Bonucci prima aizza, poi vuole il tappeto rosso e dà degli “imbecilli” ai tifosi: stavolta ha esagerato!

leonardo bonucci Marco Alpozzi/LaPresse

Leonardo Bonucci avrebbe voluto il tappeto rosso in terra a San Siro dopo il suo indimenticabile passaggio da capitano in maglia rossonera

La querelle Bonucci sta facendo molto discutere in queste ore, per la gioia del calciatore, il quale sguazza all’interno di queste questioni. Sembra piacere a Leonardo tale situazione, sembra caricarsi ancora di più. Ma andiamo con ordine, ieri sera a San Siro è stato fischiato dai suoi ex tifosi del Milan, scatenando il caos mediatico e non solo. “I fischi? La mamma degli imbecilli è sempre incinta…”, ha dichiarato Bonucci esagerando un po’ con i termini. Sia chiaro, sono assolutamente banditi dagli stadi razzismo, violenza, insulti, omofobia e quant’altro, ma non togliamo ai tifosi anche la possibilità di criticare chicchessia, sopratutto se vi sono precedenti scottanti. Bonucci non si è comportato bene con il Milan e pretende anche il tappeto rosso? Ha dichiarato di aver vissuto una stagione di vacanza, d’aver sbagliato ad andare al Milan e poi la frase più eloquente: “In bianconero mi esprimo al meglio. Al Milan non ci sono riuscito, probabilmente perchè avevo già preso la decisione di tornare a casa“. Dopo che i rossoneri gli avevano affidato le chiavi della difesa e la fascia di capitano, Bonucci ha tradito la fiducia voltando le spalle ad un glorioso club come nulla fosse, di certo non poteva aspettarsi applausi al suo ritorno. Definire imbecilli dei tifosi feriti è stata una caduta di stile. Sarebbero stati imbecilli (ed anche qualcosa in più) qualora avessero compiuto atti di violenza oppure insultato pesantemente il calciatore, ma qualche fischio non ha mai fatto male a nessuno, quella reazione costruita a tavolino, Bonucci l’avrebbe potuta evitare anche se aizzare è il suo forte…

Valuta questo articolo

5.0/5 da 4 voti.
Please wait...


FotoGallery