Ilicic ed il racconto da brividi: “non volevo dormire, avevo paura di non svegliarmi come Astori”

Paola Garbuio/LaPresse

Josip Ilicic ha parlato dei momenti difficili vissuti ad inizio stagione, quando una lunga malattia lo ha tenuto lontano dal terreno di gioco

Quello che è successo ad Astori mi è rimasto in testa per giorni. Non riuscivo più a dormire perché ci pensavo sempre. E quando sono stato male quest’estate ho pensato davvero che potesse capitare anche a me. C’è stato un periodo in cui avevo paura di andare a letto e addormentarmi”. Josip Ilicic ha raccontato al Corriere dello sport i giorni della sua malattia, giorni nei quali ha pensato anche al peggio. Il caso Astori risuonava nella sua mente come un incubo frequente.

ilicic

LaPresse/REUTERS

Ho avuto paura. Dicevo: e se domani mattina non mi sveglio? Come farò a non vedere più la mia famiglia? Ci sono persone che col mio stesso problema sono finite in coma. A me l’infezione è rimasta circoscritta ai linfonodi del collo, ad altre persone si è estesa. Se ci penso… Diciamo che guardo oltre il calcio. Faccio il mio lavoro sul campo, poi torno a casa dai miei cari e li voglio sempre accanto. La vita è breve. Sono più forte di testa, lì è cambiato qualcosa. Prima mi arrabbiavo per stupidaggini, ora vivo meglio“.

Adesso Ilicic si era allontanato dal calcio, pensando solo a riacquistare la possibilità di camminare normalmente: “Ho smesso di guardare partite e calcio in tv, ho pensato solo alla mia famiglia per salvarmi e guarire. A un certo punto ho sperato anche solo di poter tornare a camminare come una persona normale, neanche fare il calciatore… poi ne sono uscito del tutto”.

Valuta questo articolo

1.0/5 da 1 voto.
Please wait...


FotoGallery