MotoGp, Valentino Rossi e quei punti interrogativi: “in Malesia sono due gli elementi da tenere d’occhio”

valentino rossi AFP/LaPresse

Il pilota della Yamaha ha parlato dopo la prima giornata di libere, sottolineando come saranno la scelta delle gomme e il meteo a fare la differenza

Prima giornata interlocutoria per Valentino Rossi a Sepang, il Dottore ha chiuso con un mezzo sorriso le prime due sessioni di libere considerando il comportamento della sua Yamaha.

AFP/LaPresse

C’è ancora da migliorare, ma l’avvio di week-end è buono stando alle dichiarazioni del pesarese ai microfoni di Sky Sport MotoGp: “abbiamo lavorato molto sulla moto dopo la gara in Australia per cercare di avere più grip con la gomma posteriore, il primo feeling è buono e sono stato piuttosto veloce. E’ stato un buon inizio, anche se ci sono da migliorare alcune cose. L’anteriore morbida è un po’ rischiosa, ma si potrebbe provare anche dietro. Molti hanno provato a fare il passo con la gomma soft al posteriore e non mi sembra male. I più grandi punti interrogativi saranno la scelta gomme e il tempo, oggi è stato asciutto ma qui può piovere da un momento all’altro. Oggi siamo andati subito molto bene, tutti hanno spinto perché non ci saremmo aspettati un turno sull’asciutto. Poi ne abbiamo avuto un altro nel pomeriggio, anche se è stata più dura perché faceva veramente molto caldo. Domenica sarà tosta, perché dopo pochi giri la fatica si fa sentire“.

AFP/LaPresse

Sulle possibilità di vittoria, Rossi ha sottolineato: “è solo venerdì, quindi è presto per parlare e dire che domenica saremo a posto, però l’inizio è stato buono. Abbiamo cercato di far lavorare la moto in una maniera un po’ diversa al posteriore ed è tutta una questione di setting, però sia io che Maverick siamo andati bene e questo è importante. Adesso vediamo nei prossimi giorni. La moto è la stessa che avevamo in Australia e non avremo niente di nuovo da provare da qui a Valencia. Oggi abbiamo lavorato solo sul set-up. Per me si fa più fatica qui che in Thailandia, perché non c’è l’ossigeno nell’aria. Con l’umidità non recuperi, poi qui il circuito è più impegnativo. Se dovesse piovere, sembra comunque che l’asfalto si asciughi meglio, in maniera più normale. Questo è molto importante“.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery