NBA – Coach Brown stiglia i Sixers: “non possiamo considerarci una grande ad Est”

Joel Embiid - 3° Frontcourt Est (LaPresse/PA)

Coach Brett Brown striglia i Sixers dopo il complicato inizio di stagione: secondo l’head coach di Philadelphia, Embiid e compagni non possono considerarsi fra i migliori team ad Est

Dopo l’addio di LeBron James ai Cavs, la Eastern Conference è rimasta senza padrone. Fra le squadre che avrebbero potuto prendere il post dei Cleveland Cavaliers, ad inizio stagione, erano state designate i Boston Celtics, i Toronto Raptors, i Milwaukee Bucks e i Sixers. Se le prime tre hanno rispettato ampiamente i pronostici, i Sixers invece hanno vissuto un inizio di stagione balbettante con 6 vittorie  e 5 sconfitte. L’ultimo ko, subito contro i Brooklyn Nets, ha fatto arrabbiare coach Brett Brown che ha strigliato i suoi nel post gara mettendo nero su bianco la situazione in casa Sixers: “ora come ora, non siamo tra le grandi della Eastern Conference, ovvero ciò che vogliamo essere e diventare. Ne abbiamo tutte le qualità, ma ora dopo 11 partite semplicemente non lo siamo. Questo è un gruppo che ha orgoglio e volontà di lottare, e troverà il modo di crescere e salire di rendimento. E’ mio compito rendere possibile ciò. […] Per vincere fuori casa, non si possono accumulare così tante palle perse. Non si possono concedere così tanti rimbalzi. La capacità di rimanere uniti, di incassare, superare e rispondere ad ogni colpo duro che arriva dall’avversario è cosa a cui si arriva. Ora questa capacità non l’abbiamo“.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery