Pallavolo – Secondo stop consecutivo al tie break: Milano cade a Siena che trova la prima gioia

Revivre Axopower Milano

Non bastano due ore di partita ai ragazzi di Giani per avere la meglio dell’Emma Villas: alla fine è 3-2 per Siena

Secondo stop consecutivo al tie break per la Revivre Axopower Milano che cade al PalaEsstra di Siena e concede ai padroni di casa dell’Emma Villas la prima vittoria stagionale dopo più di due ore di partita. Match altalenante e ricco di emozioni quello che hanno disputato le due squadra ma nella lotteria del quinto parziale è stata la squadra di coach Cichello ad avere la meglio, trascinati da Marouf, poi MVP del match.

Torna a casa con un solo punto la Powervolley del tecnico Andrea Giani, con il rimpianto di non aver avuto la lucidità e la forza di chiudere un primo set che Matteo Piano e compagni avevano condotto fino al 14-16. Alcuni errori e disattenzioni hanno permesso a Siena di rientrare e di chiudere il primo parziale 25-23. È invece tutta un’altra squadra quella ammirata nel secondo set, dove il 70% di positività in attacco consegna a Milano il pareggio nel conto dei set, con un Nimir in stato di grazia (26 punti finali per l’olandese). L’equilibrio viene rotto nuovamente da Siena che nel terzo gioco approfitta di un calo della Revivre Axopower, piazzando un break di quattro punti per il 25.20. L’orgoglio milanese viene fuori nel quarto set, sebbene le due squadre dimostrino di avere voglia di lottare su ogni pallone: differenza che è venuta fuori nel quinto ed ultimo set dove il break finale, risultato poi decisivo, nasce da due servizi di Marouf.

Si lecca le ferite e si mangia le mani la Revivre Axopower Milano che non approfitta del periodo negativo di Siena, sebbene ci fosse la consapevolezza che oggi si sarebbe affrontata una squadra ostica anche se non supportata dai risultati. La differenza l’hanno fatta i dettagli e quella voglia in più di buttare giù il pallone decisivo quando la tecnica e le gambe non bastano più. Si dovrà ripartire da qui e, come sempre, dall’analisi delle cose che non sono andate. Se Milano limita questa volta gli errori in battuta (18) e trova un buon ritmo dai 9 metri (10 ace), perde qualcosa in difesa. Con motivazione da ritrovare ed orgoglio da tirar fuori si lavorerà in settimana, perché domenica al PalaYamamay arriva Verona per un match arduo ma che potrà dire molto della tenacia della Revivre Axopower.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery