantaggi. E’ D’Odorico a fare la differenza: attacco in diagonale nei tre metri e 25-27 con Caserta che ha avuto anche un set point.

Equilibrio incredibile nelle prime battute del secondo set con la Zambelli e la Golden Tulip che non riescono a trovare l’allungo e si va avanti punto a punto fino al 13-13 quando Cella e Perez si caricano la squadra sulle spalle supportate dalle ricezioni perfette di Ghilardi e dalla distribuzione eccellente di Dalia e Caserta riesce a staccarsi fino al 16-13. L’opposto venezuelano rosanero fa la differenza anche a muro: suo il monster block che vale il 20-16. L’invasione di Orvieto concede il 23-18 ma è Repice la protagonista del finale di set: fast a 100 km/h e poi l’ace e la Volalto 2.0 gira campo conquistando l’1-1 col risultato di 25-19. Perez dopo 2 set è già a quota 17 punti.

Terzo set. La formazione umbra riesce subito ad avere maggiore feeling in campo e questo significa che in pochi minuti trova il punto del +3 (9-12) quando D’Odorico (ancora lei) riesce a fare male in parallela siglando il suo personale 18° punto del match. L’invasione a rete di Dalia regala il +5 alle avversarie con la Zambelli che si porta sull’11-16. Il set ormai è andato perché si sgretola anche la ricezione rosanero con Maggipinto (entrata al posto di Melli) che subisce l’ace di D’Odorico e il tabellone dice 11-18. Si va quindi punto a punto con Orvieto che riesce anche ad allungare e chiudere con un +9 (16-25).

Quarto set. Partenza sprint di capitan Cella e compagne: difesa di piede di Ghilardi e attacco vincente rosanero per l’immdiato 4-1. Repice a muro sigla il 7-2 ed è la stessa centrale della Golden Tulip che conferma il +5 con l’ace del 10-5. Il muro di Cella permette di allungare (11-5) ma in campo c’è una sola squadra, quella di casa. Coach Bracci indica la via della vittoria e il capitano rosanero chiude uno scambio lunghissimo (19-12) che costringe coach Solforati a chiamare time-out. Ma ormai il set è andato: difese eccezionali e attacchi monster che portano la Volalto 2.0 ad avere ben 10 set point. Ne basta uno: fallo di Orvieto e 25-14. Si va al decisivo tie-break.

Quinto set. L’ace di Prandi e l’attacco out di Repice portano subito Orvieto ad avere 3 punti di vantaggio (3-6). Coach Bracci richiama in panchina le sue atlete e al rientro in campo la Volalto pareggia i conti a 6 con un bel break. L’invasione di Montani regala il vantaggio casertano (10-9) che vive fino al 12-11. Poi da qui in poi arriva un black out rosanero che viene chiuso da D’Odorico che passa in diagonale vincendo 12-15. Vince Orvieto.

VOLLEY HERMAEA OLBIA – ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY GROUP 3-0 (25-18 25-21 25-22)
Casa dolce casa. L’Hermaea Olbia torna al PalAltoGusto e trova la prima vittoria nel campionato di Serie A2. La squadra di Anile si impone per 3 set a 0 sul Volley Group Roma dopo una gara condotta con determinazione e accortezza tattica, e lascia finalmente l’ultima piazza del Girone A.

La gara. La partita contro il Volley Group rappresenta un bivio della stagione. Lo sa bene l’Hermaea, che scende in campo con un atteggiamento deciso e ben presto si ritrova sul +6 (8-2) con l’ace di Emanuela Fiore. Micoli ricorre al timeout, ma il Volley Group continua a titubare di fronte alle scatenate galluresi. Bacciottini firma il 15-8 e le cose sembrano mettersi in discesa per le padrone di casa, che conducono senza affanni. Pian piano, però, il meccanismo si inceppa. Roma risale fino al -5 (20-15), Anile interviene ma le cose non cambiano granchè. Le capitoline toccano anche il -2 sul 20-18, poi il nuovo timeout chiesto dal tecnico biancoblù riesce a sistemare le cose. Gli attacchi vincenti di Fiore e Maruotti restituiscono fiducia all’Hermaea, che chiude sul 25-18 con l’ace di Nikolaeva.

Roma cerca la reazione in avvio di secondo set e mantiene a lungo la testa nel punteggio (attacco out di Fiore per il 4-7). Contrariamente alle scorse partite, stavolta l’Hermaea non si fa travolgere dalle difficoltà, e con pazienza riprende le rivali impattando a 11 con il muro di Barazza su Cvetnic. La rimonta dà nuova verve all’Hermaea, che non si ferma più fino al 17-13 (primo tempo vincente di Tajè). Il Volley Gruop tenta un altro assalto disperato, ma stavolta Degortes e compagne tengono a distanza di sicurezza le avversarie e si portano sul 2-0 nel conto (25-21).

L’Hermaea parte forte anche nel terzo set, portandosi prima sul 2-0 con Barazza e poi sul 5-2 grazie al lungolinea di Nikolaeva. A tenere a galla Roma ci pensa Saccomani, che si carica la squadra sulle spalle riportandola a contatto (muro vincente per la parità a 16). Le olbiesi scivolano sotto dopo l’attacco out di Fiore, ma poi sorpassano e chiudono definitivamente i conti con una strepitosa Nikolaeva, tornata (quasi) sui livelli di Kazan.

“Ringraziamo il Comune di Golfo Aranci per l’ospitalità – dice il presidente Sarti – ma il Geovillage è la nostra casa, e giocare qui è tutta un’altra cosa. La squadra ha espresso un ottimo gioco seguendo le direttive dell’allenatore. Nel momento di appannamento del terzo set la squadra non si è scoraggiata, ma è rimasta sul pezzo riuscendo a tornare avanti. Nikolaeva? L’ho scelta personalmente, pensavo di averci azzeccato, e oggi ci ha fatto vedere che sa giocare a pallavolo. Ad ogni modo non abbiamo fatto ancora nulla, ma ci teniamo stretta questa vittoria sperando che possa essere di buon auspicio per il prosieguo del campionato”.

“E’ stata una liberazione – ammette coach Anile – le ragazze hanno giocato una bellissima partita. Dopo il primo set, durante il cambio campo, ho detto loro che se se stavano vincendo era per merito dell’atteggiamento positivo e concentrato. Stiamo migliorando in ogni aspetto del gioco. Il lavoro fatto sta iniziando a dare i suoi frutti. Mi è piaciuta la reazione mostrata nel terzo set, quando la squadra ha saputo reagire allo svantaggio. Nikolaeva ha margini di miglioramento, ma oggi ha dimostrato di avere dei colpi davvero importanti. La prima vittoria da capo allenatore in A2 ha un sapore dolce: ringrazio la mia famiglia che mi ha permesso di fare questo mestiere, e anche tutta la famiglia dell’Hermaea”.

GIRONE B
OMAG S.GIOV. IN MARIGNANO – SORELLE RAMONDA IPAG MONTECCHIO 3-2 (20-25 25-17 17-25 25-16 15-9)
Partita strana quella che si è vista oggi al palasport di San Giovanni in Marignano ancora gremito. Una Omag distratta regala un punto ad un’ottima Sorelle Ramonda Ipag Montecchio. Con la 4^ vittoria consecutiva la Omag SGM sale a quota 14, sorpassa Trento e mantiene le distanze da Perugia, vittorioso nell’anticipo di ieri al tie-break con Sassuolo, e 3 sole lunghezze dalla stessa Sassuolo che osserverà il turno di riposo la prossima domenica.

La cronaca. Agli ordini degli arbitri Sabia e Laghi, i due coach schierano i sestetti titolari con le seguenti formazioni: per la Omag, Battistoni in regia con Manfredini Opposto, Caneva e Lualdi al centro, Fairs e Saguatti in posto 4 e Gibertini libero. Per le Sorelle Ramonda, Giroldi in palleggio con Carletti opposto, Michieletto e Pamio laterali, Bovo e Bartolini centrali e Pericati libero.

Primo set in perfetto equilibrio. Nessuna delle due squadre riesce a prendere il largo fino al primo allungo di Montecchio che costringe Saia a fermare il gioco (11-13). Si riprende a giocare ma ora è coach Beltrami a chiamare lo stop su ace di Saguatti (13-14). Montecchio allunga ancora e Saja si gioca il secondo discrezionale (14-18). Troppi errori per le padrone di casa e Montecchio allunga ancora con Pamio in gran spolvero. Montecchio chiude i conti alla prima occasione (20-25).

La Omag parte meglio nel secondo parziale e segna un minibreak che costringe Beltrami a fermare il gioco (10-7). Nonostante i numerosi errori al servizio, le Marignanesi riescono comunque a tenere le distanze e Beltrami chiama ancora time out. Si è dovuto aspettare il finale del secondo set per ammirare la bella Omag vista domenica scorsa a Ravenna. Fairs pareggia i conti (25-17).

Montecchio mette subito in difficoltà le padrone di casa in questo terzo parziale e si porta avanti (1-5). Saja chiama il suo primo time out. Riappaiono i fantasmi del primo set e Montecchio allunga di nuovo dopo un primo parziale recupero. Saia chiama anche il secondo stop (5-10). Coach Saia manda in campo Greta Pinali al posto di capitan Saguatti (9-15). Non cambia nulla perché Montecchio allunga ancora e rientra Saguatti (10-19). Un mini break a favore della Omag e questa volta è Beltrami a chiamare lo stop (13-19). Niente da fare per le Marignanesi e Montecchio intasca il secondo punto della stagione.

La Omag ritrova la retta via e Beltrami si gioca i due time-out in un battibaleno (9-3). Allunga ancora la Omag che ritrova buone azioni difensive e il miglior attacco (16-7). Montecchio rosicchia qualche punto ed è Saja che allora ferma il gioco (16-11). Lo stop da i suoi frutti perché Saguatti e compagne si aggiudicano il quarto set e rimandano tutto al tie break (25-16).

Parte bene la Omag con Saguatti e Fairs. Beltrami ferma il gioco (4-1). Montecchio non accetta la resa e con Pamio pareggia i conti. Saja chiama il time out (4-4) primo tempo di Caneva e mani fuori di Fairs (6-4). Si va al cambio campo con le padrone di casa in vantaggio di tre punti (8-5). Subito un attacco fuori per Montecchio e Beltrami chiama ancora stop (9-5). Due muri consecutivi e la Omag arriva al 13-7. Errore al servizio di Larson e ci sono 7 match point per la Omag che chiude al secondo tentativo con capitan Saguatti.

BARRICALLA CUS TORINO – DELTA INFORMATICA TRENTINO 3-0 (25-20 25-13 25-17)
Vittoria schiacciante al Pala Ruffini per il Barricalla Cus Torino nella settima giornata di andata del girone B della Samsung Volley Cup di serie A2 femminile, 3-0 sulla Delta Informatica Trentino.

La cronaca. Coach Marchiaro scende in campo con Morolli in palleggio, Agostinetto opposto, al centro capitan Gobbo e Martinelli, schiacciatrici Coneo e Fiorio, Lanzini libero. Risponde coach Negro con Moncada in palleggio, Baldi opposto, al centro Furlan e Fondriest, schiacciatrici Mc Clendon e Fiesoli, Moro libero.

Nel primo set il Barricalla parte forte. Allunga subito sul 13-9 per arrivare a 17-10. La Delta recupera e il primo time out chiamato da coach Marchiaro sul 20-17. Capitan Gobbo e compagne allungano nuovamente e sul 22-17 è time out per coach Negro. Al rientro Fiorio firma il 23-17. Un attacco di Fondriest ed è 23-18. Nuovamente Fondriest, 23-19. Errore per la Delta ed è 24-19. Errore CUS 24-20. Errore in servizio per Trentino ed è 25-20 CUS.

Secondo parziale con il Barricalla nuovamente sugli scudi. Il primo time out ospite è sul 12-7. Le ospiti recuperano e si portato 14-11 ed è time out cussino. Al rientro in campo è un attacco di Agostinetto a riportare il CUS a più quattro. Coneo picchia forte ed è 16-12. Errore della Delta ed è 17-12. Fast di Martinelli ed è 18-12. Muro di Martinelli ed è 19-12, time out per coach Negro. Attacco out per le ospiti ed è 20-12. Pipe vincente di Fiorio, 21-12. Errore per Baldi ed è 22-12. Ace di Agostinetto, 23-12. Palletta vincente di Morolli, 24-13. Dentro Vokshi per Morolli. Mani fuori di Fiorio ed è 25-13.

È nuovamente il CUS a partire forte nel terzo set, 10-6 a favore del Barricalla. Time out per coach Negro sull’11-6 dopo un errore di Fondriest. Secondo time out per le ospiti sul 14-6 dopo una palletta vincente di Gobbo. Il Barricalla continua a picchiare forte ed 17-10. Una bomba di Coneo ed è 18-10. Out l’attacco di McClendon ed è 19-10. Palletta di Coneo vincente ed è 20-10. Ace di Agostinetto ed 21-10. Trentino riesce ad accorciare le distanze e si arriva sul 22-15. Palletta di Morolli ed è 23-15. Dentro Vokshi per Morolli e Mabilo per Gobbo. Mani fuori di Fiorio ed è 24-16. Errore CUS 24-17. Errore in battuta per la Delta ed è 25-17 per il Barricalla.

Queste le parole di Daniela Gobbo per il Barricalla a fine match: “E’ stata una bella ed importante vittoria. Il PalaRuffini è la nostra giocatrice in più e tutte le squadre avversarie hanno trovato difficoltà a giocare qui quindi dobbiamo sfruttarlo al massimo come stiamo facendo”.

“Non abbiamo giocato la nostra migliore pallavolo – dichiara Silvia Fondriest per Trento – ed è stato difficile prendere le misure in questo palazzetto. Il CUS è una squadra che ti impone di rigiocare più volte lo scambio e noi oggi non siamo state in grado di rimanere in partita”.

CUORE DI MAMMA CUTROFIANO – SIGEL MARSALA 3-0 (25-23 25-18 25-17)
Un grande Cuore di Mamma Cutrofiano si impone nettamente, con un secco ed inappellabile 3-0 contro una Sigel Marsala vogliosa ma capace di essere in partita solo nel primo set. Grande merito va riconosciuto a mister Carratù ed alle sue ragazze, capaci di non perdere mai la concentrazione e dimostrando finalmente il carattere e la grinta necessarie per affrontare questo bellissimo ed entusiasmante campionato di A2.

La partita contro Marsala, oltre che ad essere il derby del Sud del Girone B di A2 è un match che vale doppio e per questo entrambe le squadre sono ben consapevoli della posta in palio. Appaiate a quota due punti in classifica, il passo falso è davvero imperdonabile. Pubblico di casa come sempre strepitoso, dal tifo incessante dalla prima all’ultima azione. Tutti sono concentrati sull’obbiettivo, atteso quanto agognato, quello della vittoria piena, da tre punti, per capitalizzare al massimo il primo dei due turni casalinghi consecutivi.

Partenza equilibrata quella del primo parziale. Si va avanti punto a punto sino al 22-22, a testimonianza della grande tensione nervosa e sportiva che caratterizza sia il Cuore di Mamma, sia il Marsala. Un grande Cutrofiano, con caparbietà, mette la freccia nella parte più importante del set, piazzando un break decisivo, grazie ad un ace che consente di fare il salto decisivo e portare a casa il primo gioco sul 25-23.

Equilibrio totale sino a metà del set, quando Cutrofiano, esprimendo una fase di ricezione e difesa davvero importante, si porta sul 19-15 quando Marsala, tramortita nello spirito, crolla verticalmente sino ad arrendersi per 25-18. Un Cutrofiano in palla che finalmente riesce a muovere la classifica.

Anche nel terzo set, il filo rosso della partita prosegue come nei precedenti parziali. Equilibrio iniziale, con Cutrofiano che accelera a metà del gioco, lasciando le briciole alle avversarie e stroncandole nel gioco e nel morale con un gioco davvero efficace in tutti i fondamentali.

Ora, rinfrancate nell’autostima e nel morale, le pantere salentine possono guardare con fiducia all’immediato futuro, sicuramente più sereno e con nuova consapevolezza.

SAMSUNG VOLLEY CUP A2
I RISULTATI DELLA 7^ GIORNATA
GIRONE A
Domenica 11 novembre, ore 16.30

Volley Hermaea Olbia – Acqua&Sapone Roma Volley Group 3-0 (25-18 25-21 25-22)
Domenica 11 novembre, ore 17.00
LPM Bam Mondovì – Itas Città Fiera Martignacco 3-0 (25-13 25-17 25-23)
Volley Soverato – Eurospin Ford Sara Pinerolo 3-2 (13-25 25-22 19-25 25-22 15-11)
Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta – Zambelli Orvieto 2-3 (25-27 25-19 16-25 25-14 12-15)
Riposa: P2P Givova Baronissi

GIRONE B
Sabato 10 novembre, ore 20.30
Bartoccini Gioiellerie Perugia – Canovi Coperture Nolo 2000 Sassuolo 3-2 (25-12, 22-25, 23-25, 26-24, 15-12)
Domenica 11 novembre, ore 17.00
Omag S.G. Marignano – Sorelle Ramonda Ipag Montecchio 3-2 (20-25 25-17 17-25 25-16 15-9)
Barricalla Cus Torino – Delta Informatica Trentino 3-0 (25-20 25-13 25-17)
Cuore di Mamma Cutrofiano – Sigel Marsala 3-0 (25-23 25-18 25-17)
Riposa: Conad Olimpia Teodora Ravenna

LE CLASSIFICHE
GIRONE A

LPM Bam Mondovì* 19; Zambelli Orvieto 16; Volley Soverato 15; Itas Città Fiera Martignacco 9; Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta* 8; Eurospin Ford Sara Pinerolo 7; P2P Givova Baronissi 5; Volley Hermaea Olbia 3; Acqua & Sapone Roma Volley Group 2.
* una gara in più

GIRONE B
Canovi Coperture Nolo 2000 Sassuolo* 17; Bartoccini Gioiellerie Perugia* 15; Omag S.Giov. In Marignano 14; Delta Informatica Trentino 12; Barricalla Cus Torino 9; Conad Olimpia Teodora Ravenna 8; Cuore Di Mamma Cutrofiano 5; Sigel Marsala 2; Sorelle Ramonda Ipag Montecchio 2.
* una gara in più

I TABELLINI
GIRONE A
LPM BAM MONDOVI’ – ITAS CITTA’ FIERA MARTIGNACCO 3-0 (25-13 25-17 25-23) – LPM BAM MONDOVI’: Rebora 7, Zanette 16, Biganzoli 13, Midriano 2, Valpiani 1, Schlegel 9, Agostino (L), Valli, Tonello. Non entrate: Bovolo, Ambrosio, Mandrile, Angelini. All. Delmati. ITAS CITTA’ FIERA MARTIGNACCO: Molinaro 12, Gennari 3, Caravello 7, Tangini 3, Sunderlikova 4, Fedrigo 1, De Nardi (L), Martinuzzo 4, Pozzoni 3, Beltrame 1, Turco 1, Pecalli, Dhimitriadhi. All. Gazzotti. ARBITRI: Fontini, Rossi. NOTE – Durata set: 20′, 23′, 28′; Tot: 71′.

VOLLEY SOVERATO – EUROSPIN FORD SARA PINEROLO 3-2 (13-25 25-22 19-25 25-22 15-11) – VOLLEY SOVERATO: Boriassi 13, Boldini 7, Hurley 17, Guidi 10, Arico’ 11, Tanase 16, Napodano (L), Riparbelli 1, Mangani 1, Formenti. Non entrate: Barbiero, Saccani. All. Napolitano. EUROSPIN FORD SARA PINEROLO: Vingaretti, Grigolo 9, Caserta 5, Kajalina 28, Serena 13, Bertone 12, Fiori (L), Zanotto 4, Allasia, Zamboni. Non entrate: Buffo, Casalis, Nasi, Tosini. All. Moglio. ARBITRI: Colucci, Stancati. NOTE – Durata set: 20′, 28′, 26′, 30′ , 19′ ; Tot: 123′.

  • GOLDEN TULIP VOLALTO 2.0 CASERTA: Cella 11, Frigo 5, Perez Gonzalez 30, Melli 13, Repice 13, Dalia 6, Ghilardi (L), Fucka 1, Maggipinto. Non entrate: Trevisiol, Giugovaz. All. Bracci. ZAMBELLI ORVIETO: Stavnetchei 12, Montani 13, Prandi 5, D’Odorico 29, Ciarrocchi 11, Venturini 9, Cecchetto (L), Bussoli 1, Quiligotti (L), Kantor, Mucciola. Non entrate: Decortes, Angelini. All. Solforati. ARBITRI: Dell’Orso, Grassia. NOTE – Durata set: 29′, 25′, 24′, 23′ , 23′ ; Tot: 124′.

VOLLEY HERMAEA OLBIA – ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY GROUP 3-0 (25-18 25-21 25-22) – VOLLEY HERMAEA OLBIA: Fiore 14, Nikolaeva 14, Taje’ 6, Bacciottini 3, Maruotti 10, Barazza 13, Degortes (L). Non entrate: Padula, Giometti, La Licata, D’Elia, Mele. All. Anile. ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY GROUP: Percan, Quarchioni 9, Fava 7, De Luca Bossa, Saccomani 12, Busolini 7, Negretti (L), Cvetnic 4, Mazzoni 1, Oggioni, Vietti. Non entrate: De Arcangelis. All. Micoli. ARBITRI: Scotti, Armandola. NOTE – Durata set: 25′, 24′, 27′; Tot: 76′.

GIRONE B
OMAG S.GIOV. IN MARIGNANO – SORELLE RAMONDA IPAG MONTECCHIO 3-2 (20-25 25-17 17-25 25-16 15-9) – OMAG S.GIOV. IN MARIGNANO: Battistoni 1, Fairs 21, Caneva 9, Manfredini 17, Saguatti 10, Lualdi 15, Gibertini (L), Pinali 1, Gray. Non entrate: Mazzotti, Guasti, Mandrelli, Casprini. All. Saja. SORELLE RAMONDA IPAG MONTECCHIO: Giroldi 1, Michieletto 10, Bovo 7, Carletti 15, Pamio 27, Fiocco 3, Pericati (L), Stocco 1, Trevisan 1, Larson. Non entrate: Bartolini, Frison. All. Beltrami. ARBITRI: Sabia, Laghi. NOTE – Durata set: 26′, 22′, 26′, 23′ , 17′ ; Tot: 114′.

BARRICALLA CUS TORINO – DELTA INFORMATICA TRENTINO 3-0 (25-20 25-13 25-17) – BARRICALLA CUS TORINO: Morolli 2, Fiorio 16, Gobbo 5, Agostinetto 13, Coneo 11, Martinelli 7, Lanzini (L), Gamba, Mabilo, Vokshi, Camperi. Non entrate: Garrafa Botta, Poser. All. Marchiaro. DELTA INFORMATICA TRENTINO: Fondriest 5, Moncada, Fiesoli 9, Furlan 3, Baldi 11, Mc Clendon 7, Moro (L), Mazzon 1, Tosi 1, Carraro, Mazzon, Mason. Non entrate: Vianello (L). All. Negro. ARBITRI: Di Blasi, Salvati. NOTE – Spettatori: 450, Durata set: 27′, 23′, 25′; Tot: 75′.

CUORE DI MAMMA CUTROFIANO – SIGEL MARSALA 3-0 (25-23 25-18 25-17) – CUORE DI MAMMA CUTROFIANO: Saveriano 4, Lotti 10, Antignano 3, Lutz 16, Moneta 13, Manzano 9, Barbagallo (L), Morone. Non entrate: Vincenti, Negro, Faraone (L), Prete. All. Carratu’. SIGEL MARSALA: Angeloni 12, Gabrieli 4, Taborelli 16, Brzezinska 6, Fucka 4, Avenia 1, Ameri (L), Cosi 1, Luzzi, Salvestrini, Turla’. Non entrate: Vaccaro (L). All. Barbieri. ARBITRI: Capolongo, Autuori. NOTE – Durata set: 28′, 24′, 23′; Tot: 75′.

IL PROSSIMO TURNO
GIRONE A
Domenica 18 novembre, ore 17.00
Zambelli Orvieto – Volley Soverato
P2P Givova Baronissi – Volley Hermaea Olbia
Eurospin Ford Sara Pinerolo – Itas Città Fiera Martignacco
Acqua&Sapone Roma Volley Group – Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta
Riposa: LPM Bam Mondovì

GIRONE B
Sabato 17 novembre, ore 20.30
Delta Informatica Trentino – Bartoccini Gioiellerie Perugia
Domenica 18 novembre, ore 16.00
Sigel Marsala – Omag S.G. Marignano
Domenica 18 novembre, ore 17.00
Cuore di Mamma Cutrofiano – Conad Olimpia Teodora Ravenna
Barricalla Cus Torino – Sorelle Ramonda Ipag Montecchio
Riposa: Canovi Coperture Nolo 2000 Sassuolo

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery