MotoGp – Lorenzo ed i complimenti a Valentino Rossi, Jorge chiarisce il perchè del suo gesto: “se un rivale è strepitoso lo devi dire”

jorge lorenzo

Jorge Lorenzo commenta la sua prossima stagione dopo il mancato Gp di Malesia ed il ritorno in Europa per l’appuntamento di Valencia

Jorge Lorenzo, assente dagli ultimi appuntamenti del campionato di MotoGp per infortunio, si è presentato a Milano in occasione dell’EICMA. Ai microfoni di Gazzetta dello Sport, il pilota spagnolo ha parlato della sua stagione, l’ultima in Ducati prima dell’approdo in Honda.

jorge lorenzoHo fatto una stagione più costante. – ha dichiarato il maiorchino – È impossibile essere costanti in tutte le stagioni. Mi ricordo nel 2010, quando sono andato sempre a podio tranne quattro volte ed ho fatto il record di punti della storia. Per altre stagioni non puoi mantenere la costanza per errori e sfortuna. Quando ci sono state vittorie e podio è stato speciale quest’anno, come Mugello e Montmelò, i momenti buoni sono stati molto buoni. Ci sono stati dei momenti della stagione che hanno contraddistinto un inizio negativo, a metà molto positivo ed alla fine negativo. Non potrò finire la stagione in Ducati nel migliore dei modi”. 

valentino rossi

AFP/LaPresse

Alla gente non deve sorprendere quando una persona fa il complimento ad un’altra indipendentemente dal passato. – ha confessato Lorenzo sui complimenti a Valentino Rossi dopo il Gp di Malesia – Quando vedi un rivale fare una gara grandiosa ti devi congratulare, quando un rivale fa una gara strepitosa lo devi dire. Voglio dire sempre la verità. La costanza che ha dimostrato (Valentino Rossi, ndr) è stata incredibile. Pista lunga e caldo tremendo è stato speciale, ha avuto la sfortuna di cadere, ma ho voluto specificare la grande gara. Anche con Marquez quando ha vinto il titolo l’ho fatto”. 

Saremo la coppia con più titoli mondiali della storia. – ha specificato Jorge sul prossimo compagno di box – Siamo due piloti veloci con fame di successo, completi e vogliamo la stessa cosa. Se c’è rispetto e facciamo un lavoro buono la squadra ne beneficerà. Marquez avrà la sua teoria, io vengo alla prossima sfida con umiltà e con la possibilità di lavorare e imparare da lui”. 

Valuta questo articolo

5.0/5 da 1 voto.
Please wait...


FotoGallery